Deliri nelle spiagge italiane: “E chi ci metti eh, chi ci metti adesso?”

Deliri nelle spiagge italiane: “E chi ci metti eh, chi ci metti adesso?”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mare. Sotto la canicola che picchia senza pietà traversare il sabbione, che poi di misero ciottolato ligure si tratta, diventa una camminata sui carboni ardenti. Vorrei stare tranquillo, niente rumori molesti ad aizzare i pensieri già abbastanza storti che girano in testa in questo periodo buio come la pece, eppure mi tocca. La voce tediosa del vicino gracchia come una radiolina sintonizzata malissimo.

“E chi ci metti eh, chi ci metti adesso?”

Parla con qualcuno ma per come è messo con quel panzone che sembra incinto di un’anguria potrebbe benissimo parlare alla sua ungh incarianata.

“Dico c’avevamo (avevamo?) uno che parlava l’inglese perfetto, uno che con l’Europa faceva la sua figura (ahh adesso ci siamo) o no? Ma li hai visti gli altri, chi ci metti adesso eh?”

Il compare omerteggia, teme di sbilanciarsi, s’imbosca. Sicuramente non parla l’inglese e, pare, neanche tanto bene l’italiano. Poi azzarda.

“Beh, un Di Maio…

Silenzio.

“Certo, è intelligente (che cazzo hai detto, Di Maio intelligente?), ha imparato l’inglese (ossignur!). Si è migliorato, è cresciuto. Però è troppo giovane”

Mi alzo per gettarmi in acqua sperando di emergere in una altra dimensione ma le voci mi inseguono anche là.

“Guarda parli con una berlusconiana (è una donna! L’essere spiaggiato di fianco al panzone come un budino squagliato è femmina!) quindi.

Mi butto e faccio una tirata a stile fino a scoppiare. Il dubbio mi rode; perché quindi? che vuole dire quel quindi? Tanto valeva dire mannaggia, oppure poffarbacco. Invece quindi, come se dopo si volesse svolgere un pensiero, un’idea a dare un senso logico al periodo. Invece nulla.

La tipa l’ha buttato lì alla cazzo tanto per fare un verso come un animale inconsapevole del proprio linguaggio. Però l’associazione Berlusconi Di Maio, o meglio la staffetta Berlusconi di Maio come simbolo di continuità italica è verità. D’un tratto il significato di quel quindi diventa chiaro: i Draghi, i Monti, i Dini arrivano, devastano, fanno il lavoro sporco (Draghi ha fatto quello più sporco di tutti) poi se ne vanno. Ma i Berlusconi i Di Maio i Letta i Salvini le Meloni sono per sempre. Forever.

A meno che, zac, non si tronchi di netto la fila delle processionarie.

Edoardo   Laudisi

Edoardo Laudisi

Edoardo Laudisi (Genova, 1967) è scrittore e traduttore. Ha pubblicato il romanzo “Zenone” (2001, Prospektiva Letteraria) l’ebook “Superenalotto” (2013), il romanzo “Sniper Alley” (2015, Elison Publishing), il romanzo “Le Rovine di Babele” (2018, Bibliotheka Edizioni), il saggio “Germania anno nero” (2020 Edizioni Epokè). Laureato in economia, suoi articoli sono apparsi su numerose riviste e siti internet. 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti