Quando l'URSS (primo paese al mondo) legalizzò l'aborto nel 1919

Quando l'URSS (primo paese al mondo) legalizzò l'aborto nel 1919

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
In questi giorni all’attenzione delle cronache mediatiche si è imposta la pronuncia della Corte Suprema statunitense sul tema dell’aborto. In sostanza viene abolita la storica sentenza con cui nel 1973 la stessa Corte aveva legalizzato l'aborto negli Usa. "La Costituzione non conferisce il diritto all'aborto", si legge nella sentenza. La decisione è stata presa da una Corte divisa, con 6 voti a favore e 3 contrari. La conseguenza pratica è che ora i singoli stati della repubblica federale, saranno liberi di applicare le loro leggi in materia. A riguardo si è pronunciata anche l’Onu affermando che abolire il diritto ad abortire è "un colpo terribile ai diritti umani delle donne". 
 
Alla luce di quanto accaduto, oggi, ancor più che in altre occasioni, ai famigerati "liberals", vale la pena ricordare che già  più di cento anni fa, nell’ormai lontano 1919, e’ stata niente poco di meno che  la tanta vituperata Unione Sovietica, il primo paese al mondo a legalizzare l’aborto. 
 
Nell’URSS  l'aborto a onor del vero non fu semplicemente legalizzato, ma reso disponibile a carico dello stato, in un’ ottica socialista della fruizione universale gratuita della sanità pubblica. L’obiettivo era fornire l'interruzione di gravidanza in un ambiente sicuro e con l'ausilio di medici così da contrastare la pratica clandestina condotta spesso da personale non qualificato . 
 
“La campagna fu molto efficiente nelle aree urbane (circa il 75% degli aborti effettuati a Mosca nel 1925 si svolsero in strutture ospedaliere), meno nelle aree rurali spesso carenti di accesso a dottori e trasporti, e dove si preferiva l'accesso alle terapie tradizionali empiriche.” (cit. Michaels, Paula, "Motherhood, Patriotism, and Ethnicity: Soviet Kazakhstan and the 1936)
 
Questa appena menzionata, fu solo una delle conquiste in quel paese (e in quella società) che fu tra i primi al mondo a dare alla donna il diritto di voto, uno dei primi in cui una donna assunse alla carica di Ministro e dove negli anni a venire  un’ operaia , Valentina Vladimirovna Tereškova,sarebbe divenuta la prima donna a volare nello spazio.  
 
Della condizione delle donne e della loro emancipazione  in terra sovietica, racconta  la statunitense Anna Strong nel suo libro ,“L’era di Stalin”. Basti citare il seguente passaggio: “In tutte le parti dell’Unione Sovietica il mutamento della condizione della donna fu uno dei cambiamenti più importanti della vita sociale. La rivoluzione diede alla donna l’eguaglianza legale politica: a questa, l’industrializzazione fornì la base economica nell’eguaglianza del salario. Ma in ogni villaggio, erano ancora vive le abitudini durate per secoli, e le donne dovevano lottare contro il loro potere. Di un villaggio siberiano, per esempio, si seppe che, dopo che le fattorie collettive ebbero dato alle donne un salario indipendente, le spose scioperarono contro il venerando costume patriarcale di battezzare le mogli e lo spezzarono in una settimana.”
 
Queste conquiste figlie della “rivoluzione di ottobre” e del socialismo vanno ricordate e sciorinate alla gente  perché troppo frettolosamente sono state in modo ingeneroso confinate  nel dimenticatoio della storia. 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti