Esclusa dal programma F-35 la Turchia avanza nello sviluppo del caccia stealth TF-X

Esclusa dal programma F-35 la Turchia avanza nello sviluppo del caccia stealth TF-X

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Da tempo la Turchia è impegnata nello sviluppo di un proprio caccia stealth di quinta generazione. Il progetto è denominato TF-X. Nel progetto sarebbe coinvolta anche la compagnia aerospaziale britannica BAE Systems. 

Secondo alcuni articoli di stampa la Gran Bretagna, dopo la sua uscita dall'Unione Europea, starebbe cercando di rivendicare il proprio ruolo negli affari mondiali. Anche supportando gli sforzi di Ankara per costruire il caccia TF-X. 

Intanto la Grecia, al centro di tensioni proprio con la Turchia nel Mediterraneo orientale, nel tentativo di aumentare la propria forza militare ha acquisito nuovi caccia Rafale di fabbricazione francese e ha concluso accordi per l'acquisto di ulteriori elicotteri Seahawk dagli Stati Uniti.

Inoltre, la Grecia ha anche sondato il terreno per acquisire caccia stealth F-35 di quinta generazione dagli Stati Uniti, che se arriveranno ad Atene, saranno come sale sulle ferite per la Turchia, dato che è stata espulsa dall'F-35 Joint Programma Strike Fighter a causa dell’acquisto dei sistemi di difesa S-400 dalla Russia. Per USA e NATO una mossa eccessivamente audace per un paese parte integrante dell’alleanza atlantica. 

Forse, la Turchia vuole proiettare il caccia TF-X come risposta al caccia, scrive The EurAsian Times. 

Secondo il sito web greco Pentapostagma, l'ambasciatore britannico in Turchia Sir Dominick Chilcott ha confermato che il partner principale del programma di sviluppo del nuovo caccia turco, BAE Systems, è soddisfatto dei progressi fatti nello sviluppo del nuovo caccia stealth.

Chilcott ha detto di sperare che la Rolls Royce, che fornisce i motori per il caccia Tempest di sesta generazione della Gran Bretagna, farà lo stesso per il caccia turco.

Il TF-X di quinta generazione (Turkish Fighter - Experimental) è un caccia da combattimento attualmente sviluppato dalle Turkish Aerospace Industries (TAI) per l'aeronautica turca e sarà esportato anche in altri paesi.

Il caccia stealth turco dovrebbe avere una lunghezza di circa 19 metri, con un'apertura alare di circa 12 metri e dovrebbe essere capace di spingersi sino a un’altitudine di circa 55.000 piedi.

Secondo il ministero della Difesa turco, il caccia dovrebbe effettuare il suo primo volo entro il 2023. Alcuni articoli suggeriscono che sarà lanciato con due motori GE F110.

Il caccia dovrebbe sostituire la flotta esistente di caccia F-16 Falcon in servizio con l'aeronautica militare turca e probabilmente soddisferà i requisiti della nazione per il combattimento aereo fino all'anno 2070.

Secondo alcune fonti, il caccia avrà capacità di attacco superiori e una tecnologia stealth, che consentirà al caccia di evitare di essere rilevato sui radar nemici.

Sarà inoltre dotato di caratteristiche moderne come la fusione multi-sensoriale, una migliore consapevolezza della situazione, alloggiamenti interni per le armi e un'elevata manovrabilità.

Secondo alcune indiscrezioni di stampa, i potenziali partner o acquirenti del caccia TF-X includono Bangladesh, Pakistan, Indonesia e Kazakistan.

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti