Renault, rivolta nella fonderia in vendita: operai sequestrano i dirigenti

Renault, rivolta nella fonderia in vendita: operai sequestrano i dirigenti

I lavoratori di una fabbrica di componenti per automobili Renault nel nord-ovest della Francia hanno impedito a sette dirigenti dell'azienda di lasciare lo stabilimento in un disperato tentativo di interrompere i piani della casa automobilistica per vendere l'impianto.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

350 dipendenti hanno picchettato lo stabilimento Renault di Fonderie de Bretagne, bloccando sette dirigenti per 12 ore nella giornata di ieri. Tutto questo dopo che la casa automobilistica ha annunciato l'intenzione di vendere o chiudere la struttura, 

Il sindacalista della CGT Maël Le Goff ha denunciato in un'intervista a RT francese come questa azione si sia resa necessaria dal momento che non c'erano segnali di dialogo da parte della dirigenza dell'azienda. Gli operai hanno agito "semplicemente per poter discutere con loro". E ancora: "Chiediamo un mediatore per avviare vere discussioni perché è da un anno che siamo in loro balia", ha proseguito il sindacalista che con altri dirigenti ha già incontrato le delegazioni ministeriali, senza che per ora emerga alcuna speranza.

 "Ci confermano che non c'è acquirente, siamo sotto il ricatto della decisione della Renault che vuole separarsi da noi", ha proseguito. “Come al solito, la Renault non mantiene i suoi impegni, annunciati nel maggio dello scorso anno. Per questo usiamo spesso la parola "tradimento", tutte le parole e tutti gli impegni della Renault non sono mai rispettati per la Fonderia di Bretagna", ha sottolineato Maël Le Goff.

Mentre il picchetto e la mobilitazione è ancora in corso, il sindacalista bretone ha insistito sull'impegno dei dipendenti a voler mantenere gli impegni con l'azienda: “È un know-how generazionale, veniamo tutti da famiglie di fonderie. Come si dice spesso, questa azienda è nostra: [...] perché le nostre famiglie ci lavoravano, [...] perché vi si investiva denaro pubblico, pagato con le nostre tasse ".

Renault ha annunciato l'11 marzo la decisione di vendere l'impianto e il governo ha annunciato il 26 aprile la creazione di un fondo di 50 milioni di euro per sostenere la riqualificazione dei dipendenti del settore automobilistico, comprese le fonderie in grande difficoltà. Più in generale, la casa automobilistica francese ha annunciato all'inizio del 2020 un piano di risparmio di oltre due miliardi di euro in tre anni, che prevede in particolare 4.600 tagli di posti di lavoro su 48.000 in Francia. Infine, per uscire dalla crisi, il gruppo ha beneficiato di un prestito bancario da cinque miliardi di euro garantito dallo Stato francese.Insomma, in Francia si chiama Renault, in Italia Fiat-FCA. Il bello di essere capitalisti con i soldi pubblici.

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti