La Cina esorta gli Stati Uniti a spiegare il loro "saccheggio" di petrolio in Siria

La Cina esorta gli Stati Uniti a spiegare il loro "saccheggio" di petrolio in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha esortato gli Stati Uniti a "spiegare al popolo siriano e alla comunità internazionale il furto di petrolio".

"Secondo i dati ufficiali del governo siriano, oltre l'80% della produzione giornaliera di petrolio siriano è stata contrabbandata illegalmente dalle forze armate statunitensi nella prima metà del 2022",  ha dichiarato Wenbin in una conferenza stampa, ieri, sottolineando che "il saccheggio è una catastrofe umanitaria in Siria".

Il portavoce ha denunciato che "il diritto alla vita del popolo siriano viene violato senza pietà" da Washington "in tragiche circostanze di penuria di petrolio e cibo" da rendere l'inverno ancora più freddo per il popolo siriano. 

"Gli Stati Uniti sono molto avidi nel rubare risorse alla Siria, ma sono molto 'generosi' nel fornire aiuti militari a paesi stranieri, spesso al costo di miliardi o addirittura decine di miliardi di dollari", ha lamentato. A questo proposito, ha sottolineato che gli Stati Uniti cercano solo di "preservare i propri interessi e la propria egemonia", indipendentemente dal fatto che "prendano" o "consegnino", poiché il risultato è lo stesso: "far precipitare altri Paesi nel caos e nel disastro".

"Esortiamo gli Stati Uniti a rendere conto al popolo siriano e alla comunità internazionale del furto di petrolio e a smetterla di calpestare lo stato di diritto internazionale e di minare le norme internazionali", ha concluso.

Secondo un rapporto dell'agenzia statale siriana SANA, le forze di occupazione statunitensi continuano a saccheggiare le risorse naturali e agricole del paese. All'inizio di questo mese un convoglio di 60 camion carichi di grano e petrolio ha lasciato il territorio siriano in direzione di una base Usa nel nord dell'Iraq.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente