Mosca - Teheran accordo da 40 miliardi di dollari sugli idrocarburi. USA: “il mondo ha bisogno del petrolio iraniano”

Mosca - Teheran accordo da 40 miliardi di dollari sugli idrocarburi. USA: “il mondo ha bisogno del petrolio iraniano”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La multinazionale russa dell'energia Gazprom investirà decine di miliardi di dollari nei giacimenti di petrolio e gas dell'Iran, come parte di un accordo firmato con la National Iranian Oil Company (NIOC).

L'accordo di investimento da 40 miliardi di dollari è il più grande nella storia dell'industria petrolifera iraniana.

Il Memorandum of Understanding (MoU) è stato firmato durante un incontro online dagli amministratori delegati di entrambe le società e ha preceduto l'arrivo del presidente russo Vladimir Putin a Teheran previsto oggi.

Insieme al presidente iraniano Ebrahim Raisi e al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, Putin parteciperà a una riunione come parte del processo di pace di Astana per aiutare a trovare una soluzione politica alla guerra in Siria.

Il CEO di NIOC, Roknoddin Javadi, ha rivelato che, come parte del MoU, saranno sviluppati i giacimenti di gas naturale liquefatto (GNL) di Kish e North Pars dell'Iran, aggiungendo oltre cento milioni di metri cubi al giorno alla produzione di gas del paese, secondo media iraniani.

Gazprom svilupperà anche sei giacimenti petroliferi e la società sarà coinvolta nella costruzione di numerosi gasdotti per l'esportazione di GNL.

Iran e Russia hanno circa 70 trilioni di metri cubi di riserve di GNL, che rappresentano il 30% della fornitura mondiale.

Javadi ha proseguito ricordando che, entro la fine di questo decennio, l'Iran sta cercando di aumentare la sua capacità di produzione di petrolio a 5,7 milioni di barili al giorno (bpd) e la sua capacità di produzione di GNL a 1,5 miliardi di metri cubi al giorno.

"Il mondo ha bisogno del petrolio iraniano e la quota delle esportazioni di petrolio dell'Iran non può essere rimossa dal mercato globale ... [Il MoU] mostra che l'Iran è un paese affidabile e stabile per la fornitura di energia al mondo", ha aggiunto il capo del NIOC.

L'accordo di investimento è l'ultimo passo compiuto da Mosca e Teheran per rafforzare la cooperazione per superare le sanzioni occidentali unilaterali. Arriva pochi giorni dopo la visita del presidente Biden in Arabia Saudita, dove non è riuscito a garantire un aumento della produzione di petrolio dai suoi alleati del Consiglio di cooperazione del Golfo per attenuare l'aggravarsi della crisi energetica dell'Occidente.

Prima della visita di Putin a Teheran, un funzionario del Cremlino ha rivelato che le due nazioni stanno cercando di abbandonare l'uso della valuta statunitense nei loro scambi bilaterali.

Nuovi rapporti hanno anche rivelato che la Russia ora chiede che le sue esportazioni di petrolio in India vengano pagate in dirham degli Emirati Arabi Uniti, invece del biglietto verde.

Gli Stati Uniti ammettono: “Il mondo intero ha bisogno del petrolio iraniano”

Intanto, durante una cerimonia all'International Student House (ISH), la vice segretario di Stato statunitense Wendy Sherman ha affermato che ci sono ancora possibilità che l'accordo nucleare del 2015, (PIAC o JCPOA), non si estingua. Lo riporta il quotidiano statunitense The Washington Diplomat.

Pertanto, il numero due della Segreteria di Stato ritiene che ci sia ancora la possibilità di raggiungere un accordo nelle trattative, aperte dall'aprile dello scorso anno per dare nuova vita al patto che stava morendo dopo l’uscita unilaterale dell'ex presidente americano Donald Trump nel 2018.

Tuttavia, il braccio destro del ministro degli Esteri americano Antony Blinken, come altri funzionari statunitensi, ha lanciato la palla nel campo iraniano, sostenendo che il raggiungimento di un accordo è nell'interesse dell'Iran.

“L'Iran avrebbe un allentamento delle sanzioni. La loro economia migliorerebbe e venderebbero di nuovo il loro petrolio. Il mondo intero ha bisogno del petrolio iraniano, quindi il paese persiano potrà dargli un buon prezzo. È nell'interesse dell'Iran fare questo”, ha precisato la Sherman.

Inoltre, ha sottolineato che l'Unione Europea (UE), la Francia, la Germania e il Regno Unito, che hanno negoziato questo accordo, insieme a Russia e Cina, sono tutti favorevoli affinché si compia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti