Xi Jinping: alcune nazioni occidentali «approfittano dei diritti umani per interferire negli affari interni di altri Paesi»

Xi Jinping: alcune nazioni occidentali «approfittano dei diritti umani per interferire negli affari interni di altri Paesi»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Termini come "democrazia" e "diritti umani " non dovrebbero essere usati dall'Occidente per giustificare certe politiche o come pretesto. Lo ha affermato il leader cinese Xi Jinping, analizzando i problemi sociali e politici dell'Occidente. A suo avviso, sono stati i tentativi di imporre con la forza la "democrazia in stile occidentale " a causare molti conflitti militari, caos e sofferenza umana in tutto il mondo, provocando l'emergere di una massa di profughi, secondo quanto riporta il South China Morning Post.

Xi Jinping ha fatto queste affermazioni durante un discorso agli alti funzionari cinesi in occasione della sessione primaverile del Politburo, ma il testo completo del suo discorso è stato pubblicato solo mercoledì sulla rivista cinese Qiushi, spiega l'articolo. Il presidente cinese ha inoltre sottolineato che alcuni paesi occidentali usano la democrazia e i diritti umani come pretesto per interferire negli affari interni di altri Stati, sebbene essi stessi non abbiano risolto i propri problemi sociali e politici.

Xi ha affermato che alcune nazioni occidentali "promuovono con la forza il concetto e il sistema della democrazia occidentale e dei diritti umani... approfittando delle questioni relative ai diritti umani per interferire negli affari interni di altri Paesi”. Il presidente ha fatto nomi di Paesi, ma negli ultimi mesi Pechino non ha lesinato critiche agli Stati Uniti per la guerra in Ucraina e per le sfide poste dalla presa di potere dei Talebani in Afghanistan. Anche la guerra civile in Siria e i problemi di sicurezza in Iraq figurano regolarmente tra i punti di discussione della Cina in questo contesto.

Il discorso arriva mentre la Cina continua ad affermare la propria narrativa sui diritti umani, in contrasto alle strumentali e crescenti critiche internazionali su questioni come le politiche nello Xinjiang, a Hong Kong e in Tibet.

Il presidente cinese allo stesso tempo ha difeso la situazione dei diritti umani nel suo paese e ha sottolineato che la Cina non accetta alcuna lezione dall'Occidente.

Secondo Xi Jinping, negli ultimi anni alcuni Paesi occidentali hanno dovuto far fronte a gravi "pregiudizi politici" e si è verificato un "abuso di fiducia" degli elettori da parte delle autorità, che portano a problemi sociali e disordini. “La polarizzazione politica si è intensificata, cresce il divario tra ricchi e poveri, cresce l'antagonismo etnico. Il razzismo, il populismo e la xenofobia hanno trionfato e le questioni relative ai diritti umani sono diventate sempre più rilevanti".

Quindi ha chiesto una partecipazione più attiva agli affari delle Nazioni Unite sui diritti umani e il rafforzamento dell'influenza della Cina su varie istituzioni multilaterali in quest'area. Pechino ha deciso di andare sempre più l'offensiva in questo ambito, unendo le forze con altri paesi alla sessione in corso sui diritti umani delle Nazioni Unite per opporsi alle interferenze negli affari interni della Cina con questo pretesto, afferma l'articolo.

In particolare, Cuba, a nome di 69 paesi, ha affermato in questa sessione che la situazione nello Xinjiang, Hong Kong e Tibet è un "affare interno" della Cina, scrive il South China Morning Post. Questa dichiarazione congiunta è stata rilasciata in risposta a un discorso a nome dei Paesi Bassi, degli Stati Uniti e di altri 45 paesi, per lo più occidentali, che avevano precedentemente espresso la loro "seria preoccupazione" per la situazione dei diritti umani nello Xinjiang.

La delegazione cinese è stata esclusa dal vertice sulla democrazia della Casa Bianca lo scorso anno, ricorda il South China Morning Post. Tuttavia, pochi giorni prima di questo evento, Pechino ha ospitato il proprio Forum internazionale sulla democrazia, un evento virtuale a cui hanno partecipato principalmente rappresentanti dei paesi in via di sviluppo.

Inoltre, nel febbraio di quest'anno, Pechino ha pubblicato un rapporto intitolato "Violazioni dei diritti umani negli Stati Uniti nel 2021", che evidenzia come varie "manipolazioni politiche" da parte delle autorità statunitensi hanno portato a un forte aumento delle morti per Covid-19, mentre anche il numero di morti per sparatorie nel paese ha raggiunto un livello record.

Allo stesso tempo, "le azioni unilaterali degli Stati Uniti hanno creato nuove crisi umanitarie in tutto il mondo” secondo il rapporto cinese, il quale denuncia inoltre la "falsa democrazia occidentale che calpesta i diritti politici delle persone", secondo il South China Morning Post.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...