Oliver Stone si è vaccinato contro il Covid con Sputnik V

Oliver Stone si è vaccinato contro il Covid con Sputnik V

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo scrittore e regista statunitense Oliver Stone ha confermato di aver ricevuto il vaccino russo Sputnik V contro il Covid-19. 

Stone ha affermato che il farmaco è "utile" e ha sottolineato di non capire perché lo Sputnik V "sia ignorato nei paesi occidentali". "La stampa ignora tutte le informazioni" a tale riguardo.

"Sono stato vaccinato pochi giorni fa. Non so ancora quanto sia efficace il vaccino russo, ma ho sentito molti commenti positivi al riguardo. Avrò bisogno della seconda iniezione", ha dichiarato il famoso regista a Perviy Kanal durante un'intervista.

"Gli Stati Uniti, nella loro follia, considerano la Russia e la Cina come paesi nemici, anche se personalmente non la penso così. Penso che la Russia e la Cina sarebbero ottimi partner per gli Stati Uniti”.

Con questo intervento il regista statunitense è entrato a gamba tesa nella lotta geopolitica sui vaccini. Con il solito anticonformismo che lo contraddistingue. 

Intanto, il Centro di ricerca nazionale di Gamaleya per l'epidemiologia e la microbiologia e il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF) hanno annunciato il 14 dicembre che l'efficacia di Sputnik V è del 91,4%, secondo i risultati ottenuti durante la terza fase degli studi clinici del farmaco.

Allo stesso tempo, questi risultati hanno dimostrato che l'efficacia del vaccino contro i casi gravi di Covid-19 sale al 100%. "Tra i casi confermati di infezione da coronavirus, 20 casi gravi sono stati registrati nel gruppo placebo, mentre nessuno è stato registrato nel gruppo che ha ricevuto il vaccino", hanno affermato l'RDFI e il Centro Gamaleya.

Sputnik V utilizza una tecnologia adenovirus umano di due diversi vettori, Ad26 e Ad5, che vengono applicati in due iniezioni. Questa soluzione non contiene adenovirus umani vivi, ma vettori adenovirali, che non si moltiplicano e sono completamente sicuri per la salute. In effetti, il farmaco si basa su una piattaforma a due vettori precedentemente esistente, con la quale sono già stati creati altri vaccini. 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti