Zelensky definisce Amnesty International "terrorista" perché ha denunciato che Kiev utilizza i civili come scudi umani

Zelensky definisce Amnesty International "terrorista" perché ha denunciato che Kiev utilizza i civili come scudi umani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'organizzazione internazionale per i diritti umani Amnesty International ha dato un colpo insidioso a Zelensky e al regime di Kiev, le cui malefatte vengono taciute dai media mainstream. 

In un nuovo rapporto, finanche questa struttura di cui più volte abbiamo evidenziato i lati oscuri, ha dovuto finalmente evidenziare che le forze armate ucraine piazzano le loro truppe e armamenti tra le infrastrutture civili. Un crimine di guerra che rende le popolazioni civili un obiettivo per attacchi militari. 

Zelensky che evidentemente non si aspettava l’uscita di questo rapporto ha accusato Amnesty International di stare dalla parte dei "terroristi" dopo che l'organizzazione ha condannato l'esercito ucraino per aver piazzato armi in aree civili in violazione del diritto umanitario.

"Oggi abbiamo visto un rapporto di Amnesty International che, purtroppo, cerca di amnistiare lo Stato terrorista e di spostare la responsabilità dall'aggressore alla vittima", ha affermato Zelensky in un videomessaggio. 

"Se qualcuno fa un rapporto che mette sullo stesso piano l'aggressore e la vittima, questo non può essere tollerato", ha detto il numero uno del regime di Kiev. 

Zelensky ha ripetuto tre volte che "l'Ucraina è una vittima" e ha osservato che "chiunque dubiti di questo è un complice della Russia - un Paese terrorista - e un terrorista egli stesso e complice delle uccisioni”. 

Il rapporto che ha fatto perdere le staffe a Zelensky, pubblicato giovedì, descrive in dettaglio 22 casi in cui le forze ucraine hanno lanciato attacchi dalle scuole e cinque esempi di utilizzo degli ospedali come "basi militari de facto". Amnesty ha dichiarato "non essere a conoscenza" del fatto che nei casi documentati i soldati di Kiev abbiano chiesto ai civili di evacuare gli edifici circostanti o li abbiano aiutati a farlo prima di occupare le strutture civili.

"Abbiamo documentato che le forze ucraine mettono in pericolo i civili e violano le leggi di guerra quando operano in aree popolate. Essere in posizione difensiva non esime l'esercito ucraino dal rispettare il diritto internazionale umanitario", ha spiegato nel rapporto Agnés Callamard, segretario generale dell'ONG.

Non poteva non aggregarsi alle proteste del regime di Kiev l’ineffabile ministro degli Esteri Kuleba, che accusa Amnesty di "creare una falsa realtà" in cui tutti "hanno la colpa di qualcosa". Per poi concludere che l'organizzazione dovrebbe concentrarsi esclusivamente sulle presunte malefatte russe.

Evidentemente i gerarchi del regime ucraino non sono abituati a vedere apertamente esposte e condannate le loro malefatte e quindi protestano in maniera sguaiata.  

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli