Stati Uniti d'America: Il flagello del Bene

Stati Uniti d'America: Il flagello del Bene

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Nel discorso che gli Stati Uniti hanno tenuto sin dalla loro fondazione, una cosa è indiscutibile: si tratta di una nazione eccezionale. Bush o Obama, Trump o Biden, niente cambia.

Sepolto nell'inconscio collettivo, questo postulato dell'identità attraversa la storia. Come un testimone che passiamo furtivamente da un presidente all'altro, rimane intatto, immacolato come le Tavole della Legge. Perché è davvero dell'ordine della struttura, non della congiuntura. La particolarità degli Stati Uniti è che credono di essere i custodi per tutta la vita di un impero planetario. Si proiettano oltre i mari, in nome di una vocazione civilizzatrice che rivela soprattutto la nobile idea che hanno di se stessi.

Niente è meno secolare e più ostile al laicismo ben compreso dell'ideologia americana. La nazione nella sua eccezione avvolge la sua fame di potere nelle pieghe della libertà, della democrazia e dei diritti umani, infatti, come se queste entità astratte rappresentassero divinità che aveva la missione di servire uccidendo i cattivi.

Poiché lei è l'incarnazione del Bene, il mondo non è forse a sua disposizione, l'oggetto passivo dei suoi impulsi salvifici? Fornitrice di una giustizia immanente su misura, la nazione dal "destino manifesto" non pone limiti alla sua aura benefica, perché vede in essa la legittima conseguenza della sua superiorità morale. La sua vicinanza al Bene santificando il suo potere terreno, insegue incessantemente le forze del male e le sacrifica in espiazione per i suoi crimini.

Durante la campagna elettorale, Joseph Biden ha promesso che avrebbe eliminato "dittatori come Castro e Putin". Rivendicando la sua elezione, dichiara che "gli Stati Uniti sono pronti a governare il mondo". Non appena un politico prende residenza alla Casa Bianca, è più forte di lui: deve cominciare a voler governare gli affari mondiali, deve adattarsi allo stampo della vocazione planetaria di la nazione provvidenziale. Washington ha appena accusato Pechino di voler "dominare il mondo", ma è necessario essere colti da ostinata cecità per non vedere in questa accusa un rovesciamento maligno.

Per la convinzione dell'elezione divina, l'identificazione con il Nuovo Israele e il mito indecifrabile del "destino manifesto" declinano, in ogni tono, la sconcertante pretesa dell'oligarchia statunitense di sottomettere il pianeta. Vedendosi come il sale della terra, i puritani avevano già dato il segnale per la conquista delle "terre vergini", cioè il massacro su larga scala dei pellerossa assimilati ai cananei e agli amalechiti.

Tutto ciò che proviene dalla nazione eletta da Dio non appartiene di nuovo al campo del Bene? Il successo della conquista del Nuovo Mondo, svuotato presto dei suoi abitanti, convinse gli americani che appartenevano al popolo eletto. Ha comunicato loro la convinzione che il loro potere fosse la ricompensa divina per le loro qualità intrinseche.

Un'auto-designazione come incarnazione del Bene che ha contribuito a dare credito all'idea, alla fine del XX secolo, che la storia si fosse conclusa con il crollo dell'Unione Sovietica. Il trionfo degli Stati Uniti raggiunse così la forma di democrazia liberale di maggior successo. In una maestosa apoteosi, incarna l'ideale sublime dell'economia di mercato.

Con il trionfo della democrazia liberale, la repubblica universale, finalmente, è all'orizzonte. Questo paradiso democratico, dispensatore dei suoi benefici per l'intero pianeta, chi potrebbe incarnarlo se non l'America? Le sue imprese realizzano il piano divino e la provvidenza porta al trionfo del Bene sotto lo sguardo abbagliato di popoli riconoscenti. "Luce delle nazioni", l'America le guida fermamente verso la Terra Promessa di un mondo riconciliato.

Colpisce, tra gli americani, come la loro coscienza pulita coincida con il loro decadimento. Il PIL pro capite è colossale, ma il 20% della popolazione langue in povertà. La violenza regna e i prigionieri americani rappresentano il 25% dei detenuti sul pianeta. Oltre il 30% della popolazione è colpita dall'obesità e la crisi sanitaria sta provocando il caos.

L'aspettativa di vita è inferiore a quella dei cubani. Ma queste avventure sono di misura zero di fronte all'essenziale, e il reale ha la gentilezza di essere discreto. Moralmente perfetta, un'America immaginaria si presenta quindi come un sistema completo, cancellando ogni traccia di contraddizione e guardando al futuro con fiducia. È strano, ma anche quando si parla dei disastri di cui sono responsabili, i leader di questo Paese sorridono ancora.

La nazione eccezionale, è vero, esercita i suoi effetti benefici qualunque cosa accada. Poiché l'America è condannata per decreto divino a diventare l'impero degli ultimi giorni, il suo futuro e il suo presente sono già compresi nella sua origine. Investito in una missione planetaria, accoglie il suo "destino manifesto" in un gesto salvifico che sfida lo spazio e il tempo. Ecco perché la narrazione edificante non smette mai di esaltare il suo genio.

Riscrivendo la propria storia come una storia santa, l'America si scontra con il diritto internazionale con il diritto divino.

Il nazionalismo americano non è un nazionalismo ordinario: esprime l'orgoglio di un potere che postula la sua coincidenza con l'ordine voluto dal Creatore. Dai Padri Fondatori che lasciano l'Europa per fondare una società virtuosa con vittorie eroiche sulle forze del male, la storia americana è più di una storia: è la parusia del Bene.

L'irresistibile trionfo dell'America, quindi, non è altro che la miracolosa ricreazione del paradiso perduto. Ma per compiere la sua missione, il potere benefattore affronta anche l'inferno. Le forze del male, i recalcitranti, i ribelli all'ordine imperiale voluto da Dio, devono essere sottoposti alla prova del fuoco, alla robusta pedagogia del tappeto di bombe e alla virile didattica della tortura Made in CIA.

La guerra condotta in nome del Bene è governata da un principio dal quale non si discosta mai: è un prodotto di esportazione. Esportiamo violenza in altri paesi mentre esportiamo merci.

Questa guerra dell'Occidente salvifico reso vassallo da Washington è la continuazione della politica con altri mezzi, come ha detto Clausewitz. Ma che colpisca popolazioni o Stati, è soprattutto una guerra morale, pulita, chirurgica, quella condotta contro la "barbarie" e la "dittatura".

Forma parossistica del rapporto Nord-Sud, metafora sanguinosa di uno sviluppo ineguale, colpisce fuori, mai dentro il mondo "civilizzato". Riproducendo la dualità del mondo, abbraccia obbedientemente la divisione planetaria.

Guerra dei ricchi contro i poveri, è come la serie di bombe sganciate su coreani, vietnamiti, cambogiani, laotiani, iracheni, palestinesi, siriani, libici, afgani, yemeniti.

Il suo simbolo è il B 52, il napalm, il caccia F-15, il missile Tomahawk, il drone Predator, tutto questo sofisticato macchinario di morte amministrato a distanza, senza rischi, senza costi accessori per chi esegue la punizione dal paradiso.

È anche la guerra per procura, l'embargo, il blocco, la guerra economica, la destabilizzazione insidiosa, l'azione clandestina, i colpi di stato fomentati dalla CIA, la manipolazione del terrore, i Freedom Fighters, i jihadisti sponsorizzati, tutte quelle guerre del "mondo libero" che le democrazie amano, sotto la guida di un impero che si prende il potere vendicativo. L'America è il flagello del bene.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017.

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey di Giuseppe Masala Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

L'Ue non ha fururo. E alla fine ci è arrivato anche Prodi! di Pasquale Cicalese L'Ue non ha fururo. E alla fine ci è arrivato anche Prodi!

L'Ue non ha fururo. E alla fine ci è arrivato anche Prodi!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti