Etiopia, falliti negoziati sulla 'Diga del Rinascimento'. Cosa faranno Egitto e Sudan?

Etiopia, falliti negoziati sulla 'Diga del Rinascimento'. Cosa faranno Egitto e Sudan?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un nuovo ciclo di negoziati di 4 giorni che si sono svolti nella capitale della Repubblica Democratica del Congo tra Egitto, Sudan ed Etiopia sulla Grande Diga del Rinascimento, in costruzione sul fiume Nilo Azzurro, è fallito, hanno annunciato i rappresentanti del Cairo e Khartoum.

Prima dell'inizio dei colloqui, il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry li aveva definiti "l'ultima opportunità che i tre paesi devono cogliere per raggiungere un accordo".

Dall'Egitto e dal Sudan hanno affermato che l'Etiopia ha respinto l'iniziativa di invitare l'ONU, l'Unione europea e gli Stati Uniti a mediare sulla questione, oltre all'Unione africana, che ora svolge quel ruolo. "Questa posizione rivela ancora una volta la mancanza di volontà politica dell'Etiopia di negoziare in buona fede", ha dichiarato all'agenzia Reuters il ministero degli Esteri egiziano.

Da parte sua, l'Etiopia ha ribadito che riempirà il bacino della diga come previsto ed è disposta a fornire informazioni al riguardo.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri egiziano Shoukry ha ribadito, citato dall'AP, che il suo paese e il Sudan intendono portare il caso a organizzazioni internazionali, come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. “La comunità internazionale deve assumersi la propria responsabilità per evitare di cadere in situazioni che portano a tensioni e ulteriore destabilizzazione nell'Africa orientale e nel Corno d'Africa.

La scorsa settimana, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha avvertito che "a nessuno sarà permesso di bere una sola goccia d'acqua egiziana" altrimenti "la regione cadrà in una instabilità inimmaginabile".

  • L'Etiopia porta avanti il ??progetto, noto come 'la Grande Diga del Rinascimento Etiope', dal 2011 e lo considera vitale per il suo sviluppo.
  • L'Egitto, la cui dipendenza dal Nilo è stimata al 97%, teme che il rapido riempimento della diga possa diminuire notevolmente la portata del fiume e far sì che il Cairo non riceva abbastanza acqua.
  • Intanto il Sudan si preoccupa per la sicurezza della costruzione e teme un'alluvione e che l'acqua raggiunga anche le proprie dighe.

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti