La Cina alla guerra dei droni: in rampa di lancio l'FH-95 per la guerra elettronica

La Cina alla guerra dei droni: in rampa di lancio l'FH-95 per la guerra elettronica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Quando si parla di droni il pensiero va immediatamente agli ormai famigerati droni di produzione turca che furoreggiano su diversi campi di battaglia, come pure ai velivoli senza pilota prodotti dagli Stati Uniti che in grosse quantità vengono forniti al regime di Kiev per contrastare l’esercito russo. Ma in questo ambito c’è anche la Cina che vuole dire la sua. 

Il veicolo aereo senza pilota da guerra elettronica (UAV) FH-95, sviluppato in Cina, ha superato un test fondamentale che ne ha esaminato le prestazioni. 

Gli esperti, secondo quanto riferisce il Global Times, hanno affermato che le capacità di guerra elettronica del nuovo UAV aggiungeranno una nuova dimensione ai popolari droni da ricognizione armata.

Sviluppato in modo indipendente dalla Aerospace Times Feihong Technology Co (ATFTC) sotto la proprietà statale China Aerospace Science and Technology Corp, il drone da ricognizione armata a medio raggio FH-95 ha completato con successo un test di prestazioni in una base di prova non rivelata, come ha riferito lunedì la rivista Unmanned Vehicles di Pechino.

Il drone della serie FH-95 ha un peso al decollo di una tonnellata, può trasportare più di 250 chilogrammi di un'ampia selezione di carichi utili per le missioni e ha una resistenza di oltre 24 ore, consentendo all'operatore di condurre missioni di combattimento complesse, tra cui la ricognizione completa in ambienti di battaglia altamente contestati, nonché la guerra elettronica e l'eliminazione di punti di riferimento.

Oltre alle missioni tradizionali come la ricognizione armata, il pattugliamento delle frontiere e la sorveglianza marittima, il drone per la guerra elettronica FH-95 può lavorare in formazione con altri tipi di droni, fornendo disturbo elettronico e copertura a questi ultimi mentre conducono altre missioni, secondo la rivista.

La guerra elettronica è una componente vitale del combattimento moderno, ha dichiarato Chen Jianguo, direttore generale e ricercatore dell'ATFTC, in un'intervista esclusiva rilasciata al Global Times in occasione dell'Airshow China 2021 tenutosi a Zhuhai, nella provincia meridionale cinese del Guangdong, dove l'FH-95 era in mostra.

I droni capaci di guerra elettronica, di ricognizione e di allerta precoce diventeranno essenziali in combattimento, in quanto possono effettuare rilevamenti a distanza al di fuori dell'area di difesa o effettuare finte tattiche e attacchi saturi in coordinamento con gli aerei con equipaggio, ha spiegato Chen.

I droni più diffusi al giorno d'oggi sono progettati principalmente per ruoli di ricognizione e attacco, quindi un drone in grado di fare la guerra elettronica fornirà una nuova dimensione all'impiego dei droni, ha dichiarato al Global Times un esperto militare di Pechino.

In un possibile scenario di combattimento, il drone per la guerra elettronica FH-95 potrebbe condurre prima interferenze elettromagnetiche, fornendo copertura all'FH-97, un drone stealth ad alta velocità, per penetrare e distruggere le linee di difesa ostili. L'FH-92A, un tipo di drone da ricognizione armato tradizionale, può poi condurre attacchi successivi, secondo quanto appreso dal Global Times dall'ATFTC.

Il drone della serie FH-95 ha completato il suo primo volo di prova nel 2017, è stato consegnato a un cliente chiave nel 2019 e ha ricevuto il suo primo contratto di esportazione nel 2021, secondo Unmanned Vehicles.

Una nuova variante della serie FH-95 ha effettuato di recente voli di prova in una base di prova nel nord-ovest della Cina. Ma non si conoscono ancora ulteriori dettagli. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra