OMS certifica fallimento Unione Europea sulle vaccinazioni

OMS certifica fallimento Unione Europea sulle vaccinazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mentre l'Unione Europea è impegnata sui vari fronti di guerra, al momento ancora fredda, con Russia e Cina, dall'Organizzazione mondiale della Sanità arriva la certificazione del suo fallimento sulla campagna di vaccinazione.

L'organismo ONU, infatti, ha lamentato l'estrema lentezza nella campagna vaccinale contro il Covid-19. In una nota, sottolinea che dal momento che c'è stato un incremento dei contagi “I vaccini rappresentano la nostra migliore via d'uscita da questa pandemia. Non solo funzionano, ma sono anche molto efficaci nel prevenire le infezioni. Tuttavia, il lancio di questi vaccini è inaccettabilmente lento."

Inoltre, nella dichiarazione del dott. Hans Henri P. Kluge, Direttore regionale dell'OMS per l'Europa, si avverte che "fintanto che la copertura rimane bassa, dobbiamo applicare le stesse misure di salute pubblica e sociali che abbiamo applicato in passato, per compensare i ritardi nei programmi. Vorrei essere chiaro: dobbiamo accelerare il processo aumentando la produzione, riducendo gli ostacoli alla somministrazione dei vaccini e utilizzando ogni singola fiala che abbiamo in magazzino, ora."

Insomma, un fate presto, che dovrebbe essere una sveglia e che certifica, tra l'altro, come a distanza di un anno dobbiamo poi utilizzare il solito modello delle chiusure forzate per evitare contagi.

Dall'Oms ricordano che "ad oggi, solo il 10% della popolazione totale della Regione ha ricevuto 1 dose di vaccino e il 4% ha completato una serie completa di vaccini."

Questa avvertimento dell'OMS è l'ennesima dimostrazione del fallimento dell'Unione Europea in tutta la gestione della pandemia.

L'unica preoccupazione sembra solo quella di evitare che sia necessario il vaccino russo Sputnik V.

I cittadini dell'Unione Europea non dimenticheranno che gli è stato impedito di poter scegliere il proprio vaccino,  così come resteranno nella mente i tagli degli ultimi 30 anni ai loro sistemi sanitari che hanno portato ad affrontare catastroficamente l'emergenza Covid-19.

Prima o poi all'Unione Europea i suoi cittadini presenteranno il conto. E sarà una volta per tutte.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti