Dipendente ebrea di Google si dimette e denuncia: "i colleghi palestinesi vengono messi a tacere"

Dipendente ebrea di Google si dimette e denuncia: "i colleghi palestinesi vengono messi a tacere"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In una lettera indirizzata ai suoi colleghi di Google, Ariel Koren ha annunciato di aver lasciato Google e ha accusato la società di ritorsioni contro di lei e altri dipendenti che si sono espressi a sostegno della Palestina.

"Invece di ascoltare i dipendenti che vogliono che sia all'altezza dei suoi principi etici, Google sta perseguendo contratti militari e colpendo le voci dei suoi dipendenti attraverso un modello di silenzio e rappresaglia nei miei confronti e molti altri", ha proseguito Koren, che si è definita una "lavoratrice ebrea di Google".

Koren, che ha precisato di aver lavorato in Google per oltre sette anni, è stata una dei due dipendenti che si sono espressi contro l'azienda nell'ottobre 2021 per il progetto Nimbus da 1,2 miliardi di dollari, una partnership tra Google, Amazon e il governo e l'esercito israeliano. Nel maggio 2021, in mezzo alla violenza militare israeliana che ha ucciso decinepalestinesi a Gaza, Google ha annunciato la sua parte nel Progetto Nimbus, ha scritto Koren.

Attraverso Project Nimbus, un sistema di cloud computing creato da Google e Amazon fornirà al governo e alle forze armate israeliane intelligenza artificiale e strumenti di apprendimento automatico.

"Ho costantemente assistito al fatto che, invece di supportare diversi dipendenti che cercano di rendere Google un'azienda più etica, Google mette a tacere sistematicamente le voci palestinesi, ebree, arabe e musulmane preoccupate per la complicità di Google nelle violazioni dei diritti umani dei palestinesi, al punto da vendicarsi formalmente contro lavoratori e creando un ambiente di paura".

Koren ha accusato Google di aver messo a tacere lei e i suoi colleghi per "proteggere i suoi interessi commerciali con l'esercito e il governo israeliani".

Nella lettera, Koren ha affermato che Google sta "armando" la sua diversità, equità e inclusione e i sistemi di gruppi di risorse dei dipendenti per "giustificare" il suo presunto silenziamento e ritorsioni contro i lavoratori che si esprimono contro il lavoro di Google con Israele.

Koren ha anche scritto che il gruppo per i dipendenti ebrei di Google, Jewglers, "funziona sistematicamente come uno sfogo per portare avanti le ideologie di destra con il pretesto di promuovere la diversità". Il gruppo di lavoro, seondo Koren, usa la sua "piattaforma e l'accesso ai lead di DEI e HR di Google" per "mettere a tacere le voci dei Googler che sostengono la libertà palestinese".

In un precedente articolo per Insider , Koren ha raccontato di come Google le chiedeva di trasferirsi in Brasile dopo aver parlato contro Project Nimbus mentre era in congedo per malattia nell'ottobre 2021.

La decisione di lasciare Google è stata "difficile", ha scritto Koren nella sua nuova lettera pubblicata su Medium, aggiungendo che ha il "privilegio" di parlare contro Google "in sicurezza", a differenza dei suoi colleghi e amici palestinesi.

"I nostri colleghi palestinesi meritano di meglio; i nostri utenti palestinesi meritano di meglio", ha ribadito Koren. "Il grande pubblico merita meglio di questo".

In una dichiarazione inviata via e-mail condivisa con Insider, un portavoce di Google ha dichiarato che la società vieta le ritorsioni sul posto di lavoro e ha "indagato a fondo" sull'affermazione di Koren, scoprendo che "non c'è stata alcuna ritorsione in questo caso".

"Un'agenzia governativa ha anche respinto questo caso quando la dipendente ha presentato una denuncia sostenendo di aver subito ritorsioni", secondo il portavoce di Google. "Inoltre, siamo orgogliosi che Google Cloud sia stato selezionato dal governo israeliano per fornire servizi di cloud pubblico per aiutare a trasformare digitalmente il Paese", ha aggiunto il portavoce di Google. "Il progetto include la messa a disposizione di Google Cloud Platform per le agenzie governative per i carichi di lavoro quotidiani come finanza, assistenza sanitaria, trasporti e istruzione, ma non è diretto a carichi di lavoro altamente sensibili o classificati".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti