La Cina è pronta a detronizzare gli USA come il più grande raffinatore di petrolio al mondo

1701


Poiché l'Agenzia Internazionale dell'Energia prevede che il consumo globale di petrolio crollerà di ben 8,8 milioni di barili al giorno nel 2020, le raffinerie sono state costrette ad adottare misure drastiche per ridurre l'offerta di carburante tra la domanda di benzina in calo e l'eccesso di petrolio, con alcune strutture in difficoltà spinte sull'orlo del fallimento a causa del coronavirus.
 
Gli USA, che hanno guidato l'industria della raffinazione dall'inizio dell'era del petrolio a metà del diciannovesimo secolo, sta affrontando la minaccia di essere finalmente detronizzata dalla Cina già nel prossimo anno, secondo l'Agenzia internazionale per l'energia (IEA), e riportato anche da Bloomberg.

La capacità di raffinazione cinese è quasi triplicata dall'inizio del millennio, con la sua capacità di lavorazione del greggio che dovrebbe salire a 1 miliardo di tonnellate all'anno, o 20 milioni di barili al giorno, entro il 2025 da 17,5 milioni di barili alla fine del 2020, secondo l'Economics & Technology Research Institute della China National Petroleum Corp.
 
 


 
 
 
“La Cina metterà sul tavolo un altro milione di barili al giorno o più nei prossimi anni. La Cina supererà gli Stati Uniti probabilmente nel prossimo anno o due ", ha detto Steve Sawyer, direttore della raffinazione presso il consulente industriale Facts Global Energy (FGE).
 
Con l'aumento della capacità in Cina, India e Medio Oriente, il crollo della domanda di petrolio potrebbe richiedere anni per riprendersi completamente dalle paralizzanti ricadute della pandemia di coronavirus .
 
Si stima che diversi milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione saranno probabilmente eliminati, aggiungendo al record di 1,7 milioni di barili al giorno di capacità di lavorazione chiusa quest'anno, con gli Stati Uniti che rappresentano oltre la metà di queste chiusure, afferma l'AIE.
 
Oltre all'impatto della crisi sanitaria, poiché molte società energetiche europee stanno passando per abbracciare un mix energetico più pulito, destinato a perdere le loro risorse petrolifere entro la metà del secolo, anche le raffinerie di petrolio di tutto il mondo si sentono sempre più sotto pressione dalle raffinerie cinesi e mediorientali .
 
 
 
 
Circa due terzi delle raffinerie europee sono a malapena in grado di raccogliere profitti sufficienti dalla produzione di carburante per coprire i propri costi, ha affermato Hedi Grati, capo della ricerca sulla raffinazione Europa-CSI presso IHS Markit.
 
Prevedendo la chiusura di altri 2 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione fino al prossimo anno, Sawyer ha aggiunto: "C'è di più in arrivo".
 
 
"Spostamento sismico" nel settore della raffinazione globale
 
La crisi sanitaria del COVID-19 ha determinato un cambiamento radicale nel settore della raffinazione globale.

In Cina e nel resto dell'Asia, le economie stanno dimostrando un rapido rimbalzo dalla crisi guidata dalla pandemia di coronavirus, con una domanda in aumento di plastica e combustibili.
 
La Cina aveva implementato misure che vanno dal blocco di settimane di quartieri e città a test di massa in risposta anche al più piccolo focolaio di coronavirus, seguito da spesa fiscale, sgravi fiscali e tagli ai tassi sui prestiti e requisiti di riserva delle banche per rilanciare l'economia e sostenere l'occupazione.
 
Al contrario, le raffinerie statunitensi, così come quelle in Europa, sono alle prese con una crisi economica più profonda, aggravata da una cupa prospettiva a lungo termine per la domanda di greggio derivante da una transizione dai combustibili fossili.
 
Le fonti rinnovabili hanno superato per la prima volta il carbone, il petrolio e il gas nella generazione di elettricità dell'UE, secondo i nuovi dati del thinktank sul clima Ember, che mostra che eolico, solare, idroelettrico e bioenergia generano il 40% dell'elettricità dei 27 Stati membri nella prima metà dell'anno, battendo i combustibili fossili, che rappresentavano il 34 per cento.
 
In mezzo a un'ondata di raffinerie di petrolio in difficoltà e alla fine chiuse negli ultimi anni, all'inizio di novembre la Royal Dutch Shell Plc, la terza maggiore società petrolifera mondiale, ha staccato la spina alla sua raffineria di Convent in Louisiana.

La Cina, al contrario, stava lanciando una nuova unità nel gigantesco complesso Zhejiang della compagnia petrolchimica Rongsheng, nel nord-est della Cina.
 
Con un totale di 1,2 milioni di barili di capacità di lavorazione del greggio al giorno, questo è solo uno degli almeno quattro progetti in corso nel Paese asiatico.
 
Gli esportatori di petrolio vendono ora più greggio in Asia e meno a clienti di lunga data in Nord America ed Europa, poiché l'industria della raffinazione cinese è in aumento e nuovi grandi impianti stanno crescendo rapidamente in India e in Medio Oriente.
 
Mentre cresce il riconoscimento della crescente influenza della Cina nell'industria della raffinazione, gli impianti più vecchi in altre parti dell'Asia stanno subendo la pressione. Pertanto, Shell ha annunciato a novembre che dimezzerà la capacità del complesso della raffineria di Singapore Pulau Bukom.
 
 
“Un'industria di raffinazione che aveva lo scopo di soddisfare un certo livello di domanda globale deve ora fare i conti con quella che dovrebbe essere una quantità significativamente inferiore. Quello che ci si aspettava fosse un aggiustamento lungo e lento è diventato uno shock improvviso ", ha dichiarato Rob Smith, direttore di IHS Markit.
 
La spinta alla plastica
 
La popolarità delle raffinerie in Asia è guidata non solo da impressionanti tassi di crescita economica, ma anche da una crescente domanda per i prodotti petrolchimici utilizzati per produrre plastica.
Secondo il consulente industriale Wood Mackenzie, più della metà della capacità di raffinazione dal 2019 al 2027 verrà aggiunta in Asia e si prevede che il 70-80% sarà concentrato sulla plastica.
 
Oil Glut
 
La previsione dell'AIE per il consumo globale di petrolio non è certo ottimistica, poiché quest'anno si prevede un crollo di 8,8 milioni di barili al giorno senza precedenti, con una media di 91,3 milioni al giorno.
 
 
 
Poiché molte raffinerie stavano già lottando nel 2019, con una capacità di distillazione del greggio globale di circa 102 milioni di barili al giorno che superava gli 84 milioni di barili di domanda di prodotti raffinati, secondo l'AIE, la pandemia potrebbe essere diventata l'ultima goccia.
 
Anche la Cina, nonostante tutti i suoi impressionanti guadagni, potrebbe affrontare un picco di crescita della domanda entro il 2025 seguito da un rallentamento, affermano gli analisti della China National Petroleum Corporation (CNPC), poiché si prevede che l' eccesso di offerta nel paese raggiungerà 1,4 milioni di barili al giorno entro quel periodo.
 
“In un ambiente in cui il mondo ha già una capacità di raffinazione sufficiente, se ne costruisci più in una parte del mondo, devi chiudere qualcosa in un'altra parte del mondo per mantenere l'equilibrio. Questo è il tipo di ambiente in cui ci troviamo attualmente e probabilmente ci troveremo almeno per i prossimi 4-5 anni ", ha affermato Steve Sawyer di FGE.
 

di Francesco Erspamer 

Diego ci disse 'hijos de puta'. Aveva ragione

di Paolo Desogus

Il tabù MES per i "progressisti rispettabili"

di Giorgio Cremaschi

Le 6 fake news di Bruno Vespa su Mussolini e il fascismo

di Thomas Fazi

Trent'anni di cazzate liberiste. Capitolo Fazio-Giannini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti