Il tasso di suicidi in Grecia. Prima e dopo la "cura" Troika

Il tasso di suicidi in Grecia. Prima e dopo la "cura" Troika

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Poco meno di quindici anni fa, prima che la mannaia della Troika si abbattesse sul popolo, in Grecia il tasso di suicidi era fra i più bassi del mondo: 2,8 ogni 100mila abitanti.
 
Un dato che, nel solo biennio immediatamente successivo al primo memorandum, subisce un incremento del 80% (5 decessi ogni 100mila abitanti) per poi impennarsi drammaticamente - in coincidenza dell’inasprirsi delle politiche di austerità - fino a 10 suicidi ogni 100mila abitanti nel 2014.
 
Nel solo quinquennio 2010-15, in Grecia, si piangono tremila suicidi accertati. Seicento morti all’anno - quasi due al giorno - su una popolazione complessiva di poco superiore a quella della Lombardia.
 
Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di cittadini greci maschi, di età compresa fra 50 e 59 anni, quasi tutti disoccupati.
 
Persone definitivamente tagliate fuori dal mercato del lavoro che, in concomitanza con l’aumento dell’età pensionabile, si ritrovano senza soldi e senza fonti di sostentamento per le loro famiglie.
 
Un dato sconvolgente che, come riporto dettagliatamente in "Memorandum, una moderna tragedia greca", se sommato all’aumento della mortalità infantile e di quella generale (+14%), mostra la cifra dell’immane tragedia vissuta dai greci.
 
 
 
 
 
Un agghiacciate e insensato dramma della modernità che si è consumato quotidianamente sotto i nostri occhi, in nome dei conti pubblici, del rigore e del rispetto di assurdi parametri contabili. Regole che hanno annichilito decine di migliaia di persone, private per sempre di qualunque prospettiva di mera sopravvivenza.
 
Non semplici catastrofi familiari, ma veri e propri omicidi di Stato.
 
Il giorno in cui istituiremo la Giornata del Ricordo per le vittime dell'austerità, delle banche, del libero mercato e dell’Europa unita, forse, diventeremo una società veramente civile e in pace con sé stessa.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente