Si riparte! Israele annuncia nuovi vaccini per tutti entro 6 mesi

Si riparte! Israele annuncia nuovi vaccini per tutti entro 6 mesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'incubo orwelliano avanza: Israele annunzia nuova tornata di vaccinazioni entro sei mesi.

Ogni sei mesi una nuova vaccinazione all'inseguimento dell'ennesima variante con le libertà soppressa e l'attività economica ridotta al minimo e le persone chiuse in casa come polli in batteria.

Lasciamo perdere poi l'ideona di vaccinare anche i bambini. Ovvero soggetti che non possono valutare autonomamente e che non rischiano assolutamente nulla se non di subire più degli altri i rischi a lungo termine del vaccino che fino ad ora sono sconosciuti. Sapete, se si vaccina un novantenne molto probabile che per motivi biologici gli affetti a lungo termine non li veda, mentre un novenne se qualcosa va storto se li trascina per il resto della vita. E' giusto? Io dico no, non è corretto. Riflettete un attimo su ciò che sta succedendo.

 

Da Milano Finanza

 

Israele sembrava aver sconfitto il Covid-19, eppure, anche per il Paese meglio posizionato a livello di vaccinazioni e riaperture, la pandemia potrebbe non essere terminata. Il primo ministro del Paese, Benjamin Netanyahu, ha infatti annunciato una nuova campagna vaccinale entro sei mesi e ha detto che è prevista l'immunizzazione anche dei bambini, da avviare entro la fine dell'anno.

Per realizzarla sono stati raggiunti nuovi accordi con i produttori. In particolare, ha affermato Netanyahu, "sono d'accordo con Pfizer e Moderna per 16 milioni di dosi di vaccino in più per i cittadini". Non ha tuttavia precisato quando arriveranno queste nuove fiale. L'idea, per il capo dell'esecutivo, è che entro poco tempo vengano approvati anche i sieri pediatrici, rendendo quindi la campagna nazionale veramente aperta a tutti gli abitanti del Paese mediorientale.

 

Un'alternativa a questa gestione c'è secondo il Prof. Giulio Tarro

 

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti