Il segreto di Pulcinella dietro il boicottaggio delle cure anti-Covid

Il segreto di Pulcinella dietro il boicottaggio delle cure anti-Covid

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ma perché continuano a boicottare le cure anti-Covid? Verosimilmente, perché se queste fossero ufficialmente riconosciute, verrebbe meno l’autorizzazione all’uso di vaccini sperimentali permessa dall’OMS solo in assenza di efficaci terapie. E così si reimpone l’inutile protocollo “Tachipirina e vigile attesa” che, alla fine, manda il malato a morire negli ospedali (dove già ogni anno, normalmente, in Italia si registrano cinquantamila morti per infezioni ospedaliere) e dilaga la censura per chiunque osi parlare di terapie domiciliari precoci anti-Covid.

 Ne hano già fatto le spese, solo per citare i casi più recenti, l’impeccabile documentario “Le cure negate” (rimosso da Youtube e che ora è possibile visionare qui), i ricercatori dell’Istituto Mario Negri  (messi alla gogna da Burioni per avere pubblicato, su una rivista del gruppo Lancet, una ricerca che evidenzia l’assoluta efficacia delle cure domiciliari) e le decine di migliaia di persone e medici del Comitato Cura Domiciliare Covid che hanno riempito Piazza Duomo a Milano nell’assoluto silenzio dei media mainstream, in primo luogo del Servizio pubblico RAI.

Il 10 luglio, a Napoli, manifestazione nazionale indetta dal Comitato Cura Domiciliare Covid, vi terremo informati. Speriamo lo facciano anche gli altri.

Intanto, pubblichiamo la lettera dell’avvocato Erich Grimaldi, presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid, a Massimiliano Capitanio, Segretario della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

 

------

Egregio Onorevole Massimiliano Capitanio,

questa lettera è per chiedere maggiore trasparenza e informazione, soprattutto attraverso i canali della tv di Stato, relativamente alle proposte e istanze del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, che da oltre un anno supporta a domicilio e in telemedicina migliaia di persone in tutta Italia. 

Meno di una settimana fa a Milano, in piazza del Duomo, circa 10 mila persone sono intervenute per ascoltare, testimoniare, capire, quanto proposto dal Comitato per far fronte alla pandemia, per altro dopo aver avviato svariati canali istituzionali nel corso degli scorsi mesi. Non vi è stata una sola telefonata da parte di giornalisti della tv di Stato, parlo delle reti nazionali, in un anno intero di lavoro, perché? 

Ieri il senatore Massimiliano Romeo, che insieme al sottosegretario Sileri ci ha ricevuto a marzo proprio per ascoltare e comprendere il lavoro dei nostri medici, ha chiesto al Ministro Speranza il perché del mancato dialogo con tutti i medici che hanno lavorato sul campo, come per altro espressamente richiesto tramite voto pressoché unanime dallo stesso Senato, l’8 aprile scorso. Nessun telegiornale ne ha parlato. 

In un momento come questo, dove le armi in campo possono e devono essere molteplici, manca trasparenza, avvertiamo un vuoto nei contraddittori che non comprendiamo e reputiamo pericoloso. 

Lo stesso vale per la campagna vaccinale, quasi questo significasse voler negare la necessità di un vaccino, quando invece è corretto, anche in ottica di rassicurare tutta la popolazione, che la comunicazione circa i criteri di scelta siano i più trasparenti possibili. 

“Esiste la libertà di Stampa, eppure rispetto alla nostra esperienza avvertiamo da un anno un ostracismo incomprensibile”, dichiara l’avvocato Erich Grimaldi, presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, “la volontà di comprendere e approfondire non può che passare dal confronto, possibilità che dalla televisione di Stato non ci è stata mai concessa”. Lo stesso, prosegue Grimaldi “vale per la campagna vaccinale, per la quale nell’interesse di tutti sarebbe doveroso spiegare cosa significhi il consenso informato e in che modo vengono prese certe decisioni in merito alla somministrazione di un siero piuttosto che di un altro, a una determinata categoria di persone”. 

“Trovo frustrante il voler definire spesso in ottica dispregiativa il lavoro di questi medici da parte di alcuni colleghi”, dichiara Valentina Rigano, portavoce del Comitato, “quando basterebbe far sedere gli uni di fronte agli altri, nello stesso studio, i professionisti del nostro gruppo e chi sostiene che non vi siano evidenze circa il loro operato”. E, ancora, “abbiamo offerto la loro esperienza per ricerche e studi, un appello che nessuna televisione nazionale ha raccolto, non dovrebbe essere per tutti prioritario capire se esistano più armi a contrasto della pandemia?”. 

 

Il presidente Erich Grimaldi

La portavoce Valentina Rigano

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti