Korybko - I morti non raccontano storie: perché Kiev ha bombardato i suoi stessi soldati imprigionati nel Donbass

Korybko - I morti non raccontano storie: perché Kiev ha bombardato i suoi stessi soldati imprigionati nel Donbass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il bombardamento di venerdì mattina di un centro di detenzione nel Donbass ha causato almeno 50 morti e 75 feriti. Sia la Russia che la Repubblica Popolare di Donetsk (RPD) hanno accusato Kiev di aver compiuto questo crimine di guerra contro i propri soldati detenuti in quel centro, mentre l'ex Repubblica Sovietica ha ridicolmente affermato che i suoi nemici si sono bombardati da soli. Obiettivamente, l'interpretazione dell'incidente data dai primi è molto più realistica di quella ucraina.

Per spiegare, c'è una certa logica nel fatto che Kiev usi gli HIMAR forniti dagli Stati Uniti per uccidere i suoi soldati imprigionati - compresi quelli catturati durante la resa di Azovstal - in modo che non vuotino il sacco sui loro crimini di guerra. Vuole mettere a tacere i suoi militanti a tutti i costi, in modo che non forniscano prove che possano essere usate contro Kiev in tribunale o, per lo meno, che diano a Mosca una cosiddetta "vittoria propagandistica". Come si sul dire, i morti non raccontano storie.

D'altra parte, le affermazioni del proxy NATO guidato dagli Stati Uniti non reggono all'esame. La Russia e/o la RPD avrebbero potuto uccidere tranquillamente i soldati imprigionati se avessero voluto davvero coprire le torture come ipotizzato da Kiev. Inoltre, quelle persone erano risorse preziose per dimostrare che i loro avversari non sono gli angeli innocenti che si presentano. Non ha senso ucciderli, tanto meno bombardandosi in un modo così drammatico che si aggiunge all'infamia del sistema missilistico fornito dagli Stati Uniti.

Il lettore dovrebbe anche sapere che la Russia e la RPD affermano di aver trovato i rottami di alcuni missili HIMARS sul luogo dell'incidente, il che aggiunge ulteriore credito alla loro affermazione che Kiev è responsabile dell'attacco. Non aiuta la causa dell'ex repubblica sovietica il fatto che un alto funzionario della Difesa statunitense abbia già iniziato a trovare scuse per il paese proxy durante la conferenza stampa di venerdì, sostenendo preventivamente che Kiev "non voleva farlo".

La citazione esatta dal sito ufficiale del Dipartimento della Difesa recita come segue: "Ecco l'ultima cosa che direi, se si trattasse di un attacco ucraino, vi assicuro che, numero uno, non volevano farlo, giusto? Sicuramente si preoccupano della loro gente e si preoccupano dei civili e dei militari in uniforme del loro esercito". Non è molto convincente quando la stessa istituzione responsabile di aver vomitato innumerevoli bugie nel corso degli anni inizia a coprire il proprio partner in anticipo, adducendo un incidente.

Questo suggerisce di per sé che l'intelligence nordamericana è probabilmente ben consapevole dell'alta probabilità che Kiev abbia usato gli HIMARS per uccidere i propri soldati imprigionati affinché non condividessero le prove dei crimini di guerra che erano stati incaricati di commettere a Mariupol e altrove. Non c'è altra spiegazione logica per cui il Dipartimento della Difesa si comporterebbe in modo così sospetto se fosse estremamente fiducioso dell'innocenza del suo proxy come sta cercando di far credere.

Inoltre, proprio l'altro giorno un alto funzionario ucraino ha dichiarato a Newsweek che il suo schieramento "spara alla cieca" perché "non ha la tecnologia per trovare e correggere gli obiettivi dei colpi di artiglieria". In seguito ha chiarito che "il suo commento intendeva sottolineare la necessità che i partner occidentali dell'Ucraina continuino a fornire un equipaggiamento militare completo, e non che l'Ucraina stesse identificando o colpendo in modo improprio i suoi obiettivi", ma ha comunque sollevato delle perplessità alla luce di ciò che è accaduto giorni dopo.

Questo lapsus potrebbe essere stato intenzionale con il senno di poi, con lo scopo di creare preventivamente un insabbiamento nel caso in cui fossero state scoperte prove (come poi è avvenuto) che implicassero Kiev nell'attacco effettuato un paio di giorni dopo. Questo spiega anche perché il funzionario della difesa statunitense ha iniziato a ipotizzare che la complicità di Kiev nell'attacco potesse essere semplicemente un incidente. Preferiscono mettere in cattiva luce l'HIMARS in un paio di titoli di giornale piuttosto che assumersi la responsabilità di ciò che è appena accaduto.

Questo però non è realistico, dato che gli HIMARS sono apprezzati per la loro precisione, quindi non c'è motivo di credere che l'attacco sia stato qualcosa di diverso dall'intenzionale. Tuttavia, questa scusa potrebbe essere sufficiente a distrarre l'opinione pubblica occidentale se la Russia riuscisse a dimostrare la responsabilità di Kiev. Gli Stati Uniti possono semplicemente puntare sull'affermazione di quell'alto funzionario ucraino nella sua intervista a Newsweek e incolpare truppe impropriamente addestrate per aver bombardato "accidentalmente" i propri soldati imprigionati.

Nonostante questa spiegazione vada contro tutto ciò che i media occidentali guidati dagli Stati Uniti (MSM) hanno finora sostenuto sull'accuratezza degli HIMARS, è comunque molto più credibile della teoria del complotto di Kiev. Dopotutto, non c'è una spiegazione coerente del perché la Russia e la RPD dovrebbero bombardarsi per coprire presunte torture, quando potrebbero facilmente eliminare in silenzio i presunti testimoni senza attirare l'attenzione dei media globali su questa struttura.

Tornando all'incidente in questione, sembra proprio che Kiev sia stata presa dal panico per il fatto che i suoi soldati imprigionati avrebbero presto vuotato il sacco sull'ampia gamma di crimini di guerra che sono stati accusati di aver commesso e quindi ha deciso di ucciderli con gli HIMARS prima che potessero parlare. Questo insabbiamento, però, potrebbe alla fine essere stato del tutto inutile, poiché alcuni potrebbero aver già fornito la loro testimonianza, il che significherebbe che Kiev li ha uccisi per niente.

(Articolo pubblicato in inglese sulla Newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra