Dalla Siria, Padre Elías Zahlawi: Credere in un mondo migliore è una necessità

Dalla Siria, Padre Elías Zahlawi: Credere in un mondo migliore è una necessità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Intervista di Wafica Ibrahim e Lesli Alomso Figueroa - Al Mayadeen

Considerato il Frei Beto del mondo arabo, Elías Zahlawi, sacerdote siriano della Chiesa greco-cattolica melchita, predica nella Chiesa di Nostra Signora di Damasco. Con parole semplici e infuocate, chiama le cose con il loro nome e chiede a tutti di lottare per un mondo di eguali in cui il denaro e il potere non sono i più importanti, ma l'uomo stesso.

-Padre, può valutare fino a che punto il concetto di "resistenza" si manifesta nella religione cristiana?

-Posso definire il concetto di resistenza nel cristianesimo e la sua portata in due dimensioni: la prima è quella proveniente da Cuba, il paese della resistenza e la prima grande resistenza iniziata in America Latina e diffusa in diversi paesi del continente americano, in particolare Sud America; Tornerò su questa idea più avanti. 

«Ma prima vorrei soffermarmi su un altro concetto teologico che definisce la portata della resistenza umana nel cristianesimo; l'essenza del cristianesimo dice: Dio ha amato l'essere umano, ha persino mandato la sua parola sulla terra, poi Gesù era il Verbo di Dio incarnato. Viveva con la gente, era quello che era, diceva quello che diceva, faceva quello che faceva, e incontrava una grande resistenza, che lo portava alla Croce. 

Perché? Perché ha portato alle persone un concetto di Dio che per molti era impossibile accettare facilmente. Dio, il creatore dell'intero universo, ha amato l'uomo, questo piccolo essere, l'ha amato fino a quando è venuto sulla terra e per amore per lui è morto sulla croce, per insegnargli come deve agire l'essere umano e come amare ogni essere umano fino a morire per lui, per questo Gesù ha detto: «non c'è amore più grande di quello che fa dare la vita a un uomo per salvare coloro ama” , ha dato il primo esempio, e in nome di Dio ha chiesto a ogni essere umano di adorarlo solo, di amarlo e di amare l'umanità.

"D'altra parte, per ristabilire il controllo del denaro sulle persone ; per la prima volta nella storia, Gesù accenna al denaro indicando che è un dio: "non si possono adorare due dei, Dio e il denaro", e Gesù ha detto parole che sono difficili da accettare per l'essere umano: “ama i tuoi nemici” ma ancora oggi, chi può amare il suo nemico? 

"Gesù ci ha insegnato ad amare i nemici anche per trasformarli in fratelli e amici , ha detto una parola che voglio che tutti meditino sul suo significato , quando i suoi discepoli gli hanno chiesto di pregare e di insegnare loro a pregare "Padre nostro", ha detto loro: Dio è un padre per tutti, un padre per voi, per me, un padre per ogni essere umano sulla terra qualunque sia la sua identità, nazione o fede, Dio è il Padre di tutti , questo è stato solo offerto da Gesù e presentato in una società ebraica molto chiusa.

"Prima hanno dubitato ma dopo averlo visto morire e risorgere hanno creduto alla sua parola, ma hanno mantenuto una mentalità ebraica, cioè la verità dovrebbe appartenere solo a loro, così ha mandato uno di loro, uno dei più fedeli nel suo l'ebraismo e lo illuminò con la sua luce a Damasco, fu Saulo, trasformando Saulo in Paolo e Paolo, liberò i discepoli dal loro ebraismo e li mandò a predicare la parola di Dio in tutto il mondo, perché diffondessero la verità di Gesù in tutto il mondo, il mondo come amore di Gesù per quel mondo, questo è ciò che voglio ricordarvi oggi.

"Ora passo alla seconda idea, vieni da Cuba, il paese della resistenza e della resistenza nel cristianesimo non è nuovo in America, si è diffuso in tutto il mondo, ma ora è centrato in Sud America.

"La resistenza ha incontrato personalità straordinarie, combattenti che erano sacerdoti e vescovi, e il primo di loro è stato Camilo Torres dalla Colombia , che ha insegnato e fondato un partito forte, poi ha perso la speranza nei partiti, così ha deciso di combattere ed è caduto come martire in 1966, e poi fu Óscar Romero , il pastore pacifista e poi, quando fu investito della carica di vescovo , si rese conto della povertà che devastava il suo popolo e gradualmente si trasformò e la sua parola divenne arma di resistenza, egli fu assassinato divenendo martire il 24 marzo 1980; e c'era un altro vescovo, Hélder Câmara dal Brasile , che ebbe un ruolo importante e fu accusato di essere un vescovo rosso, poi molte persone lo hanno sostenuto ed è diventato un simbolo della Chiesa che chiede la liberazione; nel 1986 fu emesso a Roma un comunicato che approvava la Teologia della Liberazione”.

-Talvolta la religione cristiana è stata bollata come elitaria, la Chiesa si è allontanata dall'essenza del pensiero di Gesù Cristo, dalla sua semplicità, dalla sua umiltà, dai suoi ideali di vita semplice?

-Qui devo fermarmi a due periodi; Il primo periodo del cristianesimo iniziò con solo la fede in Gesù e l'amore per Gesù, e quella fede e quell'amore si diffusero con la parola e l'amore, senza l'uso della forza, al punto che i pagani dicevano dei cristiani che si amano; migliaia, anzi decine di migliaia di loro morirono martiri, partendo da al Quds (Gerusalemme) , passando per Damasco e diffondendosi in tutto il resto dell'Impero Romano, uno dei grandi scrittori del Nord Africa, Tertulliano, disse: “il sangue di i martiri è seme di cristiani”. 

"Ogni volta che venivano uccisi, sempre più pagani si convertivano al cristianesimo e accettavano la fede in Gesù ; nel 313 l'imperatore Costantino riconobbe il diritto all'esistenza del cristianesimo, ma da allora, purtroppo, la Chiesa iniziò a diventare un'istituzione, un'istituzione che fu immersa sempre di più nei labirinti del potere temporale, e ancora oggi soffre di questi errori che hanno in gran parte allontanato la Chiesa dall'umiltà e dal distacco di Gesù e dall'amore di Gesù per i poveri. 

"La maggior parte dei funzionari della chiesa vivevano in palazzi, cercavano di imitare i principi dell'impero con i loro abiti, con le loro dimore, i loro privilegi e i loro possedimenti, anche in paramenti di preghiera, questo è mantenuto oggi nella Chiesa bizantina, oggi vediamo vescovi con corone imperiali e vesti ricamate, come se fossero imperatori del nostro tempo. 

«Tutto questo è un'eredità del passato; per questo la Chiesa, immergendosi nel mondo, ha perso gran parte della semplicità di Gesù e della presenza di Gesù con i poveri , ma ciò non ha impedito a molti sacerdoti, vescovi , monache e laici nella Chiesa e nell'istituzione in particolare, erano al servizio dei poveri, ricordo ad esempio Francesco d'Assisi e ai nostri giorni suor Emmanuelle, i fratelli Pierre e André-Marie Jacquard, l'abate Pierre di Francia, questi sono nomi che hanno portato con la loro fede, voce e cuore ai poveri, agli emarginati e agli esclusi, li hanno portati in tutto il mondo, che non conosce il nome Abbé Pierre e la fondazione Emmanuel, questo è un aspetto della presenza del Signore in questa istituzione. 

«Oggi, da semplice sacerdote che sono, senza titolo né rango, invito tutta la Chiesa, dal Vaticano all'ultima Chiesa nel mondo, a recuperare la semplicità di Gesù, a ritrovare l'umiltà di Gesù e la sua vicinanza alle persone, specialmente a quelle che soffrono, ai poveri e ai senzatetto; oggi, i poveri, i senzatetto, gli affamati e gli espropriati sono milioni sulla faccia della terra in attesa che la Chiesa dica una parola in loro difesa, purtroppo la maggior parte le chiese oggi tacciono. Perché? Io pongo la domanda e vorrei essere ascoltato da coloro che desiderano ascoltare". 

-Padre, in generale, i religiosi rifiutano le persone che praticano il materialismo dialettico, le persone che non praticano la fede. Come costruire dialoghi in nome dell'amore, credenti o no?

- Una delle cause del problema è dovuta a ciò che ho citato nella mia seconda risposta, la chiesa è diventata delle istituzioni che erano divise tra loro e a volte facevano concorrenza tra loro, altre volte erano nemiche, tanti non accettavano di dialogare con l'altro perché lui era l'altro; oltre a questo, questo fatto si rifletteva all'interno della Chiesa stessa, e mi chiedo se c'è un dialogo tra qualcuno in una posizione di responsabilità e un prete qualunque come me e lo dico in modo abbastanza schietto e semplice: il dialogo è spesso assente, il che è un peccato . 

"Basta dire che oggi ci è affidato l'amore di Dio verso l'essere umano, e l'essere umano soffre oggi di ingiustizia, povertà, senzatetto e orrore in tutto il mondo; dobbiamo sforzarci di incontrare l'altro, sia della nostra fede, sia della nostra chiesa, o ostile a noi, di dialogare con lui, e cercare di costruire un mondo umano di cui tutti abbiamo bisogno; e chi crede che mentre è nel suo palazzo è al sicuro dal male, dal terrore e dalla paura vive in un'illusione mortale. 

-Ha assistito agli anni più tristi vissuti dalla Siria durante la guerra, come può contribuire la fede al recupero di una nazione che è rinata e affronta ancora i pericoli della guerra?

-È vero che stiamo affrontando una guerra mondiale molto orribile, centoquaranta paesi hanno inviato combattenti in Siria e ci hanno mandato i cosiddetti terroristi, cioè più di mezzo milione di terroristi inviati in Siria, perché? Era per diffondere la fede e la pace? Certo che no, sono stati mandati a distruggere tutto, per non fare nulla più o meno per favorire Israele, e così da poter depredare la nostra ricchezza di petrolio e gas, così come le altre nostre risorse.

"Prima di questa guerra in Siria, musulmani e cristiani vivevano in armonia, e ne sono la testimonianza, che oggi ho novant'anni, e assicuro a voi e a tutti i telespettatori che dalla mia infanzia ad oggi ho avuto preziose amicizie con Musulmani, lascia che te lo dica Leslie, questo orologio che ho in mano è un orologio appartenuto al defunto Muhammad Aziz Abedeen, che era il direttore di (Dar al Iftaa) presso il ministero dell'Awqaf islamico a Damasco (Ministero dei beni religiosi), lui ed io eravamo più di due fratelli e più di due amici,è morto di cancro fulminante nel 1985, quindi sua moglie mi ha visitato con il figlio, il dottor Yasser Abedeen, mi ha consegnato questo orologio e ha detto: non ho visto nessuno che sia più vicino di te al nostro caro defunto per lasciargli questo souvenir, e l'ho portato in questo modo dal 1985. 

"In Siria viviamo in armonia tra musulmani e cristiani, la mia esperienza in questo campo è molto lunga,  la Siria ha un enorme potenziale umano, sono consapevole che l'essere umano siriano che ha creato l'alfabeto migliaia di anni fa conserva un'enorme ricchezza umana nel suo profondo, questo è ciò che mi ha spinto, prima di diventare sacerdote, a servire i giovani e i bambini, e tra loro ho servito i bambini piccoli con cui ho iniziato nel 1977, anche se avevo perso la voce, ho iniziato con loro a fondare un coro che è chiamato oggi ’Il coro dell’Allegria’.

"Ero fiducioso che avessero energie illimitate, anzi lo hanno dimostrato, quindi abbiamo girato il mondo con centinaia di bambini e centinaia di giovani uomini e donne in Europa, Australia e America, e nel 2009 siamo stati invitati ad aprire il World Festival Arab al John Kennedy Center di Washington, con centodiciotto bambini e trentaquattro musicisti musulmani e cristiani al seguito. 

“Abbiamo trascorso quattordici giorni negli Stati Uniti, la gente non ci credeva, musulmani e cristiani, cantiamo insieme, suoniamo insieme, viviamo insieme, ed è quello che facciamo in Siria e ci scommetto oggi; è vero che quello che è successo ha disperso molti, sfollato milioni e ferito molti, noi, nel Coro della Gioia, abbiamo perso cinque giovani, donne e bambini che sono morti e ora sono martiri, ma continuiamo.

"Inoltre, vorrei aggiungere che un evento ha avuto luogo a Damasco a partire dal novembre 1982, l'apparizione della Vergine e di Gesù Cristo, hanno detto parole che oggi confidiamo per il nostro presente e il nostro futuro, spero oggi di avere l'opportunità per raccontarvi cosa è successo in questo modesto quartiere di Al Sufaniyah, per ripetere loro ciò che ha detto la Vergine Maria e ciò che ha detto nostro Signore Gesù Cristo con parole che non si pronunciavano da duemila anni fino ad oggi; tra ciò che Gesù disse nel 2004 davanti a una grande folla ad Al Sufaniyah che includeva medici, teologi e personale dei media stranieri, anche dal Brasile:'il mio ultimo comandamento per voi è che ognuno di voi torni a casa, ma porti l'oriente nei vostri cuori, da qui una luce è emersa di nuovo, siete i suoi raggi per un mondo che è stato sedotto dalla materia e dalla fama fino a perdere quasi i propri valori ; quanto a te, mantieni il tuo orientalismo, non permettere che la tua volontà, libertà e fede siano usurpate in questo Oriente». 

"Malgrado la nostra debolezza, Cristo ci chiede di non rassegnarci”. 

-Padre, in nome della religione musulmana e presumendo di essere fedele all'Islam, ISIS e DAESH sono stati responsabili di grandi massacri e guerre. Tuttavia, altri musulmani affermano che il comportamento di queste organizzazioni non ha nulla a che fare con l'essenza dell'Islam. Come può un cristiano come te presentare la religione musulmana ai latinoamericani, che hanno questa realtà così lontana geograficamente ed emotivamente?

-Mi hai chiesto di parlare dell'Islam, per la gente dell'emisfero occidentale, lascia che te lo dica per scherzo: temo che alcuni penseranno che abbia ricevuto milioni di dollari per aver detto quello che dico, ma dirò quello che so dell'Islam, e vorrei citare il primo incontro tra musulmani e cristiani, a Damasco nell'anno 635. 

"Vorrei ricordare al mondo intero cosa è successo in quel giorno storicamente noto in cui ogni conquistatore stava devastando tutto, ma quando i musulmani assediarono Damasco nel 635, la Siria stava uscendo da un'occupazione persiana durata 14 anni e aveva esaurito le sue forze.

"Tuttavia, i musulmani furono pazienti nel loro assedio e negoziarono con i notabili cristiani di Damasco e concordarono con loro di entrare pacificamente in città in cambio del pagamento di una tassa, e che i cristiani conservassero tutto ciò che possedevano, inclusa la Chiesa di Giovanni Battista, che era una meravigliosa basilica che occupava il cuore della città, e ai musulmani veniva data la possibilità di restare al lavoro o di lasciare il paese, portando con sé tutto ciò che possedevano quei dipendenti pubblici cristiani. 

"Ecco cosa accadde, i funzionari cristiani rimasero nelle istituzioni dello stato islamico, ma la lingua rimase la lingua dei greci, cioè la lingua degli antichi bizantini, i sigilli dello stato rimasero i sigilli degli imperatori bizantini fino all'anno 85, quando il califfo Abdul Malik bin Marwan volle arabizzare le istituzioni statali.

"A quel tempo, i funzionari finanziari del Califfato omayyade erano cristiani, compreso quello che in seguito divenne San Giovanni di Damasco dopo essersi recato a Gerusalemme e aver vissuto nel monastero di Mar Saba vicino a Betlemme.

"E un'ultima cosa vorrei ricordare, i musulmani pregavano nella Chiesa di Giovanni Battista dal 635 al 705, settant'anni e pregavano nella chiesa. La fraternizzazione tra musulmani e cristiani ha aperto la strada a un'emergenza che è stata dimostrato nel tempo e ha costituito, a mio avviso e a parere di molti, la forza della resistenza contro la guerra che si è scatenata contro la Siria. Questo è qualcosa che tutte le persone, compresi i musulmani e i cristiani dell'America Latina, dovrebbero sapere.

"L'Islam, quando è arrivato, non era sanguinoso come quando Daesh è apparso tra noi. In origine sono stati gli Stati Uniti a crearlo. Speravo che i riferimenti islamici ufficiali denunciassero ciò che è successo per mano di Daesh, fino ad oggi non ho sentito una denuncia ufficiale delle istituzioni musulmane del mondo, in particolare di Al-Azhar, e se sbaglio mi scuso".

-Perché pensi che queste nazioni e regioni arabe siano state storicamente mascherate dalla guerra in nome di conflitti religiosi?

-Dicono della regione araba che è una zona di guerre e tribù, infatti è andata così, ma è stata anche una zona di conquista, gli invasori provenivano da diverse parti dell'Asia centrale, i Mongoli, i Turchi e altri. Poi arrivò a noi l'invasione dei Franchi con quelle campagne che chiamavano crociate e che non avevano nulla a che vedere, né vicine né lontane, con la croce di Gesù o con Gesù.

"Sono venuti con centinaia di migliaia di elementi armati e hanno occupato il nostro Paese, hanno commesso omicidi, sfollamenti e si sono stabiliti qui fino alla loro partenza. Tuttavia, dico a coloro che ci accusano di essere semplici tribù che si combattono tra loro: era l'Occidente cristiano in un posizione migliore della nostra? L'Occidente era tutto cristiano, eppure aveva guerre di religione molto brutte di cui ci si vergogna quando ne si legge oggi, e il cristianesimo in Occidente era diviso in diverse sette che si facevano guerre l'una contro l'altra per centinaia di anni. Quello che è successo a noi è stato molto più facile di quello che è successo a loro, perché dicono di credere in Gesù, il Dio dell'amore. Allora perché hanno combattuto e hanno portato il nome di Gesù? Gesù? Perché?" 

Frei Betto, il teologo brasiliano che ha difeso la teologia della liberazione, è stato un grande amico del comandante Fidel Castro e un intellettuale latino-americano che difende la visione di Fidel di costruire uno Stato laico. Pensi che i comportamenti umani definiscano più delle posizioni religiose?

-Credo che le idee e le ideologie seguano il sentimento umano prima del ragionamento logico. Sono sicuro che il frate e scrittore domenicano, Frei Betto, ha pensato con il cuore quando ha parlato di Fidel Castro e della sua Rivoluzione prima di pensare con la mente, e il cuore parla all'uomo con il linguaggio dell'amore.

"Betto ha scoperto in questa lingua che Fidel Castro, un giovane che avrebbe potuto vivere con calma e senza problemi proprio come Che Guevara, ma Fidel Castro ha deciso di sacrificare tutto per la giustizia a Cuba. Ecco perché Frei Beto ha deciso di incontrare Fidel, e Sono sicuro che fu lui a cercare quell'incontro, la grande sorpresa fu quando si incontrarono.

"Vorrei citare Gustavo Gutiérrez e Leonardo Boff che sono anche grandi teologi della liberazione. Credi che abbiano disegnato la teologia della liberazione nelle loro menti o è perché amavano il loro popolo ed è per questo che hanno pensato alla teologia della liberazione? Teologia della liberazione chiama la liberazione per liberare e onorare l'essere umano, questo viene sempre dal cuore, poi quando arriva alla mente, diventa una forza potente e nulla lo ferma.

"Ringrazio Dio che Frei Betto abbia preso l'iniziativa di conoscere da vicino Fidel Castro, e ora ricordo che la signora Wafica (direttore di Al Mayadeen Spanish ) mi ha dato il libro su Fidel e Religione sull'incontro di Frei Betto con Fidel.

- Abbiamo menzionato l'America Latina, una regione molto cristiana, dove è originario anche Sua Santità Papa Francesco: cosa è necessario per rafforzare un dialogo tra i religiosi di questa parte del mondo e l'America Latina?

-La tua domanda solleva un'altra grande domanda: quanti religiosi in questo Oriente arabo credono nella teologia della liberazione? Penso che siano pochissimi, forse per paura dei provvedimenti che l'autorità ecclesiastica può prendere nei loro confronti, ma prevale la realtà, la realtà che l'uomo di oggi esige dalla Chiesa, ovunque si trovi, qui e in America Latina, pensate al destino dell'umanità e pensare ai mezzi che possono permettere alla società di diventare più umana e più rispettosa dell'essere umano e più degna dell'uomo.

-Padre, è possibile un mondo migliore?

-Il problema non è nella mia convinzione, credere in un mondo migliore è una necessità, se non crediamo nella necessità di un mondo migliore, non faremo lo sforzo per raggiungere questo mondo. Se mi accontento di aspettare, posso scoraggiarmi e non muovermi, ma se ho fiducia in un futuro migliore, sarò determinato, e se sarò determinato inizierò a lavorare e mi sforzerò di trovare qualcuno che creda in questo lavoro come Lo faccio, e poi con le mani unite lavoriamo insieme ovunque ci troviamo in America Latina o qui o in Europa o in Russia o in un altro paese. L'importante è che le mani siano intrecciate in un unico amore.

-Le abbiamo detto prima di iniziare questa intervista che i paesi arabi ci hanno accolto due mesi fa, in particolare il Libano, ma noi siamo giornalisti latinoamericani, cubani. Padre, potrebbe per favore mandare un messaggio a coloro che ci vedono e ci ascoltano da quella parte del mondo.

-Leslie, attraverso di te voglio salutare tutti i popoli dell'America Latina e soprattutto il popolo cubano perché sei di Cuba, sono sicuro che se continuiamo a cercarci con amore, con rispetto, con onestà e con sacrificio, poco a poco a poco saremo in grado di costruire cellule di persone che amano l'umanità e che cercano di realizzare una società umana, poi l'America Latina farà parte di questo Oriente arabo e questo Oriente arabo farà parte dell'America Latina perché il mondo è molto piccolo, perché e per cosa siamo in conflitto?

"Vorrei concludere questa intervista, in una parola, che fu detta dal primo cosmonauta nordamericano che salì sulla Luna e vi fece il primo passo, ho dimenticato il suo nome, disse "Sono venuto per la prima volta nella mia vita ho perso i miei cari e non ho pianto, ho perso mio padre e non ho pianto, ma quando ho visto la Terra dalla luna così microscopica ho pianto e mi sono chiesto perché le persone non si amano altro invece di essere in conflitto? credere che un mondo dignitoso per tutta l'umanità sia possibile e forse possiamo far parte di coloro che lottano per raggiungere quel mondo. 

"Grazie Leslie, grazie al popolo di Cuba e grazie a tutti i miei fratelli in America Latina".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti