Se i diritti civili diventano il paravento per oscurare quelli sociali

Se i diritti civili diventano il paravento per oscurare quelli sociali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
di Alberto Scotti*
 
Ai padroni, quelli veri, che disegnano e pianificano le nostre esistenze così come si progetta un nuovo condominio, non frega niente di niente dei cosiddetti diritti civili. Pensiamo a miliardari come Gates e Bezos. Ma cosa vuoi che gli freghi se due omosessuali si sposano o non si sposano o se passa o non passa la legge Zan? A loro interessa che si continui a comprare la loro merce alle loro condizioni e che nessuno si azzardi a chiedere che i lavoratori vengano trattati con giustizia e dignità.
 
Significa che i diritti civili non sono importanti? No. Significa che ci sono due modi per occuparsene: il primo è usarli come paravento per far sì che non si parli mai dei diritti sociali e il secondo è non disgiungerli mai da questi ultimi. Pertini diceva: lottate per la libertà e per la giustizia sociale, affinché la libertà non si riduca solo a morire di fame.
 
Chi porta avanti le due battaglie insieme è un compagno. Chi non dice mai una parola sui diritti sociali e blatera di diritti civili con addosso gadget di multinazionali non è né un compagno, né una persona degna né una persona coraggiosa. È un servo dei padroni. Niente altro. Puoi essere un servo dei padroni con la bandierina verde lega o con la bandierina arcobaleno. Comunque servo dei padroni rimani. Espressione vetusta? Ce ne sono altre: paraculo, liberal, radical chic, ipocrita... fate vobis.
 
*Post Facebook del 2 maggio 2021

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti