Rivoluzione Colorata a Washington: golpe anticostituzionale o movimento per la sicurezza democratica?

Rivoluzione Colorata a Washington: golpe anticostituzionale o movimento per la sicurezza democratica?

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Rivoluzione colorata nella capitale statunitense

Il mondo intero è rimasto scioccato dall'assalto senza precedenti del Campidoglio degli Stati Uniti mercoledì. In quella giornata, Trump ha tenuto un discorso entusiasmante per oltre un'ora sostenendo con forza che le elezioni gli erano state rubate, ma politici corrotti e membri deboli del suo stesso partito stanno permettendo ai colpevoli di farla franca. Ha poi guidato la Save America March, dopo di che l'edificio è stato preso d'assalto nella classica modalità di una Rivoluzione colorata. Gli statunitensi sono ora divisi come mai prima d'ora sul fatto che questo sbalorditivo sviluppo sia un tentativo di colpo di Stato anticostituzionale da parte dei sostenitori del presidente in carica per aiutarlo ad aggrapparsi al potere invece di abdicare nel giro di due settimane, o un legittimo movimento di "sicurezza democratica" di persone patriottiche che vogliono disperatamente fermare il furto e impedire a un rimpiazzo illegittimo di prendere il potere. Per capire meglio cosa sta succedendo, è necessaria una revisione della terminologia pertinente, dopo di che questi nuovi concetti saranno discussi a lungo con l'obiettivo di aiutare tutti a trarre autonomamente le proprie conclusioni su questa situazione in rapido sviluppo.

Cos'è una rivoluzione colorata?

Le rivoluzioni colorate nella loro forma teoricamente più pura si riferiscono all'arma politica dei movimenti di protesta guidati dalle persone, il più delle volte alla ricerca del cambio di regime ma anche allo scopo di modificare il regime (concessioni) e rinnovamento del regime (riforma costituzionale di vasta portata), pure come è probabilmente il caso del rafforzamento del regime con gli eventi di mercoledì. In pratica, tuttavia, questo termine di solito si riferisce alla provocazione esterna, alla gestione e alla guida di questo processo, i cui meccanismi fondamentali ho spiegato a lungo in un'analisi per il Center for Syncretic Studies nel dicembre 2014 che dovrebbe essere rivista da coloro che desiderano avere una comprensione più profonda di questo concetto. Quello che sta succedendo negli Stati Uniti in questo momento, sia nell'ultimo semestre con Antifa e Black Lives Matter (BLM) ma anche al momento a Washington DC, non ha alcuna mano esterna dietro di esso, sebbene l'analisi sopra citata sia ancora molto rilevante per spiegare il concetto organizzativo di base.

Cosa sono le guerre ibride?

Unconventional Warfare, nel frattempo, si riferisce ad atti di insurrezione, ribellione, terrorismo e altre forme di violenza irregolare, esattamente del tipo che ha afflitto gli Stati Uniti dalla scorsa estate. Descrivo la transizione da Color Revolutions a Unconventional Warfare come Hybrid War, sebbene quest'ultimo termine abbia anche molte altre applicazioni. In effetti, ho persino scritto un libro su questo processo nel 2015 in quanto si riferisce alla Siria e all'Ucraina dal titolo "Hybrid Wars: The Indirect Adaptive Approach To Regime Change", la cui versione digitale può essere acquistata su Amazon o può essere letta gratuitamente alla Oriental Review per coloro che non possono acquistare il mio lavoro. È stato pubblicato dalla People's Friendship University of Russia (RUDN) e revisionato dall'Accademia diplomatica russa. Inoltre, il mio lavoro è stato persino citato due volte dal NATO Defense College a pagina 2 del loro documento di ricerca del novembre 2015 su "Russia's Renewed Military Thinking: Non-Linear Warfare and Reflexive Control" e pagina 10 del loro libro di dicembre 2015 sulla "NATO's Response To Minacce ibride".

La guerra ibrida negli USA

In altre parole, umilmente parlando, sono un esperto riconosciuto a livello mondiale in questo campo, anche se sono contrario ai cosiddetti "argomenti dell'autorità", nel senso di spingere le persone ad essere d'accordo con me solo per le mie credenziali professionali. Affermo questo solo per dimostrare che sono una fonte autorevole sull'argomento e che le mie analisi dovrebbero almeno essere prese sul serio da tutti, anche se alcune persone alla fine non sono d'accordo. Lo scorso giugno, ho pubblicato un pezzo su come "La guerra ibrida negli USA era in divenire da decenni", che esplorava come Antifa e BLM venivano strumentalizzati per questo scopo in tutti gli Stati Uniti. Da allora, tutti hanno visto quante autorità locali, statali e federali - siano esse politiche o di sicurezza - non hanno preso sul serio questa minaccia. I media mainstream e il Partito Democratico hanno persino legittimato attivamente questa ondata di criminalità a livello nazionale, attaccando aggressivamente coloro che l'hanno pubblicamente condannata. Ma ecco, alla fine è stato controproducente per la loro causa dopo quello che è successo mercoledì a Washington DC.

Cos'è la "sicurezza democratica"?

Prima di discuterne, è importante introdurre il mio concetto di "sicurezza democratica", che ho svelato per la prima volta analizzando gli eventi della contro-rivoluzione colorata nella Repubblica di Macedonia nel 2015, ma poi elaborato più a lungo un anno dopo in un'analisi approfondita su come "La tecnologia della rivoluzione colorata non è solo in bianco e nero". Ho osservato che questa tecnologia è proliferata così in lungo e in largo da quando il vaso di Pandora è stato aperto per la prima volta dal compianto Gene Sharp diversi decenni fa che è sbagliato vederla solo come una minaccia poiché potrebbe anche essere utilizzata come un'opportunità se le tattiche di protesta popolare sono sfruttate in modo creativo allo scopo di rafforzare il regime (l'opposto del cambio di regime). Ho quindi condiviso il succo della mia ricerca sulla "sicurezza democratica" con il governo russo mentre parlavo a una tavola rotonda della Duma nel maggio 2016. Il testo del mio discorso è stato successivamente pubblicato con il titolo "Guerre ibride e sicurezza democratica". Tutto questo è importante per il lettore da tenere a mente mentre passiamo ora alla discussione dell'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti.

Cosa è successo veramente a Washington DC?

I democratici e i loro alleati dei media mainstream sono convinti che ciò che è accaduto mercoledì sia un tentativo di colpo di Stato anticostituzionale, sebbene io sostenga che sia stato in realtà un esercizio di "sicurezza democratica". Trump ha aizzato i suoi sostenitori poco prima che si svolgessero quei fatidici eventi ricordando loro come le elezioni fossero state rubate. Non è chiaro se intendesse "incitare" l’assalto come ipotizzano i suoi avversari, e in seguito ha twittato che tutti dovevano rimanere pacifici, ma ha comunque contribuito a quello che è successo inconsapevolmente. I suoi sostenitori hanno chiaramente impiegato tattiche della Rivoluzione colorata come l'assalto agli edifici e l'uso strategico della violenza per generare un'attenzione immediata al loro programma, ma lo hanno fatto per scopi di rafforzamento del regime, non per quelli di cambio di regime. Questo quindi lo rende l'esempio più importante al mondo finora di "sicurezza democratica" nella pratica, esattamente come avevo previsto sarebbe accaduto nel mio appello subito dopo il voto su come "è ora di impiegare strategie di "sicurezza democratica" per #StopTheSteal".

I doppi standard dei Democratici

Alla fine spetta a ciascuna persona decidere come si sente su ogni esempio di rivoluzione colorata, guerre ibride e esercizi di "sicurezza democratica". Come accennato in precedenza, i Democratici e i media mainstream hanno legittimato l'impiego di tattiche di rivoluzione colorata molto più distruttive e su scala molto più ampia nell'ultimo semestre sotto la bandiera di Antifa e BLM, ma ora hanno fatto un voltafaccia e vogliono portare gli statunitensi a condannare l'espressione relativamente più pacifica di queste tattiche rappresentate dai sostenitori di Trump che stanno portando avanti le loro azioni ai fini della "sicurezza democratica". Questo è anche per non parlare del loro appassionato sostegno alla quasi decennale ‘Hybrid War of Terror’ in Siria, così come la follia ultranazionalista del terrorismo urbano in Ucraina sette anni fa che oggi è popolarmente descritta come "EuroMaidan" (noto anche come la cosiddetta "rivoluzione della dignità"). Questi doppi standard parlano della politicizzazione intrinseca della tecnologia Color Revolution.

Tutti utilizzano la tecnologia della rivoluzione colorata al giorno d'oggi

Il quadro più ampio in gioco è come questa stessa tecnologia sia tornata nel cuore statunitense dopo essere stata scatenata all'estero negli ultimi decenni. Ora non sono più i Democratici ad utilizzare queste tattiche, ma i conservatori, sebbene questi ultimi stiano utilizzando la variante più all'avanguardia della "Sicurezza Democratica" per scopi di rafforzamento del regime. Questa dinamica complica enormemente la situazione e aumenta enormemente il rischio di disordini civili più profondi che possono esplodere negli Stati Uniti nelle settimane a venire. La reazione dei servizi di sicurezza sarà significativa a questo riguardo dalla loro soppressione dell'esercitazione dei sostenitori di Trump in "Sicurezza democratica" a Washington DC nell'arco di meno di un giorno in contrasto con la loro passiva facilitazione dell'occupazione per il cambio di regime dei Democratici; queste tattiche a livello nazionale per un periodo di sei mesi parlerebbero della loro tacita approvazione di quest'ultima, aggiungendo così credito alle affermazioni secondo cui i nemici dello "stato profondo" di Trump sono sempre stati pronti per fermarlo.

Pensieri conclusivi

Per concludere, ognuno ha diritto alla propria opinione sull'impiego da parte dei sostenitori di Antifa-BLM e Trump delle tattiche della rivoluzione colorata per scopi diversi, ma tutti gli osservatori onesti devono comunque riconoscere che entrambi stanno utilizzando questa tecnologia. Ignorare questo fatto indiscutibile solo a causa di presunti giudizi di valore associati a quel termine e ad altri correlati come Guerra ibrida e "Sicurezza democratica" è la definizione di disonestà. È tempo che gli statunitensi discutano apertamente della proliferazione della tecnologia Color Revolution nella loro società e della sua crescente ubiquità nell'ultimo semestre. Una volta che il proverbiale genio è uscito dalla lampada, è estremamente difficile rimetterlo dentro a meno che non si decida di ricorrere in modo controverso all'uso senza precedenti della forza e di imporre restrizioni di vasta portata alla società che spesso ha dei ritorni di fiamma anche se ci vuole un po' di tempo (da qui il punto di "combattere il fuoco con il fuoco" attraverso i metodi di "sicurezza democratica"). Indipendentemente dall'indole partigiana, tutti dovrebbero essere d'accordo sul fatto che gli Stati Uniti sono in crisi.

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

San Marino intanto torna alla (quasi) normalità di Francesco Santoianni San Marino intanto torna alla (quasi) normalità

San Marino intanto torna alla (quasi) normalità

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti