Xi Jinping al gruppo BRICS: "Siamo sulla stessa barca. Dobbiamo opporci alle sanzioni unilaterali"

Xi Jinping al gruppo BRICS: "Siamo sulla stessa barca. Dobbiamo opporci alle sanzioni unilaterali"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il presidente cinese Xi Jinping ha invitato le principali economie emergenti a difendere il multilateralismo e ad opporsi a "sanzioni unilaterali" durante la crisi senza precedenti nel mondo. In questo modo, il leader ha inferto una sorta di "colpo velato" a Washington, secondo la giornalista Echo Xie.


 
Il mondo è stato preso tra la pandemia e "cambiamenti epocali" che non si erano mai visti negli ultimi 100 anni . Le cinque nazioni BRICS sono "tutte sulla stessa barca", ha ricordato Xi Jinping, rivolgendosi ai leader del gruppo durante il vertice annuale del gruppo, che questa volta si è tenuto online.
 
Ha anche sottolineato che, nonostante le perturbazioni economiche e sociali che si sono verificate a seguito dell'espansione del coronavirus, i paesi emergenti dovrebbero essere convinti che le questioni attuali - "pace e sviluppo" - non sono cambiate, e che "no si può capovolgere " la tendenza al multipolarismo e alla globalizzazione economica. 
 
"Dobbiamo risolvere le divergenze attraverso consultazioni e negoziati, opporci alle interferenze negli affari interni, opporci a sanzioni unilaterali, giurisdizione a lungo termine e creare insieme un ambiente di sviluppo pacifico e stabile", ha sottolineato Xi Jinping, citato dal The South China Morning Post.
 
Parlando della giurisdizione a lungo termine, il presidente cinese ha fatto riferimento alla capacità di vari giudici di influenzare stati, province e nazioni straniere. Sebbene Xi Jinping non abbia menzionato direttamente gli Stati Uniti nel suo discorso, Pechino aveva precedentemente criticato Washington per aver sanzionato vari funzionari e istituzioni cinesi che secondo le autorità statunitensi avrebbero causato danni nelle regioni autonome di Hong Kong e Xinjiang.
 
 
Discrepanza del cambiamento climatico 
 
Le cinque nazioni che fanno parte dei BRICS devono lavorare insieme per combattere la pandemia e rispettare l'accordo sul clima di Parigi , ha avvertito il presidente cinese. 

"Quando il vento è forte e le maree sono alte, dobbiamo concentrarci ancora di più sulla direzione in cui ci stiamo muovendo", ha detto.
 
I leader di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa si sono incontrati ogni anno dal 2009 per riformare la governance internazionale basata sui loro interessi nazionali. Ma diversi analisti affermano che non è ancora chiaro in che misura si svilupperà la cooperazione tra i BRICS, soprattutto se si tiene conto dei cambiamenti geopolitici e interni avvenuti negli Stati membri nell'ultimo decennio.
 
"La situazione è diversa rispetto a 10 anni fa. Non sappiamo se ci sarà una soluzione comune ai problemi che devono affrontare i cinque paesi", ha spiegato Pang Zhongying, professore di relazioni internazionali presso l'Università dell'Oceania a Qingdao, citato da SCMP.
 
I paesi BRICS non condividono ancora molti valori e obiettivi sul problema legato al cambiamento climatico, secondo l'esperto. Durante la campagna elettorale del 2018, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha promesso di ritirare il Brasile dall'accordo di Parigi. Tuttavia, in seguito annunciò che sarebbe rimasto nel patto per un po'. 
 
L'India, a sua volta, ha annunciato nel 2019 che insisterà affinché i paesi membri di tale accordo aderiscano al principio di "equità e responsabilità comuni ma differenziate".
 
Solo la Cina negli ultimi anni ha preso "una posizione più progressista" sul problema, osserva l'autrice dell'articolo. Ricorda che nel settembre 2020, Xi Jinping ha promesso che il paese asiatico avrebbe raggiunto il livello neutro nell'emissione di anidride carbonica entro il 2060 quando è comparso davanti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.
 
 

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo di Francesco Erspamer  Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

I deliri darwinisti di Monti di Antonio Di Siena I deliri darwinisti di Monti

I deliri darwinisti di Monti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti