World Affairs/Perché gli operai non votano più la sinistra. Un esempio dalla ...

Perché gli operai non votano più la sinistra. Un esempio dalla Gran Bretagna

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di Lisa McKenzie* - RT
 
Non ho votato per oltre 20 anni e le turbolenze laburiste di questa settimana mostrano il motivo. Invece di essere un'opposizione efficace a un governo conservatore incompetente nel mezzo di una pandemia, sono di nuovo con l'acqua alla gola.
 
Ho votato alla mia prima elezione generale nel 1987. Sono andata con mia madre, che era così orgogliosa che potevamo camminare insieme verso il seggio, madre e figlia usavano il voto per il quale, mi ricordava spesso, altre donne erano morte.
 
Ovviamente, come lei, e quasi tutti gli altri nella mia comunità del North Nottinghamshire, abbiamo votato per il partito laburista sperando che entro le prossime 24 ore l'odiata Maggie Thatcher ei suoi scarponi sarebbero stati cacciati da Downing Street e Neil Kinnock avrebbe ottenuto le chiavi.
E subito, c'è stata una lezione per me: non si trattava di voto o democrazia, ma di accontentarsi del minore dei due mali. È una lezione che è stata ripetuta più volte nel corso degli anni, ed è ancora rilevante oggi con i laburisti immersi in una guerra interna senza fine e i conservatori che falliscono miseramente nell'affrontare il coronavirus.
 
Nel 1987, anche mia madre, una forte e fedele membro del Partito Laburista, sindacalista e socialista, dovette turarsi un po' il naso mentre metteva la croce accanto al simbolo laburista della rosa rossa che aveva soppiantato la bandiera rossa del socialismo. Non c'era amore per Kinnock in casa nostra, ma ovviamente era meglio della Thatcher.
 
Il nostro candidato nel 1987 era Frank Haynes, che era stato un minatore prima di diventare un parlamentare. Sebbene nessuno lo considerasse perfetto, conosceva la nostra comunità e le persone che rappresentava. Alle prossime elezioni se ne sarebbe andato e Geoff Hoon, uno studente della scuola pubblica, un avvocato e un politico professionista avrebbe assunto la carica di membro del parlamento di Ashfield, rappresentando più di 30.000 uomini che avevano perso il lavoro - o stavano per farlo - come le miniere chiuse.
 
Nel 1997, mia madre si tappò di nuovo il naso e ancora una volta sperò che il minore dei due mali raggiungesse Downing Street. La storica vittoria laburista di Tony Blair è stata confermata e la classe operaia di tutto il Regno Unito ha perso qualunque rappresentanza potesse avere.
 
Mia madre ha continuato a combattere per il partito laburista fino alla sua morte nel 1999 (21 anni fa oggi). Io invece ho smesso di votare. Non pensavo che valesse la pena combattere per il partito laburista, invece mi sono impegnato nella mia comunità locale a St Ann's a Nottingham, una tenuta comunale nel centro città dove di solito ero dalla parte opposta rispetto ai politici laburisti.
 
Ero fianco a fianco con i miei vicini contro il nostro consiglio, che avrebbe sempre cercato di chiudere qualcosa o altro, e poi nel 2001 contro la guerra del partito laburista in Afghanistan e Iraq.
 
Durante i primi 15 anni del nuovo secolo, divenne ovvio che la politica dei partiti si era staccata dai costituenti che avrebbe dovuto rappresentare, specialmente nelle comunità della classe operaia. Qui non c'era alcuna rappresentanza, solo una coda di consiglieri speciali e amici e alleati dei parlamentari laburisti esistenti per saltare in un posto sicuro che potesse portarli sul treno veloce per Westminster.
 
La realtà economica di questi partiti politici di potere era dura nelle comunità delle Midlands e del nord, poiché il sud-est e in particolare Londra divennero sempre più visibili e tutto ciò che oltre la North Circular Road della capitale scomparve. Ciò ha lasciato vaste terre desolate di disperazione, ma anche la consapevolezza che il gioco politico del partito di Westminster non ha funzionato per la classe lavoratrice.
 
Dopo le elezioni del 2010, che non hanno lasciato la maggioranza generale, ma solo un mash-up di alcune delle persone più odiose e inette delle classi d'élite britanniche, ho sentito sinceramente speranza per la prima volta da molto tempo. E quella speranza proveniva dagli inizi della resistenza popolare della classe lavoratrice e dal respingimento contro la nostra classe politica senza mento e senza tracce.
 
Quando le tasse universitarie sono state aumentate a 9.000 sterline all'anno e l'indennità per il mantenimento dell'istruzione per gli studenti più poveri è stata eliminata, studenti e giovani sono scesi in piazza per protestare.
 
Nel 2011, la sparatoria e l'uccisione di Mark Duggan, a nord di Londra, da parte della polizia metropolitana ha scatenato rivolte su e giù per il paese in un contraccolpo alla crescente incidenza di fermi e perquisizioni su uomini di colore.
 
Gli inizi di un movimento abitativo della classe operaia hanno preso forma, combattendo prevalentemente i consigli laburisti impegnati nella pulizia sociale, costringendo le famiglie della classe operaia a lasciare le principali città per fare spazio ad appartamenti di lusso costruiti da promotori immobiliari internazionali. Si trattava di proteste guidate dalla comunità della classe operaia e da donne come Focus E15 a Stratford, East London e la campagna Save Cressingham Gardens a Brixton, South London.
 
Dopo le elezioni generali del 2015, che hanno restituito un altro governo conservatore, la sinistra britannica si è nuovamente concentrata sul partito laburista come veicolo per attuare un cambiamento politico, con l'elezione di Jeremy Corbyn come leader.
 
La speranza era che questo scagnozzo del partito laburista avrebbe portato la pace in Medio Oriente, avrebbe impedito alla Gran Bretagna di entrare e creare guerre coloniali illegali, avrebbe posto fine alle tasse universitarie e avrebbe portato latte e miele alle masse. Ma ovviamente nessuno ha chiesto alla classe operaia se questi problemi fossero importanti per loro.
 
La sinistra si è organizzata attorno a questa grande speranza bianca e ha messo lui e il partito prima di tutto, comprese le persone della classe operaia che soffrivano sotto lo stivale dei consigli laburisti ed erano trattate come foraggio per il voto da apparati di partito, spin doctor e carrieristi politici.
 
E cosa è successo? Dal 2015 ad oggi, abbiamo assistito a una guerra interna al partito laburista. È stato sporco, irrazionale e brutto, con tutte le parti che hanno tenuto gli occhi sul premio del "potere politico". E nel frattempo, la classe operaia è stata lasciata a guardare, senza rappresentanza da nessuna parte, ma gli è stato detto di continuare a votare perché domani ci sarà "marmellata". Ma come la gente della classe operaia sa, il domani non arriva mai per loro.
 
Così, mentre la sinistra britannica e il partito laburista continuano la loro guerra irrazionale mentre Jeremy Corbyn ei suoi sostenitori si radunano contro Keir Starmer e i suoi seguaci, opponendosi solo l'un l'altro, risucchiando e sperperando l'energia politica, la classe operaia britannica rimane a guardare le proprie comunità, e chiedendosi come possono navigare nel sistema politico per costruirsi piuttosto che fare affidamento su qualsiasi partito politico.
 
Imploro qualsiasi persona della classe operaia che legga questo articolo di non votare per nessuno di loro ... li incoraggia solo. Fate politica invece.
 
*Accademica della classe operaia. È cresciuta in una città mineraria del Nottinghamshire e si è politicizzata durante lo sciopero dei minatori del 1984 con la sua famiglia. A 31 anni è andata all'Università di Nottingham e ha conseguito una laurea in sociologia.  McKenzie tiene lezioni di sociologia all'Università di Durham ed è l'autrice di "Getting By: Estates, Class and Culture in Austerity Britain". È un'attivista politica, scrittrice e pensatrice. Account Twitter @redrumlisa .
 
(Traduzione de L'AntiDiplomatico)
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa