Putin, Maduro, Canel, Assad e la Resistenza palestinese si congratulano con Raisi

Putin, Maduro, Canel, Assad e la Resistenza palestinese si congratulano con Raisi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Poco dopo l'annuncio della sua vittoria alle Presidenziali sono arrivate gli auguri da parte delle cancellerie e delle organizzazioni politiche per Seyyed Ebrahim Raisi, che sarà Presidente della Repubblica islamica dell'Iran per i prossimi 4 anni.

"È un piacere porgervi, a nome del popolo arabo siriano, le mie più vive congratulazioni per la vostra vittoria alle elezioni presidenziali e per aver conquistato la fiducia del popolo iraniano", ha scritto in un telegramma il presidente siriano Bashar Al-Assad fra i primi a congratularsi con Raisi.

Nel suo messaggio al neo Presidente iraniano, Vladimir Putin ha ricordato che“le relazioni tra i nostri paesi sono state tradizionalmente amichevoli e di vicinato. Sono fiducioso che il vostro lavoro in questa alta posizione contribuirà all'ulteriore sviluppo di una costruttiva cooperazione bilaterale tra i nostri paesi in vari campi, nonché all'interazione di partenariato negli affari internazionali. Ciò soddisfa pienamente gli interessi dei popoli russo e iraniano ed è in linea con il rafforzamento della sicurezza e della stabilità regionali", ha scritto il presidente della Russia nel suo messaggio.

"Congratulazioni cordiali al presidente eletto della sorella Repubblica islamica dell'Iran, Ebrahim Raisi, a cui auguriamo successo nello svolgimento delle sue funzioni", ha scritto il presidente cubano Miguel Díaz-Canel sul suo account Twitter.

A congratularsi con Raisi anche il Presidente della repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro.

 

 

Il Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS) nel congratularsi con Raisi ha espresso la speranza che, durante il periodo della sua carica di Presidente della Repubblica Islamica dell'Iran, la solidarietà con la Palestina continuerà a rafforzarsi.

La Jihad islamica Palestinese ha sottolineato, invece, che il successo di questa esperienza democratica ha un grande significato per un Paese che è soggetto a grandi minacce a causa della fermezza delle sue politiche e delle sue posizioni.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti