La Russia lancia il nuovo caccia Su-57 progettato per il controllo dei droni Okhotnik

La Russia lancia il nuovo caccia Su-57 progettato per il controllo dei droni Okhotnik

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I droni acquistano sempre più importanza nelle strategie di difesa. Anche in questo campo la Russia punta ad essere all’avanguardia integrando il suo caccia più avanzato con i droni. Un caccia da combattimento Su-57 di quinta generazione sarà infatti progettato con una modifica a due posti per controllare uno sciame di droni da combattimento pesanti Okhotnik, secondo quanto riferisce all’agenzia TASS una fonte dell'industria della difesa.

"Per controllare i droni Okhotnik avanzati, verrà creata una variante di comando a due posti del Su-57. Si presume che il jet da combattimento, già in fase di sviluppo, controlli circa quattro droni Okhtonik", ha detto la fonte.

Quindi il moderno drone Okhotnik colpirà obiettivi aerei e terrestri in un'interazione in rete con un caccia Su-57. Nel loro impiego congiunto con il caccia di quinta generazione, i droni Okhotnik si occuperanno di una gamma completa di compiti, colpendo bersagli aerei e terrestri sotto il comando del pilota di un Su-57.

Il Sukhoi Su-57 è un caccia multiruolo di quinta generazione di fabbricazione russa designato per distruggere tutti i tipi di bersagli aerei, terrestri e navali. Il caccia Su-57 è dotato di tecnologia stealth con ampio uso di materiali compositi, è in grado di sviluppare velocità di crociera supersonica ed è dotato delle più avanzate apparecchiature radio-elettroniche di bordo, tra cui un potente computer di bordo (il cosiddetto secondo pilota elettronico), il sistema radar è diffuso sul suo corpo e alcune altre innovazioni, in particolare, l'armamento posto all'interno della sua fusoliera. 

Le forze armate russe hanno ricevuto il primo caccia Su-57 nel 2020.

Il drone d'attacco pesante Okhotnik ha effettuato il suo volo di debutto il 3 agosto 2019. Il volo è durato oltre 20 minuti sotto il controllo di un operatore. Il 27 settembre 2019, l'Okhotnik ha effettuato un volo insieme a un caccia da combattimento di quinta generazione Su-57. Il drone ha manovrato in aria in modalità automatizzata ad un'altitudine di circa 1.600 metri e il suo volo è durato oltre 30 minuti. Le consegne in serie dei droni da attacco pesante Okhotnik alle truppe russe dovrebbero iniziare dal 2024.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti