Il "Piano d'azione per la democrazia europea" può sanzionare i cittadini dell'UE per l'esercizio della libertà di parola

Il "Piano d'azione per la democrazia europea" può sanzionare i cittadini dell'UE per l'esercizio della libertà di parola

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

OneWorld

Il "Piano d'azione per la democrazia europea" (EDAP) è stato appena svelato, ma invece di rassicurare tutti sull'impegno del blocco per i diritti umani nella sua lotta contro la cosiddetta "disinformazione", rischia pericolosamente di violarli proponendo sanzioni per i presunti fornitori di tali prodotti informativi contrassegnati arbitrariamente. Il documento inizia in modo abbastanza innocuo spiegando la necessità di “promuovere elezioni libere ed eque e la partecipazione democratica; supportare media liberi e indipendenti; e contrastare la disinformazione", tutto ciò che si afferma sarà fatto" nel pieno rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali sanciti nei Trattati e nella Carta dei diritti fondamentali, nonché nelle norme nazionali e internazionali sui diritti umani". Per quanto riguarda la suddetta Carta, notano come "la libertà dei media e il pluralismo dei media" siano "sanciti" in essa. L'EDAP condanna anche il fatto che "le campagne diffamatorie siano frequenti e le intimidazioni generali e le interferenze politicamente motivate siano diventate un luogo comune" quando descrive le minacce alla sicurezza dei giornalisti, alcune delle quali notano che sono "persino avviate da attori politici, in Europa e oltre", che "può portare all'autocensura e ridurre lo spazio per il dibattito pubblico su questioni importanti".

La definizione di "disinformazione"

Ciò rende ancora più sorprendente il fatto che l'EDAP prosegua successivamente a proporre sanzioni contro coloro che diffondono ripetutamente "disinformazione", che definiscono come "contenuto falso o fuorviante che viene diffuso con l'intenzione di ingannare o garantire guadagni economici o politici e che può causare danni pubblici". Sebbene promettano che ciò sarà fatto "nel pieno rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali", non viene suggerito alcun meccanismo trasparente per spiegare come determinano l'intenzione dell'individuo offensivo di condividere la presunta "disinformazione", né vi è alcuna menzione di un processo di appello per coloro che sono ingiustamente presi di mira per le stesse ragioni politiche che gli autori dell'EDAP avevano precedentemente condannato. Il documento rileva che le esperienze della task force East Stratcom del Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) (che, sebbene non menzionata nel testo, è il ministero degli Esteri e della Difesa dell'UE che gestisce anche il diffamatorio "UE vs. Disinformazione" portale che considera qualsiasi punto di vista "politicamente scorretto" non mainstream come "disinformazione" russa e/o cinese) giocherà un ruolo in questo processo, che è estremamente inquietante a causa di quanto politicamente motivate sono le determinazioni di quella struttura.

Una task force distopica per soffocare la libertà di parola

La task force EEAS East Stratcom rappresenta in realtà tutto ciò a cui l'EDAP ha precedentemente affermato di essere contrario. Per incanalare le stesse parole del documento, "Le campagne diffamatorie sono frequenti e l'intimidazione generale e l'interferenza politicamente motivata sono diventate un luogo comune", come evidenziato da un loro pezzo nel dicembre 2019 diretto contro di me personalmente e di “debunking” delle analisi di OneWorld (che sono interpretazioni personali dei fatti e non rappresentative di una "catena di comando dal Cremlino" come hanno scritto in modo diffamatorio senza alcuna prova se non speculazioni circostanziali). La loro etichettatura del sito come "una nuova edizione per il pantheon dei canali di disinformazione con sede a Mosca" dimostra che hanno arbitrariamente concluso che l'intento dei suoi autori come me è diffondere "disinformazione", che l'EDAP definisce "falsa o contenuti fuorvianti diffusi con l'intenzione di ingannare o garantire guadagni economici o politici e che possono causare danni al pubblico”. Non ho mai avuto un tale intento poiché lo scopo nella condivisione delle mie analisi è esclusivamente quello di stimolare il "dibattito su importanti questioni pubbliche", che è una dichiarazione di intenti personale che è effettivamente in accordo con ciò che l'EDAP afferma presumibilmente di voler proteggere.

"UE contro disinformazione" o "UE + disinformazione"?

Dalla mia esperienza di essere stato diffamato dal progetto "UE vs. Disinformazione" della task force EEAS East Stratcom, non ho fiducia nelle sue capacità di effettuare determinazioni indipendenti e accurate, ma piuttosto sospetto che si tratti di uno strumento politico esercitato dai ministeri degli Esteri e della Difesa dell'UE per intimidire coloro che condividono interpretazioni "politicamente scorrette" di "importanti questioni pubbliche". L'EDAP afferma che le sue proposte anti-disinformazione "non cercano e non possono interferire con il diritto delle persone di esprimere opinioni o di limitare l'accesso al contenuto legale o limitare le garanzie procedurali, compreso l'accesso a rimedi giudiziari". Tuttavia, il mio diritto di esprimere la mia opinione è stato violato dopo che il mio lavoro è stato diffamato come "disinformazione" (cosa importante senza che nessuno di quella piattaforma abbia mai tentato di contattarmi in anticipo anche su Twitter nonostante si riferisse al mio account lì e quindi fosse a conoscenza di esso prima della pubblicazione del loro pezzo), e non ho accesso a "rimedi giudiziari" dopo quello che hanno fatto. Sulla base di ciò che propone l'EDAP in merito alle sanzioni contro i presunti fornitori di "disinformazione", OneWorld, i suoi partner mediatici, me stesso e/o gli altri collaboratori, compresi quelli che sono cittadini dell'UE, potrebbero avere tali costi imposti ingiustamente.

Repressione dei cittadini dell'UE

Il vicepresidente della Commissione Europea per i valori e la trasparenza Vera Jourova ha detto minacciosamente a Radio Free Europe / Radio Liberty (RFE / RL) finanziata dal governo statunitense "in un'intervista in coincidenza" con la diffusione di giovedì dell'EDAP che "le sanzioni dovrebbero [sic ] seguire il regime di cybersanction dell'UE, che è stato utilizzato per la prima volta quest'anno per congelare i beni e introdurre divieti di visto per i trasgressori - principalmente cittadini e società di russi, cinesi e nordcoreani - che hanno attaccato il blocco". Altrettanto inquietante è stato il fatto che "non voleva specificare al momento (se le società di media russe come RT e Sputnik possono essere prese di mira in futuro), ma ha aggiunto che "possono essere attori governativi o non governativi, chiunque sarà hanno identificato, utilizzando prove molto valide, che sono produttori o promotori sistematici di disinformazione. '"Ciò conferma ciò che temevo quando ho letto l'EDAP, vale a dire che le persone impiegate da queste due società (compresi i cittadini dell'UE tra loro), nonché le persone come me, pericolosamente diffamato dalla Task Force del SEAE East Stratcom e da altri per aver presumibilmente fatto parte di una cospirazione di "disinformazione" dello Stato russo, un giorno potrebbero svegliarsi e trovarsi sanzionati dall'UE.

Le ambiguità di EDAP devono essere affrontate immediatamente

Al fine di attenersi sinceramente ai suoi principi dichiarati di rispettare le libertà delle persone, l'EDAP deve essere modificato per rimuovere qualsiasi ambiguità che potrebbe consentire la sanzione di singole persone, in particolare quelle che potrebbero anche essere cittadini dell'UE. Dopotutto, il suo "cane da guardia" "UE vs. Disinformazione" funziona più come un cane da attacco guidato politicamente, come dimostrato dalla mia esperienza personale di essere stato diffamato da loro (mi hanno voluto incriminare perché non è stato fatto alcun tentativo di contattarmi per commentare sullo stesso account Twitter di cui hanno scritto nel loro pezzo prima di pubblicarlo). Tutti hanno il diritto di esprimere liberamente le proprie opinioni anche se sono "politicamente scorretti", ed è praticamente impossibile per una struttura nebulosa che rappresenta l'intero ministero degli Esteri e della Difesa dell'intero blocco determinare con sicurezza l'"intenzione di qualcuno di ingannare o assicurarsi guadagni economici o politici che possono causare danni pubblici ”ogni volta che pubblicano, condividono o taggano qualcuno sotto tali prodotti informativi arbitrariamente contrassegnati. Nessuno può essere fiducioso nella capacità dell'UE di combattere i casi legittimi di "disinformazione" quando quell'etichetta diffamatoria viene lanciata in giro con spericolata imprudenza senza considerare le conseguenze in grado di sconvolgere una vita che potrebbe avere per le vittime come me.

L'alfabetizzazione mediatica è la soluzione alla "disinformazione"

L'EDAP lo ha indicato verso la fine del documento quando ha proposto di migliorare l'alfabetizzazione mediatica di tutti come ho suggerito in precedenza durante l'estate dopo essere stato vittima di un diverso attacco di diffamazione. Invece di violare i diritti delle persone e in particolare di coloro che potrebbero essere cittadini dell'UE, il blocco dovrebbe dare la priorità all'alfabetizzazione mediatica al fine di crescere una popolazione ben informata in grado di arrivare alle proprie conclusioni sui vari prodotti di informazione che incontrano. Etichettare falsamente qualcosa di "disinformazione" solo perché una superburocrazia governativa come il SEAE non può tollerare il fatto che qualcuno stia condividendo pacificamente un'opinione politica dissidente in linea con il diritto umano sancito dall'ONU di farlo scredita seriamente il blocco nel suo insieme e solleva domande sulle sue intenzioni dichiarate. La stessa Jourova ha detto in un discorso il giorno in cui è stato svelato l'EDAP: “Non vogliamo creare un ministero della verità. La libertà di parola è essenziale e non sosterrò alcuna soluzione che la metta a repentaglio", ma quello stesso documento che stava promuovendo fa esattamente questo quando si tratta della mia libertà di parola e di quella degli altri, in particolare di coloro che sono cittadini dell'UE anche se coinvolti casualmente in quella che viene erroneamente definita "disinformazione" o dipendenti di società di media straniere.

Pensieri conclusivi

Le sanzioni non sono mai la soluzione per combattere la cosiddetta "disinformazione", l'alfabetizzazione mediatica lo è, poiché la prima è simile alla stessa intimidazione statale contro cui l'EDAP pretende di essere, mentre la seconda è la prova della fiducia nelle capacità delle persone di arrivare autonomamente a proprie conclusioni. Solo un "ministero della verità" oserebbe sanzionare le persone, inclusi i propri cittadini (tuttavia ciò funzionerebbe nella pratica nonostante sia potenzialmente illegale secondo le leggi dell'UE poiché i beni dei suoi cittadini e la libertà di movimento non possono essere sequestrati / limitati senza ordinanza del tribunale), per aver esercitato la propria libertà di parola condividendo interpretazioni (analisi) “politicamente scorrette” dei fatti. Abbastanza ipocritamente, alcuni nell'UE affermano che la Russia sia una "dittatura", ma Mosca non ha minacciato di sanzionare i media stranieri, i commentatori stranieri e persino i suoi stessi cittadini attraverso sequestri di beni e/o restrizioni di viaggio per condividere opinioni che contraddicono il Cremlino. In effetti, a giudicare dalla stessa EDAP e dai sinistri accenni di Jourova nella sua intervista con RFE/RL, si può dire che l'UE sarà molto meno democratica della Russia se accetterà la sua proposta di sanzioni di "disinformazione", trasformando così il blocco in una moderna Unione Sovietica quando si tratta di sopprimere la libertà di parola e il dissenso pacifico.

 

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti