Crisi eurozona, la dichiarazione di Lagarde che fa tornare tutti con i piedi per terra

Crisi eurozona, la dichiarazione di Lagarde che fa tornare tutti con i piedi per terra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“È impensabile” cancellare il debito dei paesi membri contratto per sostenere le economie colpite dalla pandemia. Parola del capo della BCE Christine Lagarde che mette una pietra tombale sull’ipotesi di condonare 2.500 miliardi di debito già in pancia alla banca centrale europea.
 
 
Una presa di posizione netta e inequivocabile che dimostra, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che le vie d’uscita per l’Italia - a prescindere dal governo alla guida del Paese - sono soltanto due: forzare pesantemente la mano all’Unione europea puntando alla riforma sostanziale della normativa che vieta il finanziamento monetario (una possibilità solo teorica, perché materialmente irrealizzabile) oppure rompere con l’eurozona.
 
 
 
L’alternativa è la consueta politica tutta austerità e contenimento della spesa pubblica che vedrebbe nei pensionati e nel sistema sanitario nazionale le prime vittime dei tagli.
 
Nonostante ciò, però, si continua a ciarlare di crescita.
 
Con tutta evidenza, quindi, il modello a cui guardano le istituzioni politiche e finanziarie Ue è sempre lo stesso, quello greco. Un paese che ha ricominciato a “crescere” dopo essere stato devastato insieme alla vita dei suoi cittadini.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente