Il Qatar tenta di ristabilire la sua influenza nel nord della Siria

Il Qatar tenta di ristabilire la sua influenza nel nord della Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Qatar sarebbe coinvolto in uno sforzo per ristabilire legami diretti con i gruppi di opposizione armata in Siria, nel tentativo di riconquistare la sua influenza nel nord del Paese.

L'iniziativa del Qatar arriva sulla scia di un tentativo turco mesi fa di ristrutturare le forze di opposizione nel nord della Siria e creare una coalizione unificata di fazioni armate.

Nonostante le recenti tensioni tra Doha e Ankara sull'influenza nel nord della Siria - in particolare il tentativo di quest'ultima di limitare gli elementi dei Fratelli Musulmani (MB) all'interno dell'opposizione siriana – in un articolo di Al-Akhbar rilanciato da The Cradle, si ipotizza che la Turchia potrebbe accogliere con favore l'iniziativa del Qatar in quanto potrebbe alleggerire il suo onere finanziario.

Negli ultimi mesi, Ankara ha tagliato i fondi e trattenuto gli stipendi delle fazioni dell'opposizione siriana, tra cui Ahrar Al-Sham e la Terza Divisione, una situazione che il Qatar vorrebbe sfruttare.

Le tensioni tra i gruppi estremisti di Ahrar Al-Sham e della Terza Divisione hanno recentemente portato a pesanti scontri.

Fonti hanno riferito ad Al-Akhbar che, nel tentativo di migliorare le relazioni tra i due gruppi, una delegazione del Qatar ha recentemente mediato i colloqui per risolvere il conflitto.

Il Qatar ha offerto in cambio un aiuto finanziario significativo, garantendo che circa 30.000 combattenti continueranno a ricevere stipendi senza ritardi o interruzioni.

Il Paese del Golfo è stato un attore attivo nel conflitto siriano dal 2011, svolgendo un ruolo fondamentale nell'avvio della guerra.

All'epoca, il Qatar era coinvolto nell'istigazione alla defezione dall'esercito arabo siriano (SAA), offrendo fino a $ 50.000 in contanti ai soldati e alle loro famiglie per disertare e unirsi all'opposizione.

Le defezioni istigate dal Qatar hanno contribuito alla creazione del Free Syrian Army (FSA).

L'FSA ha finito per dividersi in diverse fazioni minori che si sono allineate con gruppi estremisti, tra cui Ahrar al-Sham.

Il Qatar ha anche fornito finanziamenti significativi a Jabhat Al-Nusra, braccio di Al-Qaeda in Siria, che nel 2016 si è riciclata come Hayat Tahrir al-Sham (HTS).

Nel marzo di quest'anno, il viceministro degli Esteri siriano, Bashar Al-Jaafari, ha affermato che uno dei motivi della guerra in Siria era l'interesse del Qatar a diventare il principale fornitore di gas naturale d'Europa.

"Uno dei motivi della guerra in Siria è stato il rifiuto [di Damasco] di estendere il gasdotto del Qatar all'Europa attraverso la Turchia per contrastare il gasdotto russo", ha sottolineato il viceministro degli esteri.

D'altra parte, il ministro degli Esteri del Qatar ha ricordato all'inizio di quest'anno che ricostruire i legami con la Siria è impossibile, nonostante i migliori sforzi di altri stati arabi per reintegrare Damasco nell'asse regionale.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti