"Sporca provocazione". Leader comunista russo contro progetto riqualificazione mausoleo di Lenin

"Sporca provocazione". Leader comunista russo contro progetto riqualificazione mausoleo di Lenin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Un concorso per pianificare la riqualificazione dell'iconico mausoleo di Vladimir Lenin nella Piazza Rossa di Mosca ha trovato una risposta furiosa da parte di Gennady Zyuganov, leader del Partito comunista russo, che ha definito l'idea una "sporca provocazione".


 
Il Mausoleo di Lenin è stato completato nel 1930 e da allora ha ospitato il corpo del leader rivoluzionario. In Russia si trascina un dibattito lungo anni sulla sepoltura del corpo di Lenin, ma pochi hanno osato pianificare il più possibile la riqualificazione dell'edificio del mausoleo.
 
Venerdì scorso, tuttavia, l'Unione degli architetti russi ha annunciato un concorso per proposte per un ulteriore utilizzo del mausoleo.
 
Gennady Zyuganov per nulla contento di questo progetto ha spiegato: "Questa è una sporca provocazione da parte di persone che non hanno nulla a che fare con la storia del paese o con l'architettura seria", inoltre ha accusato il sindacato degli architetti di "sputare sulle tombe dei loro antenati".
 
"Nessuno ha il diritto di entrare in questo santuario con una testa stupida e un cuore vuoto.", ha concluso Zyuganov.
 
Di fronte alle critiche, il presidente del sindacato degli architetti, Nikolay Shumankov, ha negato che il concorso sia politico e quindi, per rimuovere la salma di Lenin.
 
"Non proponiamo di rimuovere Lenin. Non proponiamo di demolire il mausoleo. Proponiamo di trovare una soluzione per l'ulteriore utilizzo della più grande opera dell'architettura sovietica", ha replicato Shumankov.
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti