Khorasan e la costruzione coloniale dell'"Afghanistan"

Khorasan e la costruzione coloniale dell'"Afghanistan"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Inizia un viaggio di ricerca storica alle radici dell'Afghanistan, una modalità per capire gli attuali conflitti, come ha agito e come forse agirà il colonialismo occidentale.

Questo saggio per Al Mayadeen English è stato tradotto dal tedesco e dall'inglese in italiano da Nora Hoppe.

Senza una conoscenza della storia, non si può capire il mondo di oggi... Per la maggior parte delle persone, soprattutto per gli occidentali, l'"Afghanistan" rimane un oscuro enigma. Ma la natura enigmatica di questo costrutto è stata coltivata... e lo è ancora oggi, perché rappresenta adeguatamente il perdurante mito romantico colonialista di una terra selvaggia popolata da barbari temerari.

Prima di affrontare l'attuale situazione dell'Afghanistan e dell'Asia centrale nei miei prossimi saggi, vorrei prima fornire alcuni fondamentali cenni storici sulla regione per permettere una migliore comprensione delle complesse circostanze che la riguardano oggi...

PARTE I 

Capitolo 1

v La maledizione del colonialismo...

v Il nome e il costrutto di "Afghanistan...

La maledizione del colonialismo.

L'ideologia del colonialismo ha sempre cercato di staccare i popoli colonizzati dalle loro risorse ancestrali e civili per poter soggiogarli e dominarli - non solo economicamente e politicamente, ma anche culturalmente, intellettualmente e psicologicamente. Coerentemente con la loro massima "divide et impera", i colonialisti di tutto il mondo hanno tracciato frontiere a loro vantaggio; hanno diviso paesi e regioni, li hanno rinominati e ricontestualizzati. Queste "ricontestualizzazioni" hanno poi plasmato i punti di vista degli abitanti degli stati colonialisti... e questi punti di vista sono stati e continuano ad essere trasmessi a tutta la società globale attraverso vari canali mediatici, pubblicazioni ed di educazione. E questi punti di vista non sono stati abbracciati esclusivamente dalle nazioni coloniali - - sono stati adottati anche da gran parte delle stesse società colonizzate, che d'ora in poi hanno cominciato a vedersi attraverso gli occhi dei colonizzatori...

In questo modo, furono fabbricate false identità - a livello etnico, nazionale e anche individuale. (La nozione di "esotismo" nelle società colonialiste è un buon esempio di questo.... ma questo è un argomento che merita un saggio a parte).

È quindi essenziale che gli abitanti delle regioni in cui il colonialismo continua a devastare le culture indigene fino ad oggi (il colonialismo non appartiene solo alla storia!) prendano coscienza di queste circostanze e indaghino le cause e le radici delle false identità che sono state loro imposte.

Il discorso sull'identità è stato un argomento dominante per molti accademici per un bel po' di tempo, occupando non solo i campi dell'arte e della cultura, ma anche la politica, la sociologia, la psicologia e la filosofia.

Una delle regioni in cui gli interventi coloniali hanno avuto un impatto significativo sulla storia, la geografia, la cultura, la mentalità e infine la vita del popolo è l'Afghanistan.

Il nome e il costrutto dell'"Afghanistan"

La nazione e il paese "Afghanistan", con i suoi attuali confini e costituzione, esiste in realtà solo da circa 100 anni...

Eppure, gli storici e i ricercatori internazionali citano il "1747" come anno della fondazione ufficiale dell'Afghanistan. In quell'anno, un khan pashtun della tribù Abdali di Kandahar fu incoronato re ed è considerato il "padre del moderno stato dell'Afghanistan". Il suo nome era Ahmad Khan Abdali, più tardi conosciuto come Ahmad Shah Dorrani.

Ma quando Ahmad Shah fu eletto re dei Pashtun, si fece chiamare re del Khorasan e non re dell'Afghanistan. A quel tempo non c'era nessun paese, nessuno stato con il nome "Afghanistan". Se i pashtun avessero voluto un loro regno con un nome proprio, lo avrebbero chiamato "Pashtunestan" e non Afghanistan, perché "Afghano/Afghanistan" erano appellativi stranieri per Ahmad Khan e tutti gli altri pashtun, elargiti loro dai non-pashtun.

Ahmad Shah aveva originariamente intenzione di governare su tutto il Grande Iran, compreso il Khorasan, ed eventualmente estendere il suo impero più a est verso l'India e più a nord oltre l'Oxus. Ma alla fine avanzò solo fino a Mashhad a ovest e all'Amu Darya (l'Oxus) a nord. Era principalmente concentrato sulla conquista dell'India... [Per saperne di più in seguito].

Grande Iran

"Afghanistan" era un tempo il nome di una zona delle montagne Sulaiman che oggi si estende tra l'Afghanistan e il Pakistan. Era la designazione di un'area in cui la maggioranza degli afghani (pashtun) viveva e non aveva uno status come stato o paese. Questo "Afghanistan" è sempre stato parte del Grande Impero Iraniano fino alla fine dell'Impero Safavide o sotto l'egemonia/influenza degli altri imperi dominanti a nord e a est, come i Maurya, i Kusana o i Mughal.

I Pashtun erano chiamati "Afghân" dagli abitanti di lingua persiana del Grande Iran (e "Patân" dagli indiani), e la loro area tribale "Afghanistan". Il nome "Afghan" appare nella forma di apagan, aughan nell'Avesta (testi religiosi zoroastriani) e nel Rigveda (inni sanscriti vedici).

Per quanto riguarda le origini delle tribù pashtun - quando e da dove sono arrivate nella loro attuale patria - ci sono numerose pubblicazioni scritte da ricercatori indiani, russi ed europei, così come molti miti e leggende iniziate dagli stessi pashtun. In ogni caso, le teorie divergono ampiamente su questo argomento. [Offro una lista di letture alla fine della Parte I di questo saggio].

Va anche detto che i testi nei libri di storia afghana, nelle pubblicazioni britanniche e nelle voci di Wikipedia vanno generalmente presi con un grano di sale, perché gli afghani e i britannici hanno le loro agende e narrazioni politiche e ideologiche da perseguire ("colonialismo" per gli inglesi; "assicurare il dominio" per i pashtun).

Vorrei anche sottolineare che Wikipedia sembra essere il primo porto di chiamata per molti giornalisti pressati dal tempo quando cercano argomenti di cui sanno poco... L'ho notato in particolare in diversi articoli recenti sull'Afghanistan. (Wikipedia può essere uno strumento utile per controllare date, eventi e nomi, ma quando si tratta di informazioni ideologiche, politiche e storiche, non solo è una fonte inaffidabile, ma spesso censura o distorce le verità per servire l'agenda di alcune potenti istituzioni o una specifica idea/ideologia).

Gli storici e i ricercatori afghani e, per la maggior parte, gli storici e i ricercatori internazionali, tendono a usare i termini "Afghanistan" e "afghani" quando si riferiscono alla storia della regione in tutti i periodi che risalgono alla preistoria. Questo porta inevitabilmente a una distorsione e a un fraintendimento della storia e dà una falsa legittimità al nome "Afghanistan"... come se l'Afghanistan, con i suoi attuali confini e la sua costituzione, fosse sempre esistito in questa forma. Può darsi che i ricercatori accademici abbiano le loro giustificazioni e criteri scientifici per questo. Ma è anche risaputo che molti testi sono scritti in un contesto politico e ideologico, per cui modificano la storia secondo le circostanze politiche prevalenti... come dice il proverbio: "La storia è scritta dai vincitori".

Sono stati i britannici che hanno introdotto e diffuso il termine "Afghanistan" per il paese e lo stato e il termine "afgano" per tutta la popolazione del Khorasan, prima che i pashtun usassero questi termini. Tutti i governanti pashtun avevano usato il nome Khorasan per il loro territorio fino alla metà del 19° secolo. Fu solo Amir Abdul Rahman (1880-1901) che, attraverso la corruzione, accettò il nome "Afghanistan" per il suo stato e lo adottò lui stesso - senza il consenso del popolo, senza alcuna legittimità ufficiale e senza rispettare le regole internazionali e le usanze dell'epoca.

Nel 1919, il Trattato di Rawalpindi riconobbe l'indipendenza dell'Afghanistan dal governo britannico e stabilì il nome "Afghanistan" a livello internazionale.

Nel 1935, su istigazione del re Reza Khan (anche noto come Reza Shah Pahlavi), il parlamento di Teheran decise di stabilire il nome "Iran" a livello internazionale per il paese, che fino ad allora era stato conosciuto in Occidente come "Persia". Ma prima che questa intenzione fosse annunciata ufficialmente, Reza Khan volle ottenere il consenso del governo afghano, temendo che la parte afghana, soprattutto la popolazione, avrebbe rivendicato legittimamente i nomi "Iran" e "Khorasan".

Il re afgano Zaher Khan accolse prontamente questa mossa dei "persiani" e rinunciò al nome "Iran" per l'Afghanistan - cosa che fu criticata dalle élite non-pashtun dell'Afghanistan.

Il motivo per cui il nome del paese o dello stato (e la lingua persiana) contava allora e conta ancora così tanto per le persone non-pashtun istruite, coinvolte nella politica e nella cultura ha a che fare con l'identità nazionale (fino ad allora inesistente) del paese e con la continua resistenza non-pashtun contro gli sforzi dello stato (pashtun) di imporre loro un'identità diversa da quella continua "persiana/iraniana" (che si è sviluppata nel corso dei millenni) della quale si sono sempre sentiti parte.

 

 

Tariq Marzbaan

Tariq Marzbaan

 

Nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo. Attualmente risiede nell'Asia sudorientale. Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca, oltre a continui studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo. Ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore. Ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato nei festival internazionali. Editorialista per Al Mayadeen English.

"Il Waste Land è la terra del non-spazio e del non-tempo, la visione di un luogo di nessuno, che con la sua oscurità infrange ogni speranza, in cui gli abitanti si dibattono in un clima di disperazione e soffocamento."

- Angelo De Sio, nella sua analisi de 'La terra desolata', poema di T.S. Eliot

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti