Israele non riconoscerà decisione Corte penale internazionale

Israele non riconoscerà decisione Corte penale internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il quotidiano ebraico "Yediot Aharonot" ha riferito che Israele informerà la Corte penale internazionale che non riconosce l'autorità del tribunale, che intende indagare sui crimini di guerra sui territori palestinesi.

Nell'articolo si conferma che il primo ministro israeliano , Benjamin Netanyahu, ha tenuto una lunga sessione con alti ministri e funzionari nel suo paese, oggi, , dopo la decisione di non collaborare con la Corte internazionale per quanto riguarda le indagini sui crimini di guerra nei territori palestinesi, entro il termine di domani per rispondere ad una lettera inviata dal tribunale stesso.

Il quotidiano ebraico ha aggiunto che alla riunione tenuta da Netanyahu hanno partecipato il ministro della Difesa Benny Gantz, il ministro degli Esteri Gabi Ashkenazi, il ministro dell'Istruzione Yoav Galant, il ministro dell'Energia Yuval Steinitz, il procuratore generale Avichai Mandelblit, il presidente del Consiglio di sicurezza nazionale Meir Ben Shabat.

Inoltre, il media ha precisato che Netanyahu aveva tenuto un'altra sessione, ieri, che si era conclusa senza una decisione definitiva, pur rilevando che il Primo Ministro intendeva, in effetti, informare la Corte penale internazionale che Israele non riconosce l'autorità del tribunale.

Il ministro palestinese degli Affari esteri e degli espatriati, Riyad Al-Maliki, si era precedentemente impegnato a continuare gli sforzi diplomatici in modo che Israele fosse ritenuto responsabile dei suoi "crimini", dopo che il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite aveva approvato "la risoluzione della Palestina sulla situazione dei diritti umani e garantire la responsabilità ", secondo una dichiarazione del ministero degli Esteri palestinese.

Il 23 marzo scorso, Al-Maliki ha dichiarato che 32 stati membri del Consiglio dei diritti umani a Ginevra hanno votato oggi a favore della risoluzione palestinese.

La risoluzione comprende 26 articoli e tratta la situazione dei diritti umani nei territori palestinesi da tutti gli aspetti sanitari, politici ed economici e parla degli obblighi di Israele come potenza che occupa le terre palestinesi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti