Il terrorismo dei neonazisti di Azov nel Donbass raccontato da un residente di Mariupol

Il terrorismo dei neonazisti di Azov nel Donbass raccontato da un residente di Mariupol

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’attuale situazione che si è venuta a creare in Ucraina affonda le radici negli anni passati dove le popolazioni russofone del Donbass hanno vissuto anni di paura e repressione. Durante gli otto anni di guerra civile in Ucraina, i combattenti del battaglione neonazista Azov - coccolati da tutto l’occidente democratico - hanno tenuto nel terrore la popolazione della regione del Donbass, ha dichiarato a RT un pensionato della città di Mariupol, nella Repubblica Popolare di Donetsk.

"La gente viveva semplicemente nella paura, perché era un segreto aperto, e sottovoce la gente si passava la notizia che i membri di Azov avevano accoltellato qualcuno, che i neonazisti avevano ucciso una persona, che avevano aperto il fuoco in un bar", ha ricordato il residente di Mariupol.

"Tutti sapevano" che i combattenti di Azov "l'avrebbero fatta franca, impunemente", ha lamentato. Secondo le sue dichiarazioni, i civili avevano persino paura di viaggiare sui mezzi pubblici, per timore di essere colpiti da un proiettile vagante, come è successo una volta su un autobus.

"Tutto questo avveniva in modo palese davanti alle autorità locali", evidenziando che la svastica delle SS, l'organizzazione militare al servizio di Adolf Hitler, era visibile nei luoghi pubblici della città.

Dopo il colpo di Stato in Ucraina del febbraio 2014, orchestrato dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea, diverse zone dell'est e del sud del Paese non hanno riconosciuto la legittimità dell'autoproclamato governo di Kiev e, con proteste di massa, hanno chiesto la federalizzazione.

Tra le altre misure, le nuove autorità ucraine hanno revocato la legge che sanciva l'uso del russo come lingua ufficiale nelle regioni orientali del Paese. Inoltre, per sedare le proteste nella regione, Kiev ha inviato l'esercito e ha lanciato la sua "operazione antiterrorismo", che ha portato a una guerra civile e ha diviso l'Ucraina in due.

Di testimonianze come questa ce ne sono molteplici ma sui media occidentali autoproclamatisi liberi e democratici non ne troverete traccia. Il motivo è presto detto: i neonazisti di Azov sono stati descritti come combattenti per la libertà, sinceri democratici e studiosi di Kant. Cavalieri senza macchia e senza paura. Crollerebbe tutta la narrazione mendace costruita per coprire i crimini del regime di Kiev. 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra