Pedro Castillo Terrones, un Chávez in Perù?

Pedro Castillo Terrones, un Chávez in Perù?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jose Amesty* - Kaosenlared

In molti dei popoli latinoamericani, abbiamo sentito il clamore per l'emergere di un "Chávez" nella loro nazione. Questo è il sogno di molti cittadini che vogliono un governante che si prenda cura dei loro bisogni e problemi.

L’accesso al ballottaggio del maestro Pedro Castillo Terrones, con possibilità di vittoria, eccita sia peruviani che latinoamericani, che vedranno finalmente riaffiorare il Perù bolivariano, un popolo a lungo insoddisfatto della politica e dello status quo economico del paese, dall’instabilità istituzionale. Un paese dove la politica ha raggiunto preoccupanti abissi di discredito.

Castillo Terrones, descritto da alcuni, come un politico con un discorso radicale, statalista, ma moralmente conservatore. Pedro Castillo, della regione settentrionale di Cajamarca, dove è nato ed è un insegnante rurale, con il classico sombrero bianco a tesa larga di quella regione andina.

Certo, prima dovremo aspettare il secondo turno delle elezioni presidenziali e che vinca, il suo primo compito è sconfiggere Keiko Fujimori, e secondo, sperare che Castillo non ci deluda.

Cominciamo dalla vittoria, perché sebbene Castillo e Peru Libre, il suo partito, siano stati i più votati, non hanno alle spalle un vero movimento politico. La sua vittoria non è stata il risultato di anni di organizzazione, come nel caso di altri movimenti di sinistra in America Latina; la maggior parte degli elettori che hanno scelto Castillo lo ha fatto nelle ultime due settimane. La maggior parte degli elettori di Peru Libre non si identifica completamente con il partito e il loro sostegno potrebbe dissiparsi.

Oltre ad arrivare al primo posto nella corsa presidenziale, Perù Libre ha anche sbancato i sondaggi del Congresso, ottenendo 37 dei 130 seggi nella legislatura, secondo le proiezioni al momento in cui questo articolo viene scritto. Molti di questi nuovi membri del Congresso saranno peruviani normali senza esperienza politica e che probabilmente non si sarebbero mai aspettati di vincere.

Proviamo a confrontare, vedere somiglianze e differenze, e lasciare le impostazioni alla discrezione dei lettori, tra il processo di Chávez e il processo di Castillo, sebbene i confronti siano odiosi.

Un esempio è quando il candidato Pedro Castillo, professore e rondero (aggettivo, che appartiene o riguarda le rondas, organizzazioni rurali di autodifesa, composte da membri di settori etnici e contadini), ha pubblicamente sottolineato che in Venezuela non c'è dittatura e che i venezuelani senza interferenze esterne devono risolvere i loro problemi, dimostrando che non è necessario unirsi alle calunnie di destra contro il Venezuela per essere una sinistra accettabile.

Un altro esempio, quando fa notare che, se il Congresso, che sarà molto frammentato e con una maggioranza di partiti di destra, non vuole sostenere la richiesta di un'Assemblea Costituente, userà i suoi poteri presidenziali per chiuderlo, che trasmette un messaggio di volontà politica e coraggio, che lo rende credibile, e dà garanzie per aderire, senza timore di indecisioni e successivi tradimenti.

Castillo proviene da un partito "marxista e leninista", un partito di sinistra, Peru Libre, poco conosciuto, fondato e guidato dall'ex governatore di Junín, Vladimir Cerrón. 
Cerrón ha descritto il partito come socialista, marxista di sinistra, leninista e mariateguista. Il suo programma prevede la nazionalizzazione delle risorse e dell'industria, l'aumento dei finanziamenti per l'istruzione e la creazione di una nuova Costituzione, che ribalterà quella imposta dal presidente neoliberista autoritario Alberto Fujimori negli anni '90. Perù Libre è un partito minore che ha avuto un inaspettato successo.

Sebbene, i due partiti "di sinistra" che hanno preceduto Castillo sono favorevoli a profondi cambiamenti nella gestione dell'economia e dello Stato, e la necessità di una nuova Costituzione, che stabilisca una polarizzazione tra due modelli (sinistra e destra), di soluzione la grave crisi economica, politica e sociale che sta attraversando il Perù, aggravata dalla pandemia.

Ricordiamo che la proposta principale di Chávez è stata la creazione di una nuova Costituzione e questa è stata accettata dal popolo venezuelano, dalla nazionalizzazione del petrolio e da altre compagnie, nonché dal rafforzamento dei settori sanitario ed educativo.

Peru Libre è un partito, secondo gli analisti, con alcune posizioni marcatamente conservatrici sui cosiddetti diritti civili. Ad esempio, la denuncia e il rifiuto di Castillo dell'approccio di genere o "ideologia di genere" e dei diritti della diversità sessuale. Inoltre si oppone a una imposta patrimoniale.

Sia Castillo che Chavez provengono dalla provincia, dall'interno del paese e le regioni rurali non possono essere ignorate. Il sostegno di Castillo arriva dalle province interne e meridionali, in particolare dagli altopiani andini, dove la popolazione è più povera e più rurale.

Un'altra somiglianza tra Castillo e Chavez è che i due sono penetrati nelle colline di Lima e Caracas, come nelle zone rurali, perché parlavano la stessa lingua, ed erano mossi dagli stessi abbandoni, dimenticanze, malcontento e speranza.

Sia Chavez che Castillo sono outsider, cioè qualcuno che appare dall'esterno del sistema politico ufficiale, quando la politica è nella sua peggiore fase di discredito. E come ogni "outsider" irrompe all'ultimo momento, devastando senza dare tempo alle campagne di demolizione mediatica.

Castillo usa un mix di "terrukeo", linguaggio usato da una persona, che è contro le leggi di un governo e si ribella. Chavez (chavismo) e i suoi postulati, alla fine, sfociarono in un'ideologia e un movimento politico emerso in Venezuela, attorno alla figura dell'ex presidente Hugo Chávez Frías.

In sintesi, entrambi i personaggi hanno mostrato sagacia, e nel caso di Pedro Castillo Terrones, ne avrà bisogno, ancora di più, per affrontare il complesso panorama di eventi che ha contribuito a scatenare, e che lo pongono all'apice, di quello che rischia di essere un confronto di grandi proporzioni, che può andare oltre il campo elettorale.

Le circostanze in cui Castillo ora arriva al secondo turno non potrebbero essere migliori. Il suo avversario è Keiko Fujimori, la figlia di Alberto Fujimori, giunta seconda alle elezioni presidenziali del 2016 ma ora molto avversata. Il suo coinvolgimento nello scandalo per corruzione di Odebrecht, che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha definito "il più grande caso di corruzione straniera nella storia", e un paio di volte in prigione hanno ridotto la sua percentuale di voti al primo turno dal 40% al 13%.

Potrebbe attaccarla per i suoi legami con suo padre, e lei potrebbe attaccarlo per i suoi presunti legami con il gruppo di guerriglia, Sendero Luminoso, un'accusa cronica contro i socialisti in Perù.

I sostenitori di Castillo lo presentano come “l’Evo Morales peruviano”, anche se le somiglianze ci sono (un sindacalista rurale di origini modeste), la realtà è che Castillo è recentemente apparso sulla scena.

Vedremo cosa succede, la Legge Organica delle Elezioni del Perù (LOE) stabilisce un periodo di 30 giorni per una nuova votazione, dopo l'annuncio dei risultati ufficiali del primo turno. Il decreto supremo n. 122-2020-PCM, che ha indetto il processo elettorale, indica che il ballottaggio si terrà domenica 6 giugno. Molte cose possono accadere prima di allora.

È tradizione in Perù che sono gli insegnanti, i maestri, i più ascoltati dalle famiglie. Sono gli insegnanti delle zone rurali che gli hanno fatto propaganda famiglia per famiglia.

Come abbiamo già sottolineato, Castillo Terrones ha promesso di attivare i meccanismi per convocare un'Assemblea Costituente, al fine di creare un'altra Costituzione che potrebbe comprendere tutti i settori del Paese. Allo stesso modo, ha anche detto che approverà la formazione di una nuova Corte costituzionale, eletta in consultazione popolare, poiché i magistrati eletti dal Congresso, dice, "stanno difendendo una Costituzione che ha posto fine a tutti i diritti e ha saccheggiato il Paese". 

Tuttavia, la realtà è che, se sommiamo le percentuali elettorali della destra in queste elezioni, i partiti Fuerza Popular, Avanza País, Renovación Popular, Partido Popular Cristiano e Perù Patria Segura, secondo l'ONPE, questo spettro politico conquista la vittoria con quasi il 40% dei voti in totale, un numero significativo per Keiko Fujimori tenendo conto che ci sarà una valanga politica e mediatica di destra e neoliberista, che tenterà di perpetuare l'attuale sistema di disuguaglianza peruviana.

La sinistra, invece, potrebbe perdere, se si aggiungono i voti finora confermati per Peru Libre, Juntos por el Perú e Frente Amplio, totalizziamo poco più del 28%, che numericamente non consente a Castillo di avanzare verso la presidenza peruviana. A meno che la strategia elettorale non cambi di 180 gradi.

Il Perù è a un bivio, spetta al popolo peruviano scegliere se continuare con ciò che ha causato la più grande delle disgrazie sociali, oppure cambiare verso un altro paradigma, anche quando le difficoltà sono molteplici, di fronte a un nuovo ciclo parlamentare, dove nessun partito ha una netta maggioranza.

*Teologo venezuelano

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti