Lavoratori costretti a defecare nelle borse. Documenti rivelano: Amazon sapeva

Lavoratori costretti a defecare nelle borse. Documenti rivelano: Amazon sapeva

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Amazon era consapevole che i suoi dipendenti a volte urinano nelle bottiglie e defecano nelle borse. Lo ha denunciato  ieri il portale The Intercept, pubblicando e-mail interne e citando le sue fonti.

 

Cosa ha preceduto la pubblicazione?

Il CEO di Amazon Dave Clark aveva annunciato giovedì scorso la visita del senatore Bernie Sanders nella città di Bessemer, Alabama, per sostenere la campagna di sindacalizzazione dell'azienda, affermando che l'azienda rappresenta "un luogo di lavoro progressista". "Quindi, se vuoi sentire parlare di $ 15 l'ora e assistenza sanitaria, il senatore Sanders sarà al posto giusto".

In risposta, il deputato Mark Pocan ha ricordato che "pagare i lavoratori 15 dollari l'ora non rende [Amazon] un posto di lavoro progressista quando distruggono il sindacato e fanno fare la pipì ai lavoratori nelle bottiglie d'acqua", riferendosi in questo modo ai rapporti che sono apparsi nel 2018 nei quali di denunciava che i dipendenti dell'azienda fossero stati costretti a saltare le pause per il bagno.

La reazione di Amazon non si è fatta attendere. "Credi davvero che fanno la pipì in bottiglia?", Ha scritto lo stesso giorno su Twitter, aggiungendo che "se questo fosse vero, nessuno lavorerebbe per noi".

 

Cosa dicono i documenti? 

Nel frattempo, The Intercept ha evidenziato nel suo nuovo articolo che l'affermazione dell'azienda non è vera e i lavoratori ricorrono a questa pratica comune per rispettare le quote stabilite. 

Il portale riferisce che i capi ne erano a conoscenza e ha pubblicato un documento interno, fornito da un dipendente di Amazon a Pittsburgh, in Pennsylvania, in cui la defecazione pubblica venivano inserite in un elenco di "violazioni e difetti".

 

Inoltre, The Intercept ha rivelato un'e-mail inviata dal responsabile della logistica dell'azienda, Jen Snyder, e ha scoperto casi che i dipendenti hanno defecato nelle borse. "Questo pomeriggio, un associato ha scoperto feci umane in una borsa di Amazon che è stata restituita alla stazione da un autista. Questa è la terza volta negli ultimi due mesi", si legge nella corrispondenza.

"Comprendiamo che i conducenti associati possono avere emergenze mentre [sono] su strada e specialmente durante [la] pandemia da covid i conducenti dei partner hanno avuto problemi a trovare i bagni durante la consegna", ha scritto, aggiungendo che è "inaccettabile" lasciare i bagagli con feci o bottiglie con l'urina da restituire alla stazione.

Da parte sua, Halie Marie Brown, una residente in California che ha lavorato per l'appaltatore di consegne di Amazon, Soon Express, ha ribadito che questo comportamento "si verifica perché siamo letteralmente costretti a farlo, altrimenti finiremo per perdere i nostri posti di lavoro per i troppi pacchi' non conseganti".

Amazon non si è ancora pronunciata in merito alla pubblicazione di The Intercept.

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti