Importazioni petrolio cinesi rafforzano posizione dell'Iran ai colloqui di Vienna

Importazioni petrolio cinesi rafforzano posizione dell'Iran ai colloqui di Vienna

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'aumento della produzione petrolifera iraniana, grazie alle importazioni dalla Cina, giocherebbe contro l'Occidente nei colloqui sul nucleare a Vienna,.

Un rapporto pubblicato ieri dal quotidiano americano The Wall Street Journal  (WSJ) ricorda che l'aumento della produzione petrolifera iraniana è avvenuto da maggio 2019, nei momenti più tesi della massima pressione della precedente amministrazione degli Stati Uniti, presieduta dal repubblicano Donald Trump.

"Grazie all'aumento delle importazioni dalla Cina, la produzione del petrolio iraniano sanzionato è salita ai livelli più alti in quasi due anni, una pratica che diminuisce il vantaggio dell'Occidente nei colloqui in corso [a Vienna, Austria] per ripredere l'accordo nucleare con l'Iran" firmato in 2015, si legge nel rapporto.

Il quotidiano statunitense ha basato le sue osservazioni sui dati dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), che hanno indicato che l'Iran ha prodotto 2,3 milioni di barili al giorno a marzo.

La Cina ha acquistato 600mila barili al giorno, una cifra cinque volte superiore alle importazioni effettuate nei primi nove mesi del 2020, sottolinea la pubblicazione citando i dati dell'Aiea.

Tutto ciò, aggiunge WSJ , è stato fatto nonostante le dure sanzioni statunitensi, che sono diventate più draconiane nell'era del nuovo presidente degli Stati Uniti, il democratico Joe Biden.

Il 27 marzo,  Teheran e Pechino hanno firmato un accordo di cooperazione strategica  che implica che quest'ultima investirà circa 400 miliardi di dollari nei settori dell'energia e delle infrastrutture iraniane per un periodo di 25 anni. 

In cambio, Teheran garantirà la fornitura sostenuta di prodotti energetici importanti per la sua potente industria.

Molti analisti vedono il patto come una grande sfida per gli Stati Uniti e credono che l'alleanza tra Teheran e Pechino vanificherà i piani statunitensi di isolare il paese persiano.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti