L'esercito USA testa i suoi primi laser da combattimento colpendo proiettili di mortaio e droni

L'esercito USA testa i suoi primi laser da combattimento colpendo proiettili di mortaio e droni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Se credete che le armi laser siano esclusivamente delle invenzioni da film fantascientifici vi sbagliate. Secondo il portale del New Atlas, i laser da 50 kW montati sui veicoli da combattimento Stryker dell'esercito USA si sono dimostrati efficaci nel rilevare, tracciare e intercettare più colpi di mortaio da 60 mm e droni di varie dimensioni durante 4 settimane di esercitazioni a fuoco vivo in un poligono di tiro sul campo del New Mexico.

Attraverso un comunicato stampa i produttori, Raytheon Intelligence & Space, una divisione di Raytheon Technologies, e Kord, una sussidiaria di KBR, sottolineano che le armi ad alta energia potrebbero rivoluzionare la guerra moderna.

La fabbricazione di questa nuova arma fa parte del programma delle manovre di difesa aerea a corto raggio dell'esercito USA (M-SHORAD, secondo il suo acronimo in inglese).

Un importante componente potenziale di queste difese sono le armi laser. Con una fornitura praticamente illimitata di colpi, che hanno il costo di circa un dollaro, questi sistemi possono colpire bersagli a lungo raggio alla velocità della luce. Tuttavia, il loro utilizzo è limitato dalle condizioni meteorologiche.

Il laser ad alta energia di Raytheon e Kord è combinato con un un sistema di acquisizione e tracciamento del bersaglio EO/IR e un radar multimissione Ku720, in grado di operare con una copertura di 360º.

È la versione terrestre dei laser da combattimento già montati su alcune navi della Marina statunitense, altri sistemi dello stesso tipo saranno presto incorporati nell'Aeronautica Militare del Paese.

Pertanto, in precedenza era stato riferito che la Lockheed Martin aveva consegnato all'Air Force nordamericana un prototipo di un laser ad alta energia aviotrasportato chiamato "AHEL", che sarà testato quest'anno su un aereo da attacco al suolo.

Gli Stati Uniti prevedono anche di incorporare altri sistemi d'arma laser negli aerei da combattimento entro la metà di questo decennio.

Lockheed Martin si è impegnata a dotare i caccia statunitensi del sistema TALWS (Tactical Airborne Laser Weapon System) entro il 2025. Questa attrezzatura sarà utilizzata per distruggere missili aria-aria e missili antiaerei.

Al momento però le armi laser hanno una grossa pecca. Nonostante il loro "costo" molto basso e l'altissima precisione di ogni colpo, i moderni laser da combattimento richiedono enormi quantità di energia.

Inoltre, l'uso dei laser è molto limitato in condizioni climatiche nuvolose e umide, per cui si accumula un numero maggiore di goccioline d'acqua. Tutto ciò influisce direttamente sul funzionamento di questi dispositivi.

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance di Giacomo Gabellini L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente