Michael Brenner - Le conseguenze dell'umiliazione della Russia

Michael Brenner - Le conseguenze dell'umiliazione della Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Ieri, John Pilger uno dei più grandi giornalisti e documentaristi viventi ha scritto, riguardo all'articolo di Brenenr, sul suo profilo Twitter: Per coloro che sono interessati al "perché" dell'invasione illegale dell'Ucraina da parte della Russia, questo pezzo raro è consigliato.

di Michael Brenner* - Consortium News

La mafia non è nota per il suo uso creativo del linguaggio al di là di termini come "sicario", "vai a prendere i materassi"( frase tratta dal film 'Il Padrino', significa l'inizio di una guerra tra famiglie NDT,) "vivere con i pesci" e simili. Ci sono, tuttavia, alcuni detti concisi che portano una saggezza duratura. Uno riguarda l'onore e la vendetta: "Se hai intenzione di umiliare qualcuno pubblicamente in modo davvero grossolano, assicurati che non sopravviva per prendersi la sua inevitabile vendetta". Umilialo a tuo rischio e pericolo.  

Questa duratura verità è stata dimostrata dalle azioni della Russia in Ucraina che, in larga misura, sono il culmine delle numerose umiliazioni che l'Occidente, su istigazione americana, ha inflitto ai governanti russi e al Paese nel suo insieme negli ultimi 30 anni . 

È stato trattato come un peccatore condannato ad accettare il ruolo di un penitente che, vestito di sacco, segnato dalla cenere, dovrebbe apparire tra le nazioni a capo chino per sempre. Nessun diritto ad avere i propri interessi, i propri problemi di sicurezza o anche le proprie opinioni.

Pochi in Occidente hanno messo in dubbio la fattibilità di una tale prescrizione per un paese di 160 milioni, territorialmente il più grande del mondo, che possiede vaste risorse di valore critico per altre nazioni industriali, tecnologicamente sofisticato e custode di oltre 3.000 armi nucleari. 

Nessun mafioso sarebbe stato così ottuso. Ma i nostri governanti sono fatti di un tessuto diverso anche se il loro pavoneggiamento e la loro presunzione spesso corrispondono a quelli dei capotasti. 

Questo non vuol dire che la classe politica russa sia stata incline alla vendetta per un decennio o due – come la Francia dopo l'umiliazione da parte della Prussia nel 1871, come la Germania dopo la sua umiliazione nel 1918-1919, o come "Bennie dal Bronx" picchiato davanti alla fidanzata di Al Pacino in Carlito's Way.  

Al contrario, da quasi un decennio Boris Eltsin si accontentava di interpretare Falstaff per qualsiasi presidente americano che si presentasse solo per il bene di essere accettato nella sua compagnia (e lasciarsi derubare alla cieca nel processo, economicamente e diplomaticamente).

"Età d'oro della democrazia russa"

L'Occidente celebra con nostalgia gli anni di Eltsin come l'età d'oro della democrazia russa, un'età in cui l'aspettativa di vita è diminuita drasticamente, quando l'alcolismo è aumentato, quando l'economia in forte espansione ha gettato milioni di persone nella povertà, quando gli oligarchi si pavoneggiavano, quando il presidente l'autista era l'uomo più influente del paese, e quando tutti erano liberi di sparare a bocca aperta poiché nessun altro lo sentiva nel frastuono delle proprie voci. Non puoi fare una frittata senza rompere qualche uovo, per coniare una frase. 

Vladimir Putin, ovviamente, era fatto di roba rigida. Ha posto fine alla buffoneria, ha assunto con successo l'erculeo compito di ricostituire la Russia come stato vitale e si è presentato come il sovrano pronto a coltivare relazioni con i suoi vicini. Inoltre, ha insistito sul rispetto dei diritti civili e della cultura dei russi bloccati nel Near Abroad. 

Tuttavia, non ha dato alcun segno con le parole o con i fatti che intendesse utilizzare mezzi coercitivi per ripristinare l'integrazione tra Russia e Ucraina che esisteva da più di 300 anni. È vero, si è opposto ai tentativi occidentali di recidere i legami tra i due incorporando l'Ucraina nelle loro istituzioni collettive – in particolare la dichiarazione della NATO del 2008 in cui si affermava che l'Ucraina (insieme alla Georgia) era nell'anticamera dell'alleanza per prepararsi all'ingresso.

La moderazione di Putin contrastava con l'audacia di Washington e dei suoi subordinati europei che istigarono il colpo di stato di Maidan, rovesciando il presidente democraticamente eletto e promuovendo un burattino americano al suo posto. In effetti, da allora gli Stati Uniti sono stati il ??supervisore dell'Ucraina, una sorta di padrone di casa assente. 

Le opinioni di Putin sui principi di organizzazione e condotta privilegiati che dovrebbero governare le relazioni interstatali sono state elaborate in una serie di discorsi e articoli nel corso degli anni. Il quadro che disegna è molto diverso dalla distorsione da cartone animato creata e diffusa in Occidente. Delinea chiaramente modi e mezzi per vincolare e limitare l'elemento del conflitto, soprattutto il conflitto militare, il requisito delle regole della strada che dovrebbero fungere da software di sistema, la necessità di riconoscere che il futuro sarà più multipolare - ancora più multilaterale – di quanto non sia stato dal 1991.

Allo stesso tempo, sottolinea che ogni Stato ha i suoi legittimi interessi nazionali e il diritto di promuoverli come entità sovrana purché non metta in pericolo la pace e la stabilità nel mondo. La Russia ha questo diritto su base di uguaglianza con ogni altro stato. Ha anche il diritto di ordinare la sua vita pubblica come ritiene più adatta alle sue circostanze.

I leader occidentali, e la classe politica in generale, non hanno accettato queste proposte. Né hanno mai mostrato un minimo di interesse nell'accettare il ripetuto e aperto invito di Mosca a discuterne. Piuttosto, ogni tentativo della Russia di agire secondo quella logica è stato visto attraverso uno specchio oscuro, interpretato come una conferma della Russia come uno stato fuorilegge il cui leader dittatoriale è deciso a ripristinare una maligna influenza russa dedita a minare le buone opere dell'Occidente democrazie. 

Questo atteggiamento ha progressivamente abbassato l'asticella delle accuse e degli insulti diretti alla Russia e a Putin personalmente. Per Hillary Clinton era "un nuovo Hitler" nel lontano 2016, per Joe Biden era un "assassino", per i membri del Congresso un Satana che usava una borsa di strumenti diabolici per corrompere e distruggere la democrazia americana.

Per tutti loro, un tiranno che ha riportato la Russia al Medioevo politico dopo la luminosa primavera democratica degli anni di Eltsin, un assassino, anche se inetto, le cui vittime mirate in qualche modo sono sopravvissute in numero innaturale, per il Pentagono una minaccia crescente che si è mossa rapidamente in cima alla lista dei nemici – rimpiazzando il terrorismo islamico entro il 2017 e da allora in competizione con la Cina per il primo posto. 

L'ossessione per Putin il Male si è diffusa mentre Washington ha spinto i suoi alleati a unirsi alla denuncia. La grossolanità dei loro attacchi personali a Putin corrispondeva alla portata in continua espansione delle accuse. Negli ultimi anni, nessuna elezione avrebbe potuto tenersi in Europa senza l'accusa di “interferenza” da parte del Cremlino con un mezzo o altro non specificato – e sotto la direzione personale di Putin. L'assenza di prove era irrilevante. La Russia è diventata la pinata  lì da distruggere ogni volta che si sente l'impulso o si vede un vantaggio politico interno. 

Nessuna delle discussioni di cui sopra intende suggerire che la politica estera della Russia, in particolare l'invasione dell'Ucraina, possa essere personalizzata o ridotta al livello dei sentimenti e delle emozioni.

Lo stesso Putin mostra costantemente un'eccezionale disciplina emotiva e intellettuale. Putin non è un "Benny del Bronx". Non agisce d'impulso né lascia che il suo giudizio sia offuscato da considerazioni di natura puramente individuale.

La Russia aveva motivi tangibili per le preoccupazioni circa le implicazioni degli sviluppi in Ucraina e le tendenze in generale nell'Europa orientale che mettevano a repentaglio gli interessi di sicurezza del paese. Il pensiero di Putin e dei suoi collaboratori su come affrontarli ha espresso analisi e strategie attentamente ponderate, così come sicuramente l'eventuale decisione di intraprendere un'azione militare. 

La vendetta  di per sé  era meno significativa di ciò che il trattamento occidentale della Russia dal 1991 augurava per il futuro. In altre parole, il costante rafforzamento di immagini e intenzioni ostili, come avvertito da Mosca, attraverso la costante raffica di attacchi e accuse ha colorato il modo in cui i leader russi hanno valutato le prospettive di alleviare le minacce che hanno visto nelle azioni occidentali, inclusa la loro condotta per tutto il 2022 . 

Conclusione 

L'Occidente aveva una varietà di opzioni per affrontare la questione russa dopo il 1991. Una era sfruttare al massimo la sua debolezza e trattare il paese come una nazione di seconda classe nel sistema mondiale diretto dagli americani. Questa era la strategia scelta dall'Occidente. Significava inevitabilmente umiliazione. Ciò che l'Occidente non ha riconosciuto è che così facendo stava piantando i semi della futura ostilità.

Nel corso degli anni, ogni segno di una Russia che risorge dalle ceneri ha alimentato i timori latenti, anche se indotti, dell'uscita dell'orso dal letargo. Invece di riconoscere che l'élite politica post-Eltsin si risentiva del decennio di denigrazione e umiliazione e prendere provvedimenti per compensarlo (ad esempio ritagliarsi un posto per la Russia nella configurazione politica europea del dopo Guerra Fredda), l'ansia ha portato l'Occidente verso l'esatto corso opposto. La Russia di Putin è stata dipinta con caricature sempre più spaventose.  

 

Le dimostrazioni della crescente fiducia in se stessi della Russia e della riluttanza a essere respinta – come nell'Ossezia meridionale nel 2008 e poi in modo più sorprendente in Siria nel 2015, hanno rapidamente evocato tutte le vecchie immagini della Guerra Fredda e fatto suonare i campanelli d'allarme.

L'ignoranza delle realtà russe, unita alla demonizzazione di Putin i cui veri pensieri non li interessavano, i leader e gli esperti occidentali si preoccupavano del fatto che il loro piano generale per un sistema globale controllato dagli americani fosse stato messo a repentaglio. Ora dal vecchio nemico – la Russia, e dal nuovo nemico – la Cina. Una serie di ansie rafforza l'altra. 

Negli anni '90, l'umiliazione della Russia avrebbe potuto logicamente essere seguita dal tradizionale atto di licenziamento mafioso. Prevenire qualsiasi forma di ritorsione uccidendo la vittima. Naturalmente, liquidare un paese è molto più difficile di un individuo e dei suoi stretti collaboratori.

È stato fatto, però. Pensa a Roma che rade al suolo Cartagine. Dopo la vittoria nella seconda guerra punica, i romani furono in grado di agire sull'ammonimento di Catone: "Cartagine deve morire!" La leggenda narra che seminassero il sale nei campi.

Questa, ovviamente, è una sciocchezza: i romani non erano così stupidi. Le terre dei Cartaginesi divennero uno dei due grandi granai dell'impero. Ricostituirono lo stato e misero in atto un apparato di sicurezza al servizio dei loro interessi pratici. (Roma non dovette nemmeno ripopolare il luogo poiché la maggior parte degli abitanti erano di etnia berbera in parte 'punicizzata' che gradualmente divennero in parte berberi romanizzati. Poiché, oggi, i Magrebini sono per la maggior parte berberi arabizzati).

Il pragmatismo romano, a questo riguardo, può essere contrastato con la disponibilità della Germania a tagliarsi fuori dalle forniture russe di gas naturale, di vitale importanza; bisogna ammettere che i romani non obbedivano agli ordini degli Stati Uniti che non facevano affidamento sulle risorse energetiche della Russia.     

Anche Gengis Khan e l'Orda d'Oro hanno agito secondo la loro versione della strategia di liquidazione. Ha funzionato. La dinastia abbaside e tutti gli altri stati che distrussero non furono mai in grado di vendicarsi. I mongoli e i loro ausiliari turchi evitarono punizioni e sofferenze per mano vendicativa dei paesi che devastavano.  

Ci sono anche altri metodi per eliminare permanentemente un nemico. Il genocidio è l'estremo del fossato, come attuato dal Belgio in Congo, dai tedeschi in Namibia e dagli occupanti europei del Nord America. Lo smembramento è un altro. La divisione tripartita e l'annessione della Polonia ne è l'esempio lampante. Un'altra è la disgregazione totale della Turchia ottomana prevista a Versailles. 

Alcune persone a Washington hanno promosso l'idea di eseguire una strategia simile contro l'Unione Sovietica/Russia. 

Oltre ad ampliare la NATO in modo da rendere vane le prospettive di una rinascita russa come potenza europea, prevedevano di dividere il paese in una serie di parti frammentate. Il polacco Zbigniew Brzezinski è il più noto di questi accoliti mongoli. Gli sforzi incessanti di Washington per costruire un muro permanente tra Ucraina e Russia crescono da questo terreno; così anche gli sforzi assidui per fornire aiuto e conforto agli elementi anti-russi in Georgia, Azerbaigian, Bielorussia e Kazakistan (come indicano i recenti eventi degli ultimi tre). 

L'approccio occidentale nei confronti della Russia post-sovietica, che comportava l'emarginazione e la conseguente umiliazione, è stato favorito per una serie di ragioni, come riassunto sopra. Dovremmo aggiungere che c'era un ulteriore fattore di facilitazione sul lavoro. La strategia scelta era molto più facile da implementare, intellettualmente e diplomaticamente. La sua semplicità attraeva i leader occidentali gravemente privi degli attributi di un'astuzia statista. Quella disabilità distorce i loro atteggiamenti e le loro politiche fino ad oggi. 

*Professore di affari internazionali all'Università di Pittsburgh. mbren@pitt.edu


Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico


Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti