Perché le elezioni statunitensi dovrebbero avere più legittimità del voto bielorusso "truccato"?

60421


Helen Buyniski* - RT
 
I bielorussi sono scesi in piazza per protestare contro quella che molti sostengono essere un'elezione truccata. Eppure le elezioni statunitensi - con i suoi media iperpartigiani, sondaggi senza senso ed entrambi i partiti determinati a contestare una sconfitta- rendono legittimo quanto accaduto a Minsk.
 
Gli Stati Uniti sono uno dei tanti paesi a condannare il presidente bielorusso Alexander Lukashenko per la sua presunta rielezione truccata e per il brutale giro di vite del suo governo sulle proteste che ne sono seguite. Il segretario di Stato Mike Pompeo ha promesso di "consegnare la libertà" a Minsk, e persino la star di Hollywood Chuck Norris ha realizzato un video bizzarro minacciando di far "piangere il presidente" .”
 
Ma se le elezioni bielorusse sono state corrotte e illegittime, cosa significa questo concorso elettorale degli Stati Uniti, che si profila meno di tre mesi nel futuro? Molte tattiche politiche americane che sono diventate routine susciterebbero grida di indignazione dall'Occidente se i politici di un altro paese le usassero.
Dalla chiusura dei seggi elettorali nei quartieri poveri e delle minoranze al gerrymandering ai superPAC e al dark money, la "democrazia" degli Stati Uniti è profondamente antidemocratica e sta peggiorando. La quantità di denaro speso solo per le elezioni americane verrebbe denunciata come corruzione, anche vera e propria tangente, se accadesse altrove, ma le gare statunitensi battono regolarmente i record di spesa con poca fanfara mediatica. Le elezioni del 2016 sono costate 6,8 miliardi di dollari, una somma che supera il PIL della Guyana o delle Maldive.
 
Candidati zombi
 
L'elevato costo delle candidature significa che è quasi impossibile ottenere un ufficio nazionale senza finanziamenti da donatori dalle tasche profonde, la maggior parte dei quali desidera qualcosa per i propri soldi. Di conseguenza, i candidati di maggior successo sono a volte, paradossalmente, i più deboli: coloro che donatori e leader di partito credono di poter manipolare. Da qui la scelta democratica del 2020, Joe Biden: da giovane senatore, ha proclamato alla TV nazionale di essere "pronto a prostituirsi " a donatori di grandi dimensioni. Se la sua vita successiva al servizio di grandi interessi a Washington è un'indicazione, hanno accettato l'offerta.
 
Gli addetti ai lavori citano spesso "eleggibilità" nel licenziare candidati populisti come il senatore del Vermont Bernie Sanders o persino Donald Trump (la cui campagna ha promesso di Drain The Swamp prima che si tuffasse allegramente in quella stessa palude), ma ciò che intendono è "appello ai donatori". I candidati più "eleggibili" - quelli che arrivano alla corsa presidenziale - sono stati negli ultimi anni i meno  popolari. Quando "solo" il 35% degli elettori ha risposto a un sondaggio del Morning Consult all'inizio di questo mese riportando opinioni "molto sfavorevoli" su Biden, il sondaggista lo ha salutato come un miglioramento rispetto alla strabiliante valutazione "molto sfavorevole" del 46% della sua controparte del 2016 Hillary Clinton.
 
Media partigiani
 
I candidati zombi non possono esistere senza un media disposti a coprirli, e proprio come hanno coperto i problemi di salute di Hillary Clinton nel 2016, l'establishment dei media americani ha agito a tempo pieno per quella che molti credono sia la demenza incipiente a Biden. Il candidato ha trascorso la stagione elettorale nascondendosi nella sua cantina, emergendo per rilasciare dichiarazioni sconcertanti, persino offensive, che i giornalisti descrivono come scherzi innocui o una "balbuzie infantile" che non è mai emersa quando Biden era VP. Il candidato è sostenuto, nello stile di Weekend-at-Bernie , mentre si concentrano sulla demonizzazione del suo avversario.
 
Alcuni canali indossano questa partigianeria sulla manica, ma altri illuminano ulteriormente il loro pubblico affermando di presentare la verità non verniciata. La CNN, ad esempio, ha mantenuto una facciata di neutralità anche dopo che i dipendenti sono stati ripresi da una telecamera nascosta spiegando che il CEO Jeff Zucker è motivato da una vendetta personale contro Trump. Il Washington Post insiste ancora che il suo proprietario, il mega-miliardario fondatore di Amazon Jeff Bezos, non influenzi i contenuti - non importa il periodo di 24 ore nel marzo 2016 in cui hanno pubblicato 16 storie negative su Sanders, che ha ripetutamente devastato Bezos e le pratiche affaristiche di Amazon.
 
A mettere i pollici sulla bilancia sono anche le società di social media, che dopo la vittoria inaspettata di Trump sono state galvanizzate (con una spinta dell'intelligence statunitense) a reprimere la libertà di informazione, assicurando che tali sorprese non potessero mai ripetersi. Tutto ciò che sfida lontanamente la narrativa dell'establishment viene censurato nel periodo che precede il concorso del 2020, una situazione che susciterebbe urla di repressione dall'Occidente se accadesse in Bielorussia. Secondo il ricercatore Robert Epstein, Google da solo ha lanciato 16 milioni di voti a Clinton nel 2016 - data l'inclinazione partigiana della Silicon Valley, si può solo immaginare quanti voti Big Tech devierà la strada di Biden nel 2020.
 
Numeri falsi
 
Non sono solo i media a mentire in faccia agli americani: i sondaggisti presentano un'immagine distorta delle preferenze degli elettori nel tentativo di spingere i candidati favoriti nella gola dell'elettorato. Gli stessi gruppi dietro i sondaggi disastrosamente distorti che mostravano a Clinton una probabilità di vittoria del 98% alla vigilia delle elezioni del 2016 ora ritengono che la vittoria di Biden sia imminente, anche se con un margine minore, nonostante un riconosciuto "divario di entusiasmo" tra gli elettori con un impulso. Allo stesso tempo, le discrepanze negli exit poll sono state quasi completamente ignorate nelle primarie del 2020, nonostante indicassero fortemente che qualcosa non andava con il "JoeMentum" di Biden .  
 
Macchine e app ingannevoli
 
La maggior parte delle votazioni negli Stati Uniti avviene con macchine per il voto elettronico, il cui codice sorgente è un segreto commerciale e la cui sicurezza è così misera che possono essere violate da un bambino in pochi minuti. Prima del 2009, i principali produttori di macchine per il voto erano Diebold ed ES&S, entrambi fortemente legati al Partito Repubblicano. Una scandalosa fusione delle due società è durata solo un anno prima che fosse costretta a scorporare l'ex Diebold, ma le macchine dell'azienda rimangono in uso con il marchio Dominion Voting Systems. Sono ancora scatole nere facilmente hackerabili e il problema non è limitato alle macchine per il voto: il software elettorale come la famigerata app Shadow che ha affondato il caucus dell'Iowa del 2020 ha aperto ancora più falle nella sicurezza.
 
Dopo lo spavento dell '" intromissione russa " del 2016, è emerso un raccolto eccezionale di "sicurezza elettorale" , molti dei quali sono collegati all'intelligence statunitense e israeliana e agli addetti ai lavori del partito. Microsoft ha offerto gratuitamente ai seggi elettorali la sua minacciosa tecnologia per la sicurezza elettorale finanziata dal Pentagono. Gli elettori americani non dovrebbero fidarsi di questa folla per portare fuori la spazzatura, per non parlare della salvaguardia del loro diritto di voto. Con così tante inquietudini in arrivo al voto, le elezioni del 2020 saranno piene di così tante backdoor non è questione di se  il voto venga manomesso, ma di quanto. 
 
Pivot per mail-in
 
Un modo per aggirare il problema degli exit poll sono le schede elettorali per corrispondenza, che offrono una miriade di opportunità di frode che l'establishment dei media vorrebbe far credere agli americani siano mere invenzioni dell'immaginazione del presidente. Dalla raccolta delle schede elettorali al riempimento delle schede alla mera incompetenza, i rischi per un'elezione equa rappresentati dal voto per corrispondenza sono quasi tanti quanti sono quelli rappresentati dalle macchine di voto elettroniche proprietarie. E questo prima che Trump minacciasse di privare l'ufficio postale dei fondi necessari per condurre un'elezione all-mail in.
 
Non ammettere mai la sconfitta
 
Mentre la perdente del 2016 Hillary Clinton ha tranquillamente chiamato Trump la notte delle elezioni, ha anche stabilito un precedente disastroso rifiutandosi di accettare la sua perdita come legittima, incolpando tutti, dai robot russi a Wikileaks. Molti liberali credono ancora che la Russia sia stata responsabile della vittoria di Trump, nonostante una massiccia indagine speciale di tre anni che non ha fornito alcuna prova che la campagna del presidente avesse "colluso" con Mosca.
 
Forse non sorprende, quindi, che entrambe le parti stiano già dedicando tanto tempo a complottare per delegittimare una vittoria dall'altra parte quanto pianificano per le proprie vittorie. I ritardi incorporati nel conteggio dei voti per corrispondenza significano che qualsiasi risultato del giorno delle elezioni potrebbe essere annullato, garantendo che almeno una "parte" sarà motivata a scendere in piazza, in stile bielorusso.
 
Quando ciò accadrà, non aspettatevi che nessuno dei paesi che attualmente condannano il governo di Lukashenko per le sue pratiche antidemocratiche richiami Washington.
 
*Giornalista americana e commentatrice politica presso RT. Account Twitter @ velocirapture23
 
 (Traduzione de L'AntiDiplomatico)
 

di Francesco Erspamer 

Diego ci disse 'hijos de puta'. Aveva ragione

di Paolo Desogus

Il tabù MES per i "progressisti rispettabili"

di Giorgio Cremaschi

Le 6 fake news di Bruno Vespa su Mussolini e il fascismo

di Thomas Fazi

Trent'anni di cazzate liberiste. Capitolo Fazio-Giannini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti