La Turchia sostiene la sovranità del Venezuela e condanna le sanzioni USA

La Turchia sostiene la sovranità del Venezuela e condanna le sanzioni USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Commissione Esteri dell’Assemblea Nazionale del Venezuela ha sostenuto una riunione di lavoro con l’ambasciatore della Turchia a Caracas Sevki Mütevellioglu, nell’ambito delle attività intraprese per rompere il blocco economico imposto dagli Stati Uniti. 

«Abbiamo affrontato tutte le questioni con una visione geopolitica, abbiamo sottolineato gli accordi di cooperazione che abbiamo incoraggiato a continuare. In effetti, la buona notizia è che questi programmi continueranno e raggiungeranno vari Stati del paese (…) Li abbiamo ringraziati per quanto il governo turco è stato di supporto con il Venezuela, continueremo ad intensificare la cooperazione», ha spiegato il deputato Timoteo Zambrano che presiede la commissione dell’Assemblea Nazionale venezuelana. 

Il diplomatico di Ankara ha affermato che la «Turchia è sorella del Venezuela e crede che il futuro del Venezuela dovrebbe essere determinato solo dai venezuelani. Siamo contrari a qualsiasi intervento e qualsiasi tipo di misura coercitiva. Sosteniamo il dialogo e crediamo che la comunità internazionale debba contribuire in modo costruttivo a questo processo. Abbiamo anche discusso della possibilità di costituire un gruppo di amicizia Turchia-Venezuela (…) La Turchia sosterrà sempre il sistema costituzionale e legale di questo bel Paese». 

La Turchia in questi anni difficili per il Venezuela ha sempre espresso vicinanza al governo di Caracas e sostenuto le battaglie della Rivoluzione Bolivariana per la difesa della sovranità e contro le misure unilaterali di blocco economico imposte dagli Stati Uniti d’America nel tentativo di rovesciare il governo Maduro.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti