QUO VADIS DEUTSCHLAND? Parte I – Politica e economia

QUO VADIS DEUTSCHLAND? Parte I – Politica e economia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Premessa:

Questa è la prima parte di una serie di articoli che riguardano i vari fattori che influenzano lo stato attuale delle cose in Germania.

 Per Al-Mayadeen English

[questo saggio è stato tradotto dal tedesco in italiano da Nora Hoppe]

Politica e economia

Come sappiamo tutti, l'Afghanistan è sotto il dominio dei Taleban e su di loro è stato detto, mostrato e scritto quasi tutto. Ormai non c'è più nulla su cui scervellarsi o su cui chiedersi se bisogna ridere o piangere.

La Germania non è sotto il dominio dei Taleban. Ma le circostanze sono tali che ci si può solo scervellare e piangere o ridere. Sì, la Germania... che, fino alla saga del Covid, era considerata il campione europeo delle esportazioni, aveva l'economia più forte d'Europa e si vedeva alla guida dell'UE, ora si trova sull'orlo di un precipizio economico, culturale e sociale.

La situazione in Germania (come nel resto dell'UE) è ingarbugliata e convulsa. I cambiamenti e gli eventi si susseguono velocemente. Non passa giorno senza una nuova, spesso spiacevole sorpresa. Uno spettro si aggira per l'Europa. Lo spettro della Paura. Una Paura diffusa e onnicomprensiva. Una Paura di tutto e di niente... persino una di parlare di questa Paura. Da un lato, viene alimentata dalla politica e dai media; dall'altro, le sue origini vengono deviate, soppresse e represse da gran parte della popolazione o addossate a capri espiatori. (Seguirà un approfondimento su questo punto).

Secondo alcuni esperti critici di economia e finanza, giornalisti svegli e cittadini impegnati, che si concentrano quotidianamente su ciò che accade in Germania e nei suoi dintorni e che pubblicano le loro scoperte e preoccupazioni per lo più su media alternativi, la Germania è minacciata dalla deindustrializzazione e sta per essere declassata a "Paese del terzo mondo". Anche il sindaco di Tubinga del Partito Verde, Boris Palmer, teme che "la Germania sia davvero sull'orlo della deindustrializzazione", come ha dichiarato in un talk show due settimane fa. I dibattiti su questo tema si stanno sempre più accendendo nei media alternativi e recentemente anche in quelli tradizionali, portando il governo a reprimere i suoi critici con una retorica severa senza precedenti e, in alcuni casi, con azioni dure.

Dal punto di vista del governo e dei media mainstream, queste circostanze possono essere tutte imputate a "Putin" (come nel caso del Covid, la colpa è ovviamente della Cina): "Ha attaccato l'Ucraina e sta conducendo una guerra brutale contro i civili". ... Perché? "Perché è un dittatore sanguinario, imperialista e colonialista che odia la democrazia".

L'attribuzione della colpa è stata presto estesa a tutti i russi. Ai russi che lavoravano in Germania, nella misura in cui avevano una posizione importante nel settore culturale o nella società, è stato chiesto di prendere le distanze da Putin e dal "suo Stato". Chi si rifiutava di farlo veniva sanzionato. Il direttore musicale Valery Gergiev è stato prontamente licenziato dall'Orchestra Filarmonica di Monaco. Le performance della popolare cantante lirica Anna Netrebko sono state cancellate nel Baden-Württemberg e a Stoccarda. Solo dopo aver condannato la guerra ha potuto esibirsi a Colonia (poi è stata debitamente eliminata dal repertorio di Mosca).

Oltre alle sanzioni economiche imposte dall'Occidente, i russi sono stati esclusi da diversi eventi culturali, come concerti musicali e festival cinematografici. Una campagna diffamatoria, che ricorda fortemente l'era nazista, è stata scatenata contro la Russia e il Presidente Putin dai politici e dai media mainstream tedeschi. In particolare, i politici del Partito Verde, attualmente al governo in una coalizione con l'SPD (il Partito Socialdemocratico di Germania) e l'FDP (il Partito Liberale Democratico), si stanno impegnando nella campagna con insolito fervore.

Il ministro degli Esteri dei Verdi, Annalena Baerbock, ha fatto notizia quando ha dichiarato in un dibattito pubblico [video: 1:59]: "... se faccio la promessa ai cittadini ucraini "siamo al vostro fianco finché avrete bisogno di noi", allora voglio mantenere la promessa – a prescindere da ciò che pensano i miei elettori tedeschi – ma voglio mantenere la promessa al popolo ucraino e (...) devo essere chiara sul fatto che questo vale finché l'Ucraina avrà bisogno di me..." (grassetto mio). I suoi critici hanno osservato che le sue dichiarazioni hanno solo dimostrato la sua "totale mancanza di cervello".

In passato, la Germania otteneva (secondo le statistiche del 2020) il 65% del suo gas dalla Russia, attraverso il gasdotto Nord Stream 1. Il gasdotto Nord Stream 2, che stava per entrare in funzione, è stato improvvisamente chiuso dal governo di coalizione - su ordine degli Stati Uniti. Dopo l'inizio della guerra in Ucraina, in risposta alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dalla "comunità dei valori occidentali" (l'UE), la Russia ha iniziato a ridurre le forniture di gas alla Germania, per poi interromperle del tutto. Da allora, il governo tedesco è alla ricerca frenetica di fornitori alternativi. Il gas che hanno in riserva durerà solo per poco tempo. La mancanza o addirittura la carenza di gas avrà conseguenze fatali per tutti i settori dell'economia e, a sua volta, devasterà la vita della popolazione. La produzione di elettricità e fertilizzanti e molte altre produzioni di beni dipendono dal gas.

Si prevede che quest'anno l'inflazione raggiungerà l'8% e l'economia precipiterà, senza alcun sollievo in vista. I costi dell'energia e i prezzi dei generi alimentari e di altri beni e servizi necessari continuano a salire ogni giorno. Ormai il collasso totale sembra inevitabile.

Il ministro dell'Economia Robert Habeck (del partito dei Verdi) prevede tempi cupi per la Germania ed esorta la popolazione ad adottare rigorose misure di austerità: dovrebbero farsi meno docce, indossare maglioni spessi durante l'imminente freddo inverno mitteleuropeo invece di riscaldare le loro case; le vetrine dei negozi non dovrebbero più essere illuminate, l'illuminazione dei pannelli pubblicitari urbani e dei cartelloni pubblicitari dovrebbe restare spenta (di per sé non è una cattiva idea!), persino i semafori in alcuni luoghi dovrebbero essere disattivati, ecc.

In un recente talk show [19:17], quando la conduttrice ha chiesto se le sue politiche non avrebbero scatenato un'ondata di insolvenze nel corso della crisi energetica, Habeck ha balbettato: "No, non ci saranno insolvenze, ma può darsi che alcune imprese debbano prima smettere di produrre (...) ma non diventeranno automaticamente insolventi, ma forse dovranno smettere di vendere. (...) Può essere che alcune imprese debbano chiudere". (Un politico più astuto e meno pasticcione avrebbe potuto trasmettere la stessa cosa in un modo meno penoso). Subito dopo, sia lui che il governo sono stati accolti da un diluvio di derisione e condanna in tutto il Paese. La politica di sinistra Sahra Wagenknecht ha dichiarato in uno dei suoi servizi video: "È evidente che abbiamo uno dei governi più stupidi di tutta Europa".

Non passa giorno senza che qualche politico tedesco inveisca contro Putin/Russia. Naturalmente ci sono alcune eccezioni – soprattutto tra i politici di sinistra e i vecchi conservatori, la maggior parte dei quali non è più attiva, come Oskar Lafontaine (ex SPD), Willi Wimmer (CDU – il partito Unione Cristiano-Democratica), Albrecht Müller (ex SPD), solo per citarne alcuni. Nel Partito della Sinistra – a parte alcuni individui come Sahra Wagenknecht, uno dei politici più in vista in Germania, che è costantemente oggetto di bullismo e di odio anche all'interno del suo stesso partito – non è rimasto nulla del "pensiero di sinistra". Le politiche tedesche, soprattutto in materia di affari esteri, sono prodotte nei centri transatlantici "al di là dell'Oceano". Il governo tedesco è solo l'esecutore di queste decisioni. I Verdi ne sono la prova innegabile... come conferma Annalena Baerbock, ministro degli Esteri "verde" della Germania: "Oggi, quando la nostra sicurezza e la nostra libertà sono minacciate come non accadeva da decenni, è di nuovo nostro compito serrare i ranghi transatlantici. Dobbiamo cogliere questo momento transatlantico per costruire un partenariato transatlantico più forte e irreversibile per il XXI secolo".

Questa sicurezza e questa libertà, così terribilmente minacciate, vengono ora difese in Ucraina spalla a spalla con i nazisti, proprio come un tempo venivano difese con così tanto successo nell'Hindu Kush spalla a spalla con i boss della droga e i signori della guerra.*

* Una dichiarazione dell'ex ministro della Difesa tedesco Peter Struck, rilasciata l'11 marzo 2004, non è mai stata dimenticata: "La sicurezza della Repubblica federale di Germania viene difesa nell'Hindu Kush"].

Tariq Marzbaan

Tariq Marzbaan

 

Nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo. Attualmente risiede nell'Asia sudorientale. Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca, oltre a continui studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo. Ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore. Ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato nei festival internazionali. Editorialista per Al Mayadeen English.

"Il Waste Land è la terra del non-spazio e del non-tempo, la visione di un luogo di nessuno, che con la sua oscurità infrange ogni speranza, in cui gli abitanti si dibattono in un clima di disperazione e soffocamento."

- Angelo De Sio, nella sua analisi de 'La terra desolata', poema di T.S. Eliot

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti