"Non farò mai un governo con la destra". Ecco svelato il programma di Renzi

"Non farò mai un governo con la destra". Ecco svelato il programma di Renzi

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Quando Matteo Renzi dice "non farò mai un governo con la destra", conoscendo le sue abitudini si può dire che stia enunciando un programma esattamente opposto. Così era stato per "non andrò mai al governo senza passare per elezioni" e così era stato per "Letta può stare sereno".
 
Specifica che sta parlando di una destra aggettivata, "populista", il che fa intendere che diverso è il discorso per una destra più o meno "moderata".
 
Qui viene al pettine un antico nodo irrisolto della sua discesa in campo di quasi un ventennio fa (il 18 febbraio 2002 da segretario della Margherita ritirava i suoi assessori dal governo del Comune di Firenze). Intendiamoci: lui ha scalato la sinistra unicamente perché era nato in Toscana, fosse nato in Lombardia avrebbe scalato Forza Italia. E tutta la sua strategia vittoriosa si basava sulla promessa di uno "sfondamento" a destra, amichevole o conflittuale che fosse. Fin dall'inizio Denis Verdini era stato suo socio in politica e in affari, e il Foglio aveva preso a definirlo il "golden baby", la definizione che nel Regno Unito si dà per l'erede al trono appena nato.
 
Qui c'è stato un grosso fallimento strategico: Renzi non ha mai sfondato a destra e non è mai riuscito a vincere la diffidenza di quell'elettorato per chi si presentava come leader di una "sinistra" sia pure stravolta e rovesciata nei suoi presupposti storici.
 
Diverso sarebbe il discorso se si ripresentasse ora con lo scalpo dell'ultimo governo possibile di centro-sinistra e col proposito di federare il "centro" di un possibile e rinnovato centro-destra.
 
Questa sembra essere l'unica prospettiva che gli è rimasta, una volta rotti i ponti alle sue spalle, per uscire dal fallimento di una scissione che lo ha inchiodato, contrariamente alle sue previsioni, in dimensioni totalmente irrilevanti e tali da rendere impossibile la sua sopravvivenza nel quadro politico attuale.

Gianpasquale Santomassimo

Gianpasquale Santomassimo

Storico e docente italiano. Ha insegnato presso il Dipartimento di storia dell'Università di Siena. Autore di "Antifascismo e dintorni" (Manifestolibri, 2004)

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo di Francesco Erspamer  Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

I deliri darwinisti di Monti di Antonio Di Siena I deliri darwinisti di Monti

I deliri darwinisti di Monti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti