Pechino pubblica un rapporto sulle "falsità degli Stati Uniti sulla Cina"

Pechino pubblica un rapporto sulle "falsità degli Stati Uniti sulla Cina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giulio Chinappi

 

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha pubblicato un documento dal titolo “Reality Check: Falsehoods in US Perceptions of China“, nel quale si elencano alcune falsità che la propaganda statunitense diffonde sul conto della Cina. Vi proponiamo di seguito l’analisi della prima di queste menzogne.

 

Introduzione

Il segretario di Stato degli USA Antony Blinken ha recentemente pronunciato un discorso all’Asia Society delineando l’approccio dell’amministrazione statunitense alla Cina. Con un linguaggio accuratamente calibrato, ha cercato di promuovere la narrativa della “minaccia cinese”, interferire negli affari interni della Cina e diffamare la politica interna ed estera della Cina, il tutto in un tentativo di contenimento e soppressione in piena regola della Cina.

Nel documento che segue, utilizzeremo fatti e cifre per mostrare al mondo quanto sia ingannevole, ipocrita e pericolosa la politica degli Stati Uniti sulla Cina.

 

Falsità 1: la Cina pone la più seria sfida a lungo termine all’ordine internazionale e lo sta minando. Gli Stati Uniti difenderanno il diritto internazionale, gli accordi, i principi e le istituzioni che mantengono la pace e la sicurezza e proteggeranno i diritti degli individui e delle nazioni sovrane.

Realtà: ciò che gli Stati Uniti hanno costantemente promesso di preservare è un cosiddetto ordine internazionale progettato per servire gli interessi degli Stati Uniti e perpetuarne l’egemonia. Gli stessi Stati Uniti sono la principale fonte di sconvolgimento dell’attuale ordine mondiale.

 

– La Cina è stata e sarà sempre un difensore dell’ordine internazionale. La Cina è un membro fondatore delle Nazioni Unite (ONU) e il primo Paese ad apporre la propria firma sulla Carta delle Nazioni Unite. La Cina si impegna a sostenere il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite, l’ordine internazionale sostenuto dal diritto internazionale e le norme di base che regolano le relazioni internazionali basate sugli scopi e sui principi della Carta delle Nazioni Unite. I cinque principi di pacifica convivenza promossi congiuntamente da Cina, India e Myanmar sono stati ampiamente riconosciuti dalla comunità internazionale e sono diventati le norme di base che guidano le relazioni tra stato e stato.

La Cina sostiene il vero multilateralismo e la stabilità strategica globale. La Cina è il maggior contributore di forze di pace tra i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il secondo più grande contributore tra tutti i Paesi delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace. La Cina ha preso parte attiva ai processi internazionali di controllo degli armamenti, disarmo e non proliferazione. Ha firmato o ha aderito a più di 20 trattati multilaterali sul controllo degli armamenti, sul disarmo e sulla non proliferazione, tra cui il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP) e il Trattato sul commercio di armi (ATT). La Cina è contro la corsa agli armamenti.

Sulla scia della crisi finanziaria internazionale del 2008, la Cina ha adottato una macro politica responsabile, è rimasta uno “stabilizzatore” per l’economia mondiale e ha dato un importante contributo alla ripresa globale. La Cina fornisce attivamente beni pubblici internazionali a vari Paesi, e ha firmato accordi di cooperazione BRI con 149 Paesi e 32 organizzazioni internazionali.

– Negli ultimi anni, la visione del presidente Xi Jinping di costruire una comunità con un futuro condiviso  per l’umanità è stata accolta calorosamente dalla comunità internazionale. È stato scritto in numerosi documenti importanti emessi dalle Nazioni Unite, dall’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e da altre istituzioni multilaterali. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha salutato la Cina come un importante pilastro del multilateralismo, osservando che lo scopo della pratica del multilateralismo è costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Peter Thomson, presidente della 71a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha affermato che la visione di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità sostenuta dalla Cina è l’unico futuro per l’umanità su questo pianeta.

In risposta a varie nuove sfide globali, il presidente Xi Jinping ha proposto la Global Development Initiative (GDI) e la Global Security Initiative (GSI). Esse rappresentano le proposte della Cina per rendere il sistema di governance globale più equo e giusto, e hanno ricevuto una risposta positiva e un ampio sostegno dalla comunità internazionale.

– Gli Stati Uniti hanno palesemente violato gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, e le norme che regolano le relazioni internazionali. Con la loro potenza militare, gli Stati Uniti hanno lanciato guerre in numerose parti del mondo, alimentando divisioni e conflitti e provocando enormi disordini e disastri nel mondo. In tutta la storia di oltre 240 anni degli Stati Uniti, ci sono stati solo 16 anni in cui gli Stati Uniti non erano in guerra. Gli Stati Uniti potrebbero anche essere definiti il ??Paese più bellicoso nella storia del mondo. La rivista americana The National Interest ha citato Dakota Wood, ricercatore senior per i programmi di difesa presso la Heritage Foundation, che ha scritto che gli Stati Uniti avevano costantemente bisogno di schierare forze militari ogni 15 anni circa.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno lanciato o partecipato a molte guerre all’estero, tra cui la guerra di Corea, la guerra del Vietnam, la guerra afgana e la guerra in Iraq. Quelle guerre hanno causato vittime civili estremamente ingenti e gravi perdite di proprietà, e hanno portato a colossali disastri umanitari. Dal 2001, le guerre e le operazioni militari statunitensi in nome dell’antiterrorismo hanno ucciso più di 900.000 persone, di cui circa 335.000 civili, con milioni di feriti e decine di milioni di sfollati.

– Gli Stati Uniti pongono abitualmente il proprio diritto interno al di sopra del diritto internazionale e applicano selettivamente le regole internazionali come meglio credono. Dagli anni ’80, gli Stati Uniti si erano ritirati da 17 organizzazioni e trattati internazionali, tra cui il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC), l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO), il Piano d’azione congiunto globale (PACG), il Trattato sul commercio di armi (ATT), il Trattato sulel forze nucleari a raggio intermedio (INF) e il Trattato sui cieli aperti.

Sebbene l’attuale amministrazione statunitense abbia dichiarato che “l’America è tornata” e gli Stati Uniti si siano riuniti ad alcune organizzazioni e accordi internazionali, l’amministrazione in sostanza non ha abbandonato la politica “America First” e sta portando avanti il ??”multilateralismo selettivo”. L’attuale amministrazione è rimasta fuori dalle istituzioni e dagli accordi ritenuti lesivi degli interessi statunitensi come il Trattato sui cieli aperti. I media europei l’hanno definita “America First 2.0“.

– Gli USA hanno abusato della loro egemonia finanziaria e tecnologica e si sono impegnati nella coercizione economica in nome della protezione della sicurezza nazionale. Gli Stati Uniti hanno emanato alcune leggi nazionali, come l’International Emergency Economic Powers Act, il Global Magnitsky Human Rights Accountability Act e il Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act, ed emesso una serie di ordini esecutivi per prendere di mira e sanzionare specifici Paesi, entità o individui. Le norme ambigue contenute in questi atti e ordini esecutivi come il “principio dei contatti minimi” e la “dottrina degli effetti”, sono una intenzionale espansione della giurisdizione delle legislazioni statunitensi interne. Gli Stati Uniti abusano anche dei loro canali  domestici  di accusa  per esercitare una giurisdizione a lungo raggio su entità e individui in altri Paesi.

Per più di 60 anni, in totale disprezzo delle numerose risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti hanno continuato il loro blocco globale contro Cuba basato sulle loro politiche di embargo e leggi interne come la Legge Torricelli e la Legge Helms-Burton. Il blocco di Cuba è il più lungo e crudele embargo commerciale sistemico, blocco economico e finanziario della storia moderna. Il blocco è stato gravemente dannoso per lo sviluppo economico e sociale di Cuba, causando perdite dirette per oltre 100 miliardi di dollari USA all’economia cubana.

Gli Stati Uniti hanno attuato il blocco e le sanzioni contro l’Iran dalla fine degli anni ’70. Nel maggio 2018, il governo degli Stati Uniti ha annunciato il suo ritiro unilaterale dal PACG e subito dopo ha ripreso e ampliato le sanzioni contro l’Iran. Molti Paesi ed entità rilevanti sono stati costretti a rinunciare alla loro cooperazione con l’Iran. Un gran numero di compagnie petrolifere straniere ha lasciato il Paese. L’industria manifatturiera iraniana difficilmente può sostenere il normale funzionamento. Il Paese ha subito un rallentamento economico, insieme all’aumento dell’inflazione e al massiccio deprezzamento della valuta.

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni unilaterali a Bielorussia, Siria e Zimbabwe, tra gli altri nel corso degli anni, e hanno aumentato la “massima pressione” contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea, il Venezuela, ecc.

– Le statistiche mostrano che la precedente amministrazione statunitense aveva imposto oltre 3.900 misure sanzionatorie, il che significa che ha impugnato il suo “grande bastone” in media tre volte al giorno. A partire dall’anno fiscale 2021, le entità e le persone nelle liste delle sanzioni statunitensi hanno superato le 9.421 unità, il 933% in più rispetto all’anno fiscale 2000.

Le sanzioni unilaterali e illegali degli Stati Uniti e la giurisdizione a lungo raggio hanno gravemente minato la sovranità e la sicurezza di altri Paesi e hanno gravemente influenzato il loro sviluppo economico e il benessere dei loro popoli. Anche le sanzioni e la giurisdizione a lungo raggio costituiscono una grave violazione del diritto internazionale e delle norme fondamentali delle relazioni internazionali.

In un articolo pubblicato nel numero di settembre/ottobre 2021 di Foreign Affairs, Daniel Drezner, Professore alla Tufts University e Senior Fellow alla Brookings Institution, critica  le successive amministrazioni statunitensi per aver utilizzato “le sanzioni come soluzione di riferimento per quasi tutti i problemi di politica estera”. Osserva che le sanzioni non solo sono inefficaci, ma che inoltre “esercitano un tributo umanitario” e che gli Stati Uniti d’America sono diventati gli “Stati Uniti delle sanzioni“.

– L'”ordine internazionale basato sulle regole” sostenuto dagli Stati Uniti è in effetti un’altra versione della politica di potere. Questo è un tentativo di imporre la propria volontà e i propri standard agli altri e di sostituire le leggi e le norme internazionali comunemente accettate con le regole interne di alcuni Paesi.

Nel mondo esiste un solo sistema internazionale, ovvero il sistema internazionale con l’ONU al centro. C’è un solo ordine internazionale, cioè l’ordine internazionale sostenuto dal diritto internazionale. E c’è un solo insieme di regole, cioè le norme di base che regolano le relazioni internazionali, sostenute dagli scopi e dai principi della Carta delle Nazioni Unite.

Prima di voler discutere le regole e l’ordine, gli Stati Uniti dovrebbero pagare gli arretrati di un miliardo di dollari USA per il bilancio regolare delle Nazioni Unite e 1,4 miliardi di dollari per le valutazioni di mantenimento della pace, ratificare in modo tempestivo la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e la Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne, smettere di bloccare da soli i negoziati su un protocollo di verifica ai sensi della Convenzione sulle armi biologiche (BWC), eliminare le sanzioni unilaterali illegali, adempiere seriamente ai propri obblighi internazionali e dare il buon esempio agli altri nel rispetto di leggi e norme.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti