Crisi in Tunisia: dinamiche interne o intervento straniero?

Crisi in Tunisia: dinamiche interne o intervento straniero?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Uwidata

La crisi politica in Tunisia, scoppiata dopo che il presidente Kais Saied ha licenziato il governo di coalizione che includeva Ennahda, partito ispirato dai Fratelli musulmani, non consiste solo nei dilemmi locali della Tunisia, ma contiene anche polarizzazioni ideologiche, di classe e geopolitiche nel più ampio contesto regionale.

I punti di frattura della Tunisia

Si può parlare di due diversi tipi di frattura all'interno della politica nazionale tunisina;

1. La lotta in corso tra repubblicani/nazionalisti e islamisti politici. Data l'influenza regionale dei Fratelli Musulmani, su cui fa affidamento Ennahda in Tunisia, possiamo dire che la polarizzazione in Tunisia ha anche un background internazionale.

2. Il conflitto tra le masse e l'élite dirigente corrotta in una nazione in cui la consapevolezza di classe è abbastanza forte e la classe operaia è ben organizzata nei sindacati. Questa polarizzazione si è ulteriormente approfondita soprattutto con il vuoto di potere lasciato dopo la primavera araba, e la ricerca delle masse di una terza alternativa si è ulteriormente accelerata.

E dando uno sguardo geopolitico agli eventi in Tunisia, paese di importanza strategica in Nord Africa, possiamo osservare:

1. Il riverberarsi delle rivalità in corso sul Nord Africa tra Stati Uniti, UE, Cina e Russia;

2. Così come le rivalità tra l'asse degli Emirati Arabi Uniti, Egitto e Arabia Saudita da un lato e l'asse turco-qatarino dall'altro.

Sarebbe un'eccessiva semplificazione descrivere la Tunisia come sinonimo di Turchia, Egitto o Siria, così come porterebbe ad alcune conclusioni errate e fuorvianti valutare gli eventi solo attraverso prospettive geopolitiche o ideologiche.

Per questo ho parlato con alcuni esperti tunisini per capire cosa c'è dietro la rottura politica in Tunisia.

"Abbiamo attraversato un processo in cui lo Stato nazionale veniva demolito"

Quando ho chiesto a Khaled Abid, uno dei più importanti storici contemporanei in Tunisia, delle dinamiche interne in Tunisia e dei retroscena della decisione del presidente Kais Saied di licenziare il governo di coalizione, questa è stata la risposta:

“La Tunisia sta attraversando un processo drammatico sotto molti aspetti. Siamo in una crisi economica senza fine, la polarizzazione sociale si sta approfondendo più che mai e le istituzioni politiche sono completamente corrotte. I tunisini descrivono gli ultimi 20 anni come un periodo di anarchia e disperazione; un periodo in cui il concetto di stato-nazione è completamente demolito. Proprio per questo la stragrande maggioranza dei tunisini approva la decisione presa dal presidente Kaid Saied. Se queste decisioni siano prese in conformità con la Costituzione tunisina è oggetto di un altro dibattito…”.

Abid ha commentato l'argomento di "un colpo di Stato in corso in Tunisia" come segue;

“Non voglio usare la parola ‘colpo di Stato’. La stragrande maggioranza dei tunisini aveva già visto in Ennahda la causa principale di questi disordini sociali, quindi il presidente ha preso una decisione di conseguenza contro Ennahda".

Quando ho chiesto se Ennahda fosse effettivamente responsabile del crollo politico, economico e sociale della Tunisia, Abid ha risposto:

“Obiettivamente parlando, Ennahda è responsabile della situazione in cui ci troviamo attualmente, tanto quanto qualsiasi altro potere politico della nazione. Ma qui c'è una differenza importante per Ennahda. Dal 2011 Ennahda è sempre stata al governo, e ha commesso degli errori irreparabili in termini di corruzione. Ecco perché le viene attribuita la responsabilità».

“Hai riscontri su un possibile intervento dei paesi del Golfo?”

Abir ha così commentato il “possibile ruolo degli Emirati Arabi Uniti negli eventi in Tunisia”, idea molto circolata sui media e molto presente nella mente delle persone:

"Si parla molto di queste accuse... Il ruolo degli Emirati Arabi Uniti, del Qatar e di altri paesi del Golfo, ecc. C'è una domanda davvero importante che dobbiamo porci prima: chi ha fatto tali accuse, ha qualche prova? Dobbiamo agire sulla base di prove solide. Se ci sono prove, devono essere rivelate al pubblico. Non possiamo semplicemente agire su false accuse”.

A questo punto, è importante ricordare che il sito di notizie con sede nel Regno Unito Middle East Eye ha pubblicato alcuni documenti di origine non specificata, riguardanti il ??ruolo degli Emirati Arabi Uniti negli eventi in Tunisia.

Alla fine della nostra conversazione, Abir ha dichiarato di non vedere la possibilità di una guerra civile in Tunisia in futuro. “La Tunisia non è la Siria o l'Egitto. Le nostre dinamiche interne sono molto diverse da quelle di quei paesi, quindi non puoi confrontare l'incomparabile”.

“Ennahda non poteva sottrarsi al controllo dei Fratelli Musulmani”

Il giornalista e scrittore tunisino Bessam Hamdi, che ho consultato, ha iniziato parlando degli errori di Ennahda nel corso degli anni;

“Ennahda è un ramo importante dei Fratelli Musulmani in Nord Africa. Sebbene abbiano cercato di assumere una posizione un po' più indipendente nel loro ultimo congresso, il loro approccio ideologico e la loro politica regionale sono rimasti fortemente sotto il controllo dei Fratelli Musulmani.

E le decisioni del presidente Saied possono essere viste come un'espressione consolidata del suo disaccordo politico con questa organizzazione. Le sue decisioni di cui stiamo discutendo sono state prese entro i confini costituzionali”. 

La lotta di classe in Tunisia

Uno sviluppo importante dopo la decisione del presidente di destituire il governo è stato l'incontro tra il presidente e i funzionari del più grande sindacato del paese, l'UGTT.

Hamdi ha condiviso le seguenti informazioni su questo incontro;

“L'UGTT ha un ruolo importante nella politica tunisina, ed è riuscito a risolvere molte crisi mediando tra le parti contrapposte. Alcune fonti affermano che l'UGTT sostiene le decisioni prese dal Presidente. Il sindacato sta dicendo ai suoi lavoratori iscritti che i recenti eventi non rappresentano un golpe. I leader sindacali stanno incontrando diversi partiti politici per cercare di elaborare una tabella di marcia solida. La classe operaia in Tunisia è ben consapevole che le risorse dello Stato e della nazione vengono sfruttate da un'élite imprenditoriale che ha stretti legami con i partiti politici, il che sta provocando una massiccia reazione di classe”. 

Direzione della politica estera tunisina

Hamdi ha fatto le seguenti valutazioni sulla direzione della futura politica estera tunisina dopo i recenti accadimenti;

“Il presidente tunisino non sceglie di agire insieme con un solo fronte nel valutare i problemi del Medio Oriente e del mondo arabo. Questo vale anche per la questione in Libia. Cerca di mantenere la Tunisia neutrale e indipendente.

Né gli Stati Uniti, né nessun altro Paese ha la capacità di intervenire negli affari interni tunisini, contrariamente a quanto asserito. Prosegue la cooperazione tra i governi tunisino e statunitense nel campo dell'antiterrorismo. E per quanto riguarda le nostre relazioni con la Russia, manteniamo le relazioni in corso con rispetto reciproco.

La Cina, invece, dà sostegno economico alla Tunisia. Abbiamo una vasta cooperazione, soprattutto nel campo della sanità. Ci aspettiamo ancora più investimenti economici cinesi nel prossimo periodo”.

Quando mettiamo insieme le valutazioni di questi esperti con una profonda conoscenza della Tunisia e i recenti eventi nel paese, allora vediamo un quadro che è inizialmente modellato da dinamiche interne, ma su cui alcune potenze straniere cercano di esercitare un'influenza.

È molto chiaro che il popolo tunisino, che ha una forte coscienza di classe e tradizioni laiche, farà ogni sforzo possibile per proteggere il proprio futuro.

È un altro fatto indiscutibile che il movimento dei Fratelli Musulmani è l'unico perdente di tutto questo processo, attraverso la sua affiliazione a Ennahda.

Sembra che un processo in rapido movimento attende la Tunisia.

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan è nato a Istanbul nel 1985. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università Paris-Est Créteil Val de Marne / Parigi XII e un master in diritto internazionale ed europeo. Ha ottenuto il certificato di equivalenza al diploma presso la Galatasaray University. Successivamente, ha conseguito un Master in Diritto del Commercio Internazionale, presso l'Institut de Droit des Affaires Internationales, fondato congiuntamente dall'Università della Sorbona e dall'Università del Cairo, dove ha ricoperto il ruolo di rappresentante al Cairo per il quotidiano Aydinlik. Ha pubblicato diversi articoli e partecipato a programmi televisivi sulla stampa internazionale, come People's Daily, Al Yaum, Al Ahram, Russia Today France, Al Youm Al Sabea. Oltre ad essere l'autore del Tanri Bizi Ister Mi?, un'opera che studia il periodo politico 2011-2013 in Egitto, ha anche contribuito allo studio multi-autore intitolato Ortadogu Çikmazinda Türkiye, con un articolo incentrato sulle relazioni turco-egiziane. Mentre attualmente lavora come avvocato, cura anche una rubrica settimanale per il quotidiano Aydinlik sul tema della politica internazionale e della geopolitica.

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti