Aleida Guevara: la Russia è stata costretta a difendere i suoi confini

Aleida Guevara: la Russia è stata costretta a difendere i suoi confini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia riguardo a quanto accade in Ucraina è stata costretta a difendere i suoi confini, afferma la figlia maggiore del rivoluzionario di fama mondiale Ernesto Che Guevara, Aleida Guevara. 

"Loro (gli USA - ndr) stanno militarizzando i confini con la Russia, e voi pensate che i russi sarebbero restati a guardare senza fare nulla?", ha dichiarato Guevara a RIA Novosti.

Guevara ha poi paragonato l'attuale situazione in Ucraina alla crisi dei Caraibi del 1962. Ha ricordato che i missili statunitensi dispiegati in Turchia nel 1961 hanno quasi causato una guerra mondiale. A suo avviso, oggi gli Stati Uniti stanno facendo la stessa cosa in Ucraina: "Fornendo armi a un Paese che può iniziare una guerra con un altro Paese".

Aleida Guevara ha inoltre definito i politici europei che stanno imponendo sanzioni alla Russia "tra i più stupidi".
"Sono le persone più stupide che abbia mai visto in vita mia, ve lo dico sinceramente".

Ha osservato che la Russia non è più l'Unione Sovietica e che i Paesi europei dovrebbero mantenere relazioni amichevoli e di partenariato con la Russia, ma invece sono "così maleducati, così stupidi da cercare nemici".

Secondo Guevara, ciò è dovuto al fatto che l'Europa non conosce la storia del popolo russo e non ricorda le sue vittorie.
"Grazie al popolo russo il nostro mondo è diventato un posto migliore, senza Unione Sovietica, cosa sarebbe stato del mondo dopo Hitler?", ha aggiunto.

Alla domanda se ritiene che gli Stati Uniti e l'Europa si stiano danneggiando da soli imponendo sanzioni alla Russia, la figlia del rivoluzionario cubano ha risposto che si stanno infliggendo un duro colpo, aggiungendo che "quello che stanno facendo è assurdo".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra