Cina-Russia, perché alleanza stile NATO non è necessaria

Cina-Russia, perché alleanza stile NATO non è necessaria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I legami tra Russia e Cina sono state salutati positivamente raggiungendo  un "massimo storico", ma secondo il principale inviato di Mosca a Pechino, non c'è motivo di aspettarsi che le relazioni amichevoli si evolvano presto in un'alleanza militare formale.

Andrei Denisov, ambasciatore della Russia nella nazione dell'Asia orientale, ha scritto in una nuova raccolta di saggi resa disponibile martedì scorso che le partnership economiche e le relazioni politiche positive da sole erano sufficienti a breve termine. "Credo che un'alleanza formale, in particolare militare-politica, non sia lo schema ottimale per le relazioni tra due potenze come Russia e Cina", ha affermato.

Ha aggiunto che la loro "interazione non è diretta contro paesi terzi", come a volte accade con le fazioni sulla scena mondiale. "La politica estera dei nostri rispettivi Stati non si basa sulla logica di un approccio di fazione o di confronto con chiunque altro", ha precisato.

Citando come esempio il blocco militare della NATO guidato dagli Stati Uniti, Denisov ha scritto che tali alleanze "sono spesso caratterizzate da uno squilibrio nell'influenza dei diversi paesi e dall'emergere di coloro che guidano e di coloro che sono guidati".

Secondo lui, "questo non corrisponde affatto allo spirito delle relazioni russo-cinesi e agli interessi dei due stati".

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato lo scorso  gennaio che "le relazioni Cina-Russia hanno superato la prova di una pandemia che si verifica una volta ogni secolo e di cambiamenti globali senza precedenti, e hanno raggiunto un massimo storico sotto tutti gli aspetti". Ha promesso che "l'anno 2021 è un anno di particolare importanza per... le relazioni, poiché entrambi i paesi entreranno in una nuova fase di sviluppo".

Più della metà dei cinesi intervistati l'anno scorso ha ribadito che Mosca era il loro alleato più importante, mentre il presidente Xi Jinping ha descritto il suo omologo russo, il presidente Vladimir Putin, come il suo "amico più stretto".

Tuttavia, mentre alcuni commentatori occidentali hanno esaltato la prospettiva di una "scellerata alleanza" tra Russia e Cina, altri analisti hanno avvertito che, nonostante le parole calorose, la cooperazione e la collaborazione sono più limitate di quanto non avvenga con i blocchi occidentali, come la NATO , in particolare nel settore della difesa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti