Scoop del Telegraph: metà dei pazienti Covid nel Regno Unito risultati positivi dopo il ricovero

Scoop del Telegraph: metà dei pazienti Covid nel Regno Unito risultati positivi dopo il ricovero

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La pandemia di Covid-19 causata dal nuovo coronavirus continua ad essere caratterizzata da una gestione quantomeno discutibile in tutti i sensi. Dalle cure, ai vaccini, fino a giungere ai numeri del contagio. 

Oltre la metà delle persone ricoverate in ospedale con Covid-19 nel Regno Unito è risultata positiva solo dopo il ricovero, il che suggerisce che "un gran numero di persone viene classificato come ricoverato in ospedale da Covid-19 quando è stato ricoverato con altri disturbi, con il virus rilevato dai test di routine”, rivela il quotidiano inglese The Telegraph riportando dati governativi trapelati. 

Quindi ne scaturisce che le pubblicate quotidianamente possono sovrastimare di gran lunga i ricoveri Covid e, di conseguenza, le pressioni sul Servizio sanitario nazionale inglese (NHS). 

I dati trapelati mostrano che, a partire da giovedì scorso, solo il 44% dei pazienti classificati come ricoverati in ospedale con Covid era risultato positivo al momento del ricovero.

La maggior parte dei casi non è stata rilevata fino a quando i pazienti non sono stati sottoposti a test Covid standard, eseguiti su tutti i ricoverati in ospedale. 

Complessivamente, il 56% dei ricoveri Covid rientra in questa categoria, come mostrano i dati visionati da The Telegraph.

Fondamentalmente, questo gruppo non fa distinzione tra quelli ricoverati a causa di una malattia grave, successivamente accertata essere causata dal virus, e quelli ricoverati in ospedale per ragioni diverse che altrimenti non avrebbero mai saputo di averlo preso, evidenzia il quotidiano britannico.

Scomponendo i dati dei ricoverati emerge che su oltre 780 ricoveri datati giovedì scorso, il 44% è risultato positivo entro 14 giorni prima del ricovero, mentre il 43% è risultato positivo entro due giorni dal ricovero e il 13% è risultato positivo "nei giorni e nelle settimane seguenti”. 

"Gli esperti hanno affermato che l'elevato numero di casi rilevati tardivamente, in un momento in cui i test PCR erano ampiamente disponibili, suggeriva che molti di questi pazienti erano stati ricoverati per altri motivi”, si legge nel rapporto visionato. 

"Questi dati sono incredibilmente importanti e dovrebbero essere pubblicati su base continuativa", ha affermato il professor Carl Heneghan, direttore del Center for Evidence-Based Medicine dell'Università di Oxford. "Quando le persone sentono parlare di ricoveri con Covid, presumeranno che Covid sia la causa probabile, ma questi dati mostrano qualcosa di molto diverso: si tratta di Covid che viene rilevato dopo il test per individuarlo”, ma le reali cause del ricovero sono altre. 

"Questo deve essere risolto con urgenza", ha detto, aggiungendo che i dati attualmente pubblicati potrebbero portare il pubblico "a conclusioni false", che esagerano il vero livello di pressione sul sistema medico del Regno Unito.

"A quasi 18 mesi dall'inizio della crisi di Covid, è assurdo che i dati relativi ai ricoveri ospedalieri non siano ancora disponibili al pubblico su base regolare", ha affermato Sir Graham Brady, presidente del comitato dei parlamentari conservatori. "Conteggiare tutti i pazienti che risultano positivi come ricoveri Covid è inevitabilmente fuorviante e fornisce un'immagine falsa del continuo impatto sulla salute del virus".

Greg Clark, il presidente del comitato ristretto per la scienza e la tecnologia di Commons, lunedì sera ha detto che avrebbe scritto a Sajid Javid, il segretario alla Salute, chiedendogli di pubblicare regolarmente l'analisi dopo la divulgazione del Telegraph.

"Se i ricoveri per Covid sono un fattore determinante di quanto dovremmo essere preoccupati e della rapidità con cui dovrebbero essere revocate le restrizioni, è importante che i dati non siano presentati in un modo che possa portare a trarre conclusioni sbagliate", ha affermato.

A questo punto sarebbe interessante poter analizzare anche i dai riguardanti il nostro paese. Specialmente in questa fase dove le future probabili restrizioni saranno stabilite proprio in base alla pressione che il virus porta sugli ospedali italiani. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti