Le Monde Diplomatiche, i pregiudizi sullo Sputnik V "più politici che scientifici"

Le Monde Diplomatiche, i pregiudizi sullo Sputnik V "più politici che scientifici"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

La Russia ha creato il vaccino Sputnik V e ha dimostrato la sua capacità di sviluppare in modo indipendente un farmaco in grado di sopprimere la pandemia di coronavirus, si legge in un articolo dell'edizione spagnola del quotidiano francese Le Monde diplomatique.

I paesi occidentali hanno reagito allo sviluppo del vaccino russo con scetticismo e indifferenza a causa dell'ignoranza sulla tradizione scientifica russa, ritiene l'autore dell'articolo, il giornalista scientifico Federico Kukso.

"Spinte da differenze linguistiche, culturali e politiche, la maggior parte delle iniziative russe sono accolte con sospetto", ha osservato.

Ha aggiunto che i pregiudizi e le questioni geopolitiche a volte oscurano i risultati della scienza russa. 

"Con momenti tragici sulla scia di purghe e persecuzioni e altri di grande fioritura, la scienza russa - solitamente divisa in periodi zarista, sovietico e post-sovietico - ha una lunga storia che è spesso trascurata, o guardata con disprezzo, dalla narrativa predominante storico (cioè occidentale) ", ha spiegato. 

Il giornalista ha sottolineato che la creazione del vaccino Sputnik V è il risultato di un'intera catena storica di sviluppi scientifici in Russia.

Tuttavia, i progressi sono stati nascosti dai resoconti occidentali per anni e ora sono sorpresi dall'annuncio della creazione di Sputnik V.

"A differenza di Paesi come gli Stati Uniti e quelli dell'Unione Europea in cui i laboratori farmaceutici - settore noto come Big Pharma che cerca di riscattarsi davanti all'opinione pubblica - impongono i loro farmaci a prezzi astronomici, oltre a realizzare cambiamenti legislativi grazie a al loro forte potere come gruppo di pressione, la Russia ha dimostrato la sua capacità di sviluppare in modo indipendente un farmaco in grado di sedare la pandemia", ha ricordato.

Kukso ha aggiunto che il vaccino Sputnik V si sta diffondendo in tutto il mondo e forse tra 50 anni nessuno ricorderà i sospetti occidentali sul vaccino russo erano "più politici che scientifici", sottolinea l'autore.

Lo scorso agosto, il Ministero della Salute russo ha registrato il primo vaccino al mondo contro COVID-19 sviluppato dal Centro di ricerca Gamaleya. 

Il farmaco si basa su una piattaforma studiata e testata di vettori di adenovirus umani, i cui importanti vantaggi sono la sicurezza, l'efficacia e l'assenza di effetti avversi a lungo termine.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Lo stolto guarda la McKinsey mentre... di Thomas Fazi Lo stolto guarda la McKinsey mentre...

Lo stolto guarda la McKinsey mentre...

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey di Giuseppe Masala Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria) di Pasquale Cicalese Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria)

Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti