"Rispetto a voi siamo adorabili". Putin incolpa l'occidente per la nuova guerra fredda

"Rispetto a voi siamo adorabili". Putin incolpa l'occidente per la nuova guerra fredda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha partecipato, oggi, alla consueta conferenza stampa annuale. 

Durante l'evento, il presidente ha affrontato un'ampia varietà di questioni, dai problemi globali, come la pandemia da coronavirus, e le questioni politiche mondiali agli affari interni russi.

Sulla pandemia di coronavirus

Il capo di stato russo ha iniziato la conferenza commentando la situazione del covid-19. "Quest'anno ha avuto i suoi vantaggi e svantaggi. È stato collegato a un problema che tutti abbiamo in mente: la pandemia di coronavirus. È un problema globale", ha detto Putin, aggiungendo che la Russia ha affrontato questa sfida "con dignità" e "in parte meglio" rispetto ad altri paesi.

In questo senso, ha ricordato che nessun sistema sanitario al mondo era pronto per la pandemia, ma ha sottolineato che la medicina russa è stata "più efficace" di quella di altri paesi . Inoltre, Putin ha affermato di non essere ancora stato vaccinato contro il coronavirus, ma lo farà "il prima possibile".

Sull'economia

Per quanto riguarda l'economia, il calo del PIL della Russia è del 3,6%, meno che nelle principali nazioni dell'Europa e degli Stati Uniti, ha osservato il presidente. Nel frattempo, le riserve internazionali della Russia hanno raggiunto i 587,7 miliardi di dollari, creando le condizioni per un "buon sviluppo macroeconomico".

D'altra parte, Putin ha sottolineato che, nonostante la sua dipendenza dalle entrate del petrolio e del gas, la Russia "sta cominciando a lasciare l'ago del petrolio" . "Il 70% del bilancio russo non è più costituito a scapito delle entrate del petrolio e del gas. Ciò significa che, non nella sua interezza, ma stiamo iniziando a lasciare il cosiddetto ago del petrolio e del gas", ha osservato.

Sul caso Navalny 

Putin ha anche commentato il caso dell'oppositore russo Alexei Navalny, comprese alcune pubblicazioni dei media sull'argomento. "Questa non è un'indagine, ma la legalizzazione di materiali dai servizi speciali statunitensi ", ha spiegato il presidente, sottolineando che Navalny ha il supporto dei servizi di intelligence stranieri.

Se è così, i servizi speciali russi "dovrebbero davvero guardare" Navalny ", ma  questo non significa che debba essere avvelenato " , ha detto il presidente. "Se davvero avessero voluto farlo, probabilmente lo avrebbero portato fino in fondo", ha sottolineato Putin, che ha ricordato di aver autorizzato lui stesso il trasporto dell'oppositore in un ospedale di Berlino quando glielo ha chiesto la moglie di Navalny.

Sul deterioramento delle relazioni tra Russia e paesi occidentali

D'altra parte, Putin ha dichiarato che la Russia è "innocente e adorabile" rispetto ai paesi occidentali. Il giornalista della BBC ha chiesto le ragioni del deterioramento delle relazioni tra Russia e nazioni occidentali e voleva sapere se Putin vede la propria responsabilità per questa situazione o crede che Mosca sia "innocente e amabile.

" Rispetto a voi, sì, siamo innocenti e adorabili perché abbiamo deciso di liberare da un certo dettame sovietico quei paesi e quei popoli che volevano svilupparsi. Abbiamo ascoltato le vostre promesse che la NATO non si sarebbe espansa ad est, ma  non l'hai fatto. Non hanno mantenuto le loro promesse " , ha dichiarato il presidente. 

Putin ha anche ricordato il  ritiro unilaterale degli Stati Uniti da vari accordi internazionali . In particolare, nel 2002 Washington ha abbandonato il Trattato sui missili antibalistici (ABM), nel 2019 il Trattato sui missili a medio e corto raggio (INF) e nel 2020 il Trattato sui cieli aperti.

In merito alle spese militari e alla minaccia russa. Il capo di stato russo ha così risposto:"Sai qual è il nostro budget militare? È di 46 miliardi [dollari]. Quello del Regno Unito è molto più alto. Quello degli Stati Uniti è di 770 miliardi [dollari]. Nella spesa militare, la Russia è al sesto posto. A siamo dietro a Stati Uniti, Cina, Arabia Saudita, Regno Unito, Francia, Giappone. Quindi chi è buono e morbido e chi è aggressivo? Sicuramente non siamo aggressivi .

Il presidente russo ha sottolineato che la Russia ha solo "due o tre basi" fuori dai suoi confini: in Kirghizistan, Tagikistan e Siria. Gli Stati Uniti, da parte loro, hanno una "vasta" rete di basi militari in tutto il mondo.

A proposito di leader mondiali

Putin ha ricordato che non si può dire che ci siano partner comodi, piacevoli o spiacevoli tra i leader mondiali. "Tutti mirano a risolvere i problemi dei loro paesi. Questa è una massima ben nota: non ci sono né buoni né cattivi, ci sono interessi nazionali. Lavoro con tutti per ottenere i massimi risultati per la Russia . Ad un certo punto dobbiamo fare delle concessioni; in altri, insistono sulla nostra posizione ", ha detto il presidente.

Inoltre, ha aggiunto che la Russia condivide interessi comuni in molte aree con la Cina e ha notato che ha un rapporto "amichevole e di fiducia" con il leader del gigante asiatico, Xi Jinping. Putin ha anche commentato i suoi rapporti con il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, riconoscendo che su alcune questioni non possono essere d'accordo. Allo stesso tempo, ha elogiato Erdogan come "un uomo che mantiene la parola" e che arriva fino alla fine se vede che qualcosa è benefico per il suo paese.

 

A proposito di Joe Biden

Vladimir Putin ha espresso la speranza che "almeno alcuni" dei problemi nelle relazioni USA-Russia inizieranno a essere risolti sotto l'amministrazione Biden.

"Partiamo dalla premessa che il neoeletto presidente Usa capirà cosa sta succedendo, è una persona con esperienza sia in politica interna che estera, e speriamo che tutti i problemi che sono sorti, o almeno alcuni di loro, vengono risolti sotto la nuova amministrazione ",.

Inoltre, Putin si è rammaricato che le relazioni del suo paese con gli Stati Uniti "siano ostaggi" della politica interna statunitense. "Gli 'hacker' russi non hanno aiutato a eleggere l'ancora presidente degli Stati Uniti [Donald Trump]. Sono speculazioni, una scusa per danneggiare i rapporti tra Russia e Stati Uniti per ragioni interne americane. In questo senso, le relazioni tra Russia e Stati Uniti sono diventate ostaggio della politica interna degli Stati Uniti. Penso che sia un male per loro, ma è una loro decisione". 

Quest'anno l'incontro di Putin con la stampa si è tenuto in videoconferenza a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da coronavirus. L'evento conteneva elementi di linea diretta, durante i quali il presidente ha risposto dalla sua residenza a Novo-Ogariovo non solo alle domande dei giornalisti locali e internazionali, ma anche a quelle dei cittadini russi. 

È la sedicesima edizione di questa conferenza. 774 giornalisti sono stati accreditati per l'evento, che è stato tradotto in più lingue, tra cui inglese, spagnolo, francese e tedesco.

La conferenza è durata 4 ore e 29 minuti e il presidente russo ha risposto a un totale di 60 domande .

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti