Biden si sta sottomettendo alla strategia anti-cinese del Pentagono?

Biden si sta sottomettendo alla strategia anti-cinese del Pentagono?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il futuro delle relazioni sino-americane rimane cupo nonostante l'insediamento del presidente Biden una settimana fa e le grandi speranze che molti nutrivano per una sorta di distensione tra i due paesi che avrebbe invertito il costante declino dei loro legami da quando l'ex presidente Trump si è insediato per la prima volta quattro anni fa. La portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale Emily Horne ha criticato la recente sanzione da parte di Pechino di alcuni ex funzionari di Trump la scorsa settimana e ha ribadito l'impegno della nuova amministrazione a Taiwan. Il Pentagono ha anche schierato un gruppo di portaerei nel Mar Cinese Meridionale durante il fine settimana.

Presi insieme, questi quattro sviluppi in appena una settimana suggeriscono fortemente che il presidente Biden sta lottando per migliorare le relazioni con la Cina come aveva promesso in precedenza che avrebbe cercato di fare. In effetti, accennano a qualcosa di molto più subdolo in gioco, e sono i resti dell'era Trump nelle burocrazie militari, di intelligence e diplomatiche statunitensi ("Stato profondo") che affermano in modo aggressivo la loro visione controproducente per le relazioni sino-americane sul nuovo presidente della nazione. La loro sinofobia politica li indottrina a pensare falsamente che la Cina sia la più grande minaccia per il loro paese, forse anche esistenziale secondo i falchi più rabbiosi, il che pone le basi per questo scontro di visioni al vertice della struttura di potere degli Stati Uniti.

Va ricordato che di solito solo i capi dipartimento vengono sostituiti ogni volta che una nuova amministrazione entra in carica mentre la stragrande maggioranza della burocrazia legata alla sicurezza nazionale rimane in carica. Questo viene fatto per motivi di pragmatismo poiché si ritiene che i leader di dipartimento possano impostare con successo l'agenda per tutti coloro che sono sotto di loro. Tuttavia, come hanno dimostrato gli ultimi quattro anni di tentativi falliti dell'ex presidente Trump di migliorare le relazioni con la Russia, questi burocrati fissi della sicurezza nazionale a volte possono sabotare il comandante in capo. In modo preoccupante, l'era della destabilizzazione, della faziosità dello “Stato profondo", non sembra essere finita con la partenza dell'ex presidente Trump dalla Casa Bianca.

Il 45° presidente statunitense ha declassificato, senza precedenti, il "Quadro strategico degli Stati Uniti per l'Indo-Pacifico" all'inizio di questo mese con una mossa sbalorditiva che alcuni osservatori hanno interpretato come un tentativo di spingere il suo successore a mantenere la barra verso il ”contenimento” della Cina. L'intento esplicitamente espresso di quel documento di implementare una politica globale per esercitare pressioni sulla Repubblica Popolare su tutti i fronti - soprattutto Taiwan, il Mar Cinese Meridionale e l'India - ha modellato l'ottica in modo tale che il presidente Biden potrebbe sentirsi obbligato a mantenerla sotto la sua nuova amministrazione al fine di evitare accuse di "debolezza" nei confronti della Cina che potrebbero avanzare i repubblicani.

Questa ipotesi spiega perché le relazioni sino-americane siano sorprendentemente peggiorate appena una settimana dopo il mandato del presidente Biden su quei tre fronti precedentemente menzionati. Invece di resistere alle resistenze dell'era Trump nello “Stato profondo" del suo paese, il presidente Biden potrebbe aver pensato che fosse più "conveniente politicamente” sottomettersi alle loro politiche anti-cinesi o almeno flirtare con loro per il momento forse come parte di un compromesso in corso su altre questioni come l'Iran. Il nuovo leader statunitense vuole tornare all'accordo nucleare da cui il suo predecessore si è ritirato, e secondo quanto riferito, i membri del suo team hanno discusso con le loro controparti iraniane su questo nelle ultime settimane già anche prima dell'insediamento.

I funzionari dell'era Trump nello “Stato profondo" degli Stati Uniti hanno preoccupazioni molto serie per la Cina e l'Iran, ma probabilmente non possono riuscire a respingere il presidente Biden su entrambi i fronti contemporaneamente, il che potrebbe essere il motivo per cui sembrano ammorbidire la loro resistenza ai suoi piani per l'accordo sul nucleare in cambio del suo rafforzamento della sua posizione nei confronti della Repubblica Popolare. Se questa osservazione è accurata, e almeno in questo momento spiega le tensioni inaspettate nelle relazioni sino-americane nell'ultima settimana, nonostante le precedenti speranze di miglioramento, allora confermerebbe che il popolo statunitense non ha davvero molta influenza sulla politica estera del suo paese dal momento che alla fine le decisioni vengono prese a porte chiuse a seguito di compromessi dello “Stato profondo" con funzionari non eletti.

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti